Agenzie per l’impiego, verso l’accordo Regioni-Governo. Salvo il personale dei Centri impiego

FIRENZE – Segnali positivi sulla vicenda del personale dei Centri per l'impiego  e sulla soluzione per il futuro delle Agenzie del lavoro. Oggi il vicepresidente Vittorio Bugli e il consigliere del presidente Gianfranco Simoncini, incontrando le organizzazioni sindacali del pubblico impiego per un punto sulla situazione, hanno sottolineato il ruolo forte che Enrico Rossi sta svolgendo, nella sua qualità di coordinatore delle Regioni, per dare soluzione alla questione nel confronto con il Governo.

Oggi Rossi ha avuto un incontro a Roma con  il ministro Poletti e i sottosegretari alla presidenza del consiglio De Vincenti e agli affari regionali Bressa, definendo un percorso in grado di costruire  un quadro definito al problema già giovedì prossimo, prossima data fissata di negoziazione. Nel corso dell'incontro Rossi ha ribadito la volontà delle Regioni di svolgere un ruolo decisivo nell'ambito delle politiche attive del lavoro, e quindi la richiesta di dare soluzione al ruolo delle Regioni nella gestione operativa a livello territoriale delle politiche per il lavoro, legato naturalmente a una quadro di risorse certe di finanziamento per il personale impegnato nei centri per l'impiego.

Bugli e Simoncini hanno ricordato la prima risposta venuta dagli emendamenti approvati oggi in commissione Bilancio, in particolare  la proroga per i contratti a tempo determinato per il personale dei Centri impiego, che risolve al momento la situazione di Pistoia e Massa. Ma anche l'aumento delle risorse per i Centri per l'impiego, che passano da 70 a 90 milioni di euro.  L'appuntamento in Regione con le organizzazioni sindacali a subito dopo l'esito del confronto col Governo giovedì prossimo.

 

I commenti sono chiusi