25 novembre: contro la violenza sulle donne un video di Regione e Università toscane

FIRENZE - Mercoledì 25 novembre ricorre la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Istituita dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1999, la Giornata intende sensibilizzare l'opinione pubblica su un tema di drammatica attualità anche in Italia, rispetto al quale il mondo della formazione, della ricerca e della cultura non può rimanere in silenzio.

La Regione presenta oggi (in Sant'Apollonia, a partire dalle ore 15) il settimo Rapporto sulla violenza di genere in Toscana. Un tentativo di leggere un fenomeno complesso, sfaccettato, ancora in parte sommerso; una realtà che vede coinvolti numerosi soggetti, sempre più consapevoli della necessità di integrare le rispettive azioni con la finalità di prevenire, proteggere e contrastare la violenza sulle donne, atto crudele che spesso determina pesanti conseguenze anche per i loro figli, poiché gli episodi di violenza avvengono infatti per lo più all'interno della cerchia degli affetti e delle relazioni.

Quest'anno il settore per le Pari Opportunità della Regione Toscana ha inteso tra l'altro promuovere un'attività comune degli Atenei toscani, che potrebbe rappresentare un primo passo verso un'auspicabile azione di condivisione e di raccordo delle politiche per le Pari Opportunità.

Il progetto è un video di otto minuti intitolato 25 novembre – Le Università della Toscana in staffetta, ed è teso a creare un costruttivo livello d'intesa all'interno di un'azione comune, che punta alla diffusione di un diverso modello educativo e di pensiero capace di fermare questa tragedia. Sul canale YouTube di Toscana Notizie è pubblicata una sintesi di presentazione del video di 50 secondi scaricabile dalle tv e dai siti on line da questo indirizzo: https://youtu.be/RBfxT5Gekhw

L'iniziativa consiste in un breve video che proporrà una simbolica staffetta di lettura (circa 3 minuti in tutto), in cui ciascuno degli Atenei della nostra Regione affida alla voce di un suo rappresentante la lettura di un breve passaggio di un testo letterario  che affronta il tema in questione.

Passandosi idealmente il testimone della lettura, le Università della Toscana, dopo l'introduzione della vicepresidente e assessore alle Pari Opportunità Monica Barni, si fanno così protagoniste di una testimonianza unitaria che sarà diffusa attraverso i siti di ciascun Ateneo e promossa attraverso gli organi di informazione.

 

I commenti sono chiusi