Al via il primo MOOC sull’insegnamento dell’italiano realizzato dall’Università per Stranieri di Siena

FIRENZE -  E' il primo MOOC (Massive Open Online Course) dedicato all'insegnamento e alla diffusione nel mondo della lingua italiana, la sua ideazione si deve al lavoro e alla creatività di un team di docenti e e per la parte tecnica (realizzazione video, montaggio, sottotitolazione)del Centro Servizi Audiovisivi e Multimediali dell'Università  dell'Università per Stranieri di Siena. Ha preso il via questa settimana e in questo breve spazio di tempo le iscrizioni hanno già raggiunto quota 45mila da oltre 50 Paesi; USA, Brasile, Australia, Russia, Spagna,UK, solo per fare qualche esempio.

Introduction to Italian, questo il titolo dato al corso, è destinato a chi vuole studiare la lingua italiana dal livello iniziale, è del tutto gratuito, impegna mediamente, a secondo della costanza di chi apprende, per sei settimane ed è ospitato dalla piattaforma FutureLearn, una delle più grandi al mondo, in grado di offrire i più alti standard di qualità nei servizi di fruizione del materiale didattico.  Durante il corso lo studente ha la possibilità di apprendere le strutture base dell'italiano per cominciare a muoversi nei contesti comunicativi principali (presentarsi, descrivere, chiedere informazioni ecc.); attraverso i dialoghi di una fiction video impara a usare la lingua italiana in determinati contesti, insieme a lezioni di grammatica e lessico, approfondimenti culturali e a esercizi autocorettivi con feedback per coloro che necessitano di aiuto.

"L'impegno del nostro ateneo in questa iniziativa – ha sottolineato stamani il rettore di Unistrasi Pietro Cataldi presentando l'iniziativa insieme alla vicepresidente e assessore alla cultura e università Monica Barni - testimonia ancora una volta la nostra capacità di collocarci all'avanguardia tanto nella diffusione della lingua italiana quanto nell'utilizzazione delle più aggiornate tecnologie capaci di promuoverla concretamente su uno scenario vasto quanto il mondo. Il successo strepitoso delle iscrizioni ci incoraggia ad avere fiducia nella strada intrapresa e nell'interesse per la nostra lingua e per la nostra cultura, particolarmente significativo in alcune zone strategiche del pianeta".

"Un successo che non esito a definire incredibile – ha aggiunto la vicepresedemte Barni – che sottolinea la domanda di lingua italiana che viene dal mondo intero. A questa domanda occorre rispondere in modo adeguato, tale da rispondere ai bisogni degli utenti. E oggi per gli utenti è importante studiare a casa propria, comodamente, tranquillamente. Il MOOC di Siena risponde a questa domanda attraverso l'uso più aggiornato di mezzi tecnolgici e di comunicazione; di qui l'alto numero di iscritti oltre ogni aspettativa. Ora dobbiamo saper utilizzare al meglio questa opportunità per favorire la conoscenza di Siena e dell'intera Toscana e la voglia di venire a provare l'italiano che si è appreso".

I MOOC sono diventati uno strumento importante per la promozione delle competenze in vari campi del sapere. Le più prestigiose università del mondo hanno fatto di questo strumento un cardine della didattica utile per raggiungere numeri sempre più grandi di studenti, dal momento che sono corsi completamente online e gratuiti.  Il corso è stato realizzato da un team di esperti di didattica dell'italiano: docenti di didattica delle lingue, di italianistica, di italiano a stranieri insieme a giovani ricercatori esperti di didattica con le nuove tecnologie e a curatori di materiali didattici video.

Il trailer è disponibile al link: https://www.futurelearn.com/courses/learn-italian, dove è possibile anche iscriversi  al corso.

A corredo del corso un blog su aspetti della cultura italiana, al link: https://about.futurelearn.com/blog/italian-espresso/

 

I commenti sono chiusi