Aree di crisi, il 18 maggio i tavoli al Mise per Livorno e Massa Carrara

FIRENZE - L'accordo di programma per Livorno, Collesalvetti e Rosignano e l'intesa per la riconversione dell'area di Massa Carrara, saranno al centro di due incontri convocati, su richiesta del presidente della Regione Enrico Rossi, dal Ministero dello sviluppo economico per giovedì 18 maggio.

Alle 11.30, presso la Sala Commissioni, V piano, via Molise 2 a Roma, incontro per AdP "progetto di riconversione e riqualificazione industriale area di crisi industriale complessa polo produttivo Livorno, Collesalvetti, Rosignano Marittimo".

Partecipano rappresentanti dei ministeri dei Trasporti, Coesione territoriale, Lavoro e Ambiente, la Regione Toscana, i Comuni di Livorno, Collesalvetti, Rosignano Marittimo, l'Autorità portuale di Livorno, Rete ferroviaria italiana spa, Invitalia. 

All'ordine del giorno lo stato di avanzamento dell'avviso pubblico relativo alla legge 181/89 e dei protocolli d'insediamento, la realizzazione della Piattaforma Europa e lo scavalco ferroviario Porto-Interporto, il polo tecnologico e la messa in sicurezza idraulica.

Alle 13, nella stessa sala, si terrà la riunione per il protocollo d'intesa "Interventi per la riqualificazione e la riconversione area crisi industriale Massa Carrara".
All'incontro partecipano anche rappresentanti dei ministeri dei Trasporti, Coesione territoriale, Lavoro e Ambiente. Sono convocati Regione, Comuni di Massa, Carrara, Provincia di Massa Carrara.   
All'ordine del giorno lo stato di avanzamento degli interventi previsti dall'accordo di programma, aggiornamenti sulla copertura finanziaria per interventi per il porto, collegamenti ferroviari con l'area portuale, aggiornamenti sulle procedure per l'area di crisi non complessa e l'ipotesi di accordo di programma.
 

I commenti sono chiusi