Allarme Fp Cgil: scuole infanzia di Firenze, fuga delle insegnanti

Allarme Fp Cgil: scuole infanzia di Firenze, fuga delle insegnanti

Scuole dell’infanzia a Firenze, ben 17 insegnanti hanno scelto il ruolo allo Stato e saranno “rimpiazzate” da altrettante precarie. Allarme Fp Cgil: “Una vera fuga per garantirsi un futuro, nessuno si fida più dell’operato del Comune la cui politica produce gravi danni”.

Sono 17 gli insegnanti comunali che hanno scelto il ruolo allo Stato e che verranno “rimpiazzate” da altri insegnanti precari, per almeno tutto l’anno scolastico che sta iniziando.

Come previsto e più volte annunciato dalla Funzione Pubblica Cgil: “la politica dell’appalto nelle scuole dell’infanzia comunali, perseguita dalla Giunta Nardella/Giachi, sta producendo gravi danni”.

La fuga verso lo Stato ha una sola motivazione: la mancanza di certezza per queste insegnanti di poter continuare a svolgere la propria professione, per la quale hanno studiato, si sono laureate e hanno vinto un concorso in Comune.

Si legge in un comunicato della Fp Cgil: “la politica di Palazzo Vecchio, con l’estensione a tutte le scuole comunali del modello misto con il privato sociale, va nella prospettiva, insieme alla statalizzazione di alcune sezioni, di relegare a un ruolo sempre più residuale il servizio scolastico del Comune e così, senza prospettive, l’opzione per la scuola statale è scontata perché, almeno per ora, garantisce continuità alla funzione docente”.

L’esodo è la dimostrazione che nessuno si fida più dell’operato del Comune e mai come quest’anno la fuga verso lo Stato ha raggiunto tali livelli, coinvolgendo per altro anche il personale delle Cooperative che, a sua volta, emigra verso un lavoro stabile, sicuro e meglio retribuito. Per garantirsi un futuro.

Continua il comunicato: “l’ostinazione di questa Amministrazione, che sempre si è sottratta al confronto per costruire una scuola “possibile e sostenibile”, raccoglie purtroppo i suoi frutti: quest’anno molti insegnanti precari, molto turn over e grande incertezza sull’organizzazione del rinnovato “modello scolastico” che prevede pure l’alternanza fra insegnanti comunali e personale delle cooperative; in merito Giachi dichiarava che è un obbligo mantenere la distinzione tra questo personale”.

La Fp Cgil ha iniziato a dare il proprio contributo di idee per una scuola con un futuro credibile dal 2012 (Convegno “La scuola dei piccoli è una grande scuola”) convinta che la scuola comunale rappresenti una grande potenzialità per il territorio e, per questo, si debba costruire una prospettiva, anche se le risorse fossero minori.

Conclude la Fp Cgil: “Un progetto di sostenibilità della scuola dell’infanzia è possibile: investiamo nel pubblico, basta con politiche a sostegno dell’iniziativa privata, fermiamo l’esodo delle insegnanti e investiamo in occupazione stabile e qualificata”.

L'articolo Allarme Fp Cgil: scuole infanzia di Firenze, fuga delle insegnanti proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi