118 di Incisa, trovato l’accordo: un infermiere h12 sull’ambulanza

FIRENZE - Un infermiere per 12 ore sull'ambulanza a Incisa, in sostituzione del medico, sempre h12, che era stato tolto per il mese di agosto.  E' questa la soluzione emersa a seguito dell'incontro che si è tenuto nel municipio di Figline, tra la sindaca di Figline e Incisa Giulia Mugnai, l'assessore regionale al diritto alla salute Stefania Saccardi, il direttore generale della Asl Toscana centro, Paolo Morello Marchese, e il direttore sanitario dell'ospedale Serristori, Maurizio Grifoni. Alla riunione sono intervenute anche le associazioni di volontariato coinvolte nel servizio di emergenza del 118, quindi Arciconfraternita di Misericordia di Figline, Croce Azzurra di Figline e Croce Rossa di Incisa.

"Abbiamo compreso, nell'incontro di due giorni fa, le difficoltà del territorio per l'assenza a Incisa del medico h12 nel mese di agosto e abbiamo dato una risposta al territorio attraverso l'attivazione del servizio infermieristico h12 presso la medesima postazione - ha detto l'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi - Confermo nuovamente che dal mese di settembre sarà ripristinata la presenza del medico. Ringrazio il DG e la Sindaco di Figline per la collaborazione, e in particolare ringrazio le associazioni di volontariato del territorio, per aver compreso le difficoltà e aver collaborato ad una soluzione condivisa".

Anche la sindaca di Figline e Incisa Valdarno, Giulia Mugnai, commenta la notizia relativa all'arrivo di una figura professionale a disposizione del 118 di Incisa per il mese di agosto: "Siamo soddisfatti che la nostra richiesta sia stata ascoltata, ringrazio quindi l'assessore Saccardi e il direttore Morello per la pronta risposta, arrivata a soli due giorni di distanza dall'incontro fatto insieme alle associazioni di volontariato martedì scorso qui a Figline. La presenza di un infermiere h12 su Incisa servirà a coprire le emergenze del territorio nel mese di agosto e sarà di supporto al medico presente h24 su Figline. Del resto sarebbe stata inaccettabile la chiusura del Pet di Incisa a causa delle assenze del personale. Tutto ciò è stato scongiurato e voglio quindi ribadire la soddisfazione per questa sinergia tra istituzioni e volontariato, che ci permette di affrontare l'emergenza di agosto con un presidio che garantisce sicurezza ai cittadini in attesa di settembre, quando tutto tornerà alla normalità".

Dunque, per tutto il mese di agosto sull'ambulanza ci sarà un infermiere h24, da settembre tornerà di nuovo il medico.

I commenti sono chiusi