Arezzo bandisce le sale giochi dal centro storico

Arezzo bandisce le sale giochi dal centro storico

Nella zona 1 limitazioni per diversi esercizi di natura commerciale. Minori prescrizioni nella zona 2.

Dal centro storico di Arezzo verranno bandite alcuni tipi di attività commerciali. A sancirlo è il nuovo regolamento sull’area approvato in Consiglio comunale. “L’obiettivo – ha spiegato l’assessore Marcello Comanducci – è quello di tutelare l’immagine del centro storico, salvaguardandone le peculiarità e considerandola base per lo sviluppo commerciale e turistico futuro. L’intero regolamento sarà consultabile nel sito del Comune.

“Il regolamento – prosegue Comanducci – prende in esame tre grandi temi: la limitazione ad alcune tipologie di attività commerciali, una maggiore attenzione al decoro e all’immagine della città e garanzie aggiuntive per gli eventi che si svolgono in zone di interesse storico e culturale”.

Nella zona uno non saranno consentiti market e minimarket, officine meccaniche, carrozzerie ed elettrauto, discoteche, sexy shop o attività di vendita di materiale erotico o pornografico. L’apertura di uno di questi esercizi o negozi sarà sanzionata pecuniariamente con conseguente chiusura immediata.

Minori prescrizioni nella zona 2 dove potranno trovare spazio market e minimarket purché con superficie di almeno 40 metri quadrati e dove siano posti in vendita prevalentemente prodotti italiani delle seguenti tipologie: frutta fresca, verdura fresca, prodotti da forno, latticini, carne, pesce. Le attività avranno tre mesi di tempo per integrare quanto già in vendita con prodotti italiani.

L’articolo Arezzo bandisce le sale giochi dal centro storico proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi