Agricoltura, con il 2016 ARTEA inaugura la “domanda grafica”. Remaschi: “Altro impegno rispettato”

FIRENZE – Dal 1 gennaio 2016 ARTEA, l'agenzia della Regione Toscana per le erogazioni in agricoltura, ha inaugurato una nuova modalità per la presentazione delle domande di aiuto, la "domanda grafica".

"Si tratta di un passo avanti per la semplificazione in agricoltura – spiega l'assessore Marco Remaschi – ed era un altro dei punti del programma di governo della legislatura che ha trovato adempimento. Un nuovo modello la cui applicazione viene sollecitata a livello europeo e che lo stesso mondo imprenditoriale agricolo della Toscana aveva richiesto. Grazie a questo sarà più semplice per le aziende compilare il piano colturale aziendale, indicare dove svolgono le proprie attività e cosa coltivano, sarà più semplice inoltrare le domande di aiuto in agricoltura e sarà anche più efficiente il sistema dei controlli. Dunque – conclude l'assessore – un altro impegno rispettato, per il quale intendo rivolgere un forte ringraziamento ad ARTEA che oltre a garantire il lavoro ordinario, con il raggiungimento di tutti gli obiettivi di spesa del Programma di Sviluppo Rurale, dimostra una forte spinta all'innovazione per fornire un servizio sempre migliore in campo agricolo."

"Una volta disegnato il piano di coltivazione grafico– spiegano da ARTEA – sulle immagini che periodicamente vengono scattate da voli aerei dell'AGEA, l'agenzia nazionale per le erogazioni in agricoltura, le funzionalità messe a disposizione dal sistema informativo di ARTEA permettono di presentare immediatamente la domanda di aiuto. Per le aziende, grazie agli strumenti geospaziali sarà più semplice effettuare le comunicazioni e inoltrare le domande, ma anche effettuare modifiche se necessarie."

Già 200 sono stati i soggetti, fra i consulenti aziendali, i centri di assistenza agricola e i tecnici appartenenti alle associazioni di categoria, ai quali è stato presentato il funzionamento del piano di coltivazione grafico e della domanda di aiuto grafica.

I commenti sono chiusi