Argentina e Toscana, collaborazione tra università per sviluppare saperi e culture

FIRENZE – Un ponte tra Argentina e Toscana di saperi e di culture, quello costruito nell'incontro svoltosi in Regione che ha visto riuniti rappresentanti di dieci  università del nord-ovest del paese sudamericano e quelli delle tre sedi universitarie toscane. Primo di una serie  di incontri internazionali che verranno promossi dalla vicepresidente e assessore alla cultura, università e ricerca Monica Barni, ha l'obiettivo di avviare un confronto e una fattiva collaborazione tra i due sistemi universitari sul tema del ruolo dell'università nello sviluppo culturale, sociale ed economico dei territori di riferimento.

La vicepresidente Barni, presente insieme all'assessore alle attività produttive e al turismo Stefano Ciuoffo, alla signora Liliana Habreu della Direzione per le politiche universitarie del Ministero dell'Istruzione argentino e a Bruno Carapella, presidente della Fundacion Eurosur, istituzione argentina che promuove la cooperazione culturale, scientifica ed economica tra Europa ed America Latina, ha condiviso con tutti i partecipanti la necessità  di trovare spazi comuni di lavoro e di scambio di buone pratiche.

"La  Terza Missione, cioè l'insieme di attività relative a generazione, uso, applicazione e sfruttamento della conoscenza e della cultura e di altre capacità dell'università, al di fuori
dell'ambiente accademico che si sostanzia in attività di trasferimento tecnologico, educazione continua e impegno nel sociale – ha aggiunto Barni - costituisce, nel contesto non solo italiano in cui si trovano ad operare le istituzioni universitarie toscane, un nuovo contenitore di rapporti fra università e territorio, dove per territorio si intende la somma di tutti i soggetti: istituzionali, imprenditoriali, individuali".

"Condivido la necessità di trovare spazi di intervento e di concretizzazione di azioni congiunte in campi di interesse comune tra Toscana e Argentina", ha affermato da parte sua l'assessore Ciuffo. "Turismo e valorizzazione dei beni culturali e ambientali, agroalimentare e agroindustriale, ambiente e green economy, sono solo alcuni esempi dei campi applicativi di tale sforzo comune".

L'incontro si è concluso con l'impegno condiviso di arrivare in tempi rapidi alla definizione di un protocollo tra le università toscane e argentine, Regione Toscana e le istituzioni governative dei territori di riferimento delle università argentine presenti; tutti hanno sottolineato la necessità che questo atto debba avere l'obiettivo concreto di realizzare iniziative di mutuo scambio e di sviluppo territoriale.

I commenti sono chiusi