A Livorno una ludoteca nel carcere per i più piccoli

A Livorno una ludoteca nel carcere per i più piccoli

Una ludoteca, destinata ad accogliere i minori che accedono al carcere di Livorno per far visita a genitori o parenti detenuti. L’iniziativa è stata presentata oggi da Telefono Azzurro e della Casa Circondariale di Livorno.

La struttura, realizzata nel 2018 grazie alla collaborazione di Ikea Pisa, ha lo scopo di facilitare il ricongiungimento familiare, creando spazi ludici dove i detenuti possono intrattenersi con i loro parenti più piccoli. L’iniziativa rientra nel progetto ‘Bambini e carcere’, promosso da Telefono Azzurro nelle carceri di tutta Italia e a Livorno, dove vede impegnati volontari opportunamente formati e periodicamente aggiornati, di età compresa tra i 18 e i 75 anni. Il gruppo presta servizio due sabati al mese e partecipa anche alle iniziative organizzate all’interno dell’istituto per la cura e il sostegno alla genitorialità.
Nel terzo trimestre del 2019 -spiega una nota – i volontari hanno accolto in ludoteca minori dai cinque mesi ai 13 anni e, grazie ai rapporti con la direzione dell’istituto, con l’area educativa e con il personale di polizia penitenziaria, è stato possibile organizzare momenti ludici anche per i detenuti della sezione ‘Alta sicurezza’.

L'articolo A Livorno una ludoteca nel carcere per i più piccoli proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi