Aspettando il 2 giugno: venerdì 27 flash mob della Rete scuole musicali al Mandela Forum

L'Orchestra scolastica regionale della Toscana
L'Orchestra scolastica regionale della Toscana

FIRENZE – Con REteMUsicaTOscana (Remuto) la Festa della Repubblica si aspetta in musica. Venerdì 27 maggio 2016, alle ore 11, ci sarà un flash mob al Mandela Forum in Piazza Enrico Berlinguer con interventi musicali di gruppi provenienti da licei e istituti superiori di tutta la regione, l'Orchestra scolastica regionale, tanti studenti e il contributo musicale straordinario del sindaco di Firenze Dario Nardella. Anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella parteciperà all'evento con un messaggio di saluto agli studenti.

"Un evento con un doppio importante significato - afferma Cristina Grieco, assessore regionale a istruzione, formazione e lavoro - Da un lato vogliamo valorizzare il lavoro della rete delle scuole musicali in Toscana, di cui fanno parte i licei musicali e le scuole medie a indirizzo musicale e che di recente ha visto il coinvolgimento anche dei tre istituti di alta formazione artistica, musicale e coreutica, e l'azione di sistema che la Regione ha contribuito a costruire dal 2009 e finanziare (con 100.000 euro l'anno) precorrendo la riforma della Buona scuola in tema di educazione alla musica. Dall'altro abbiamo voluto dare un contributo e un contenuto importante alla ricorrenza dei 70 anni della nascita della Repubblica italiana. Saranno comunque gli studenti, che riceveranno anche un segnalibro con i principi fondamentali della Costituzione, i veri protagonisti della giornata al Mandela Forum con il loro talento, passione, entusiasmo".

Programma del 27 maggio

La manifestazione si aprirà con l'esecuzione dell'Inno alla gioia realizzata dall'orchestra dell'I.C. Tongiorgi di Pisa e dal coro degli I.I.C.C. Gamerra e Fucini di Pisa, diretti dalla prof.ssa Tiziana Serbini. Gli interventi musicali sono a cura delle seguenti scuole: Liceo "F. Petrarca" Arezzo, Liceo "A. Dante" Firenze, Liceo "Polo Bianciardi" Grosseto, Liceo "Niccolini –Palli" Livorno, Liceo "Passaglia" Lucca, Liceo "G. Carducci" Pisa,Liceo "Cicognini-Rodari" Prato, Liceo "Piccolomini" Siena, e dell'Orchestra Scolastica Regionale della Toscana. Verranno letti anche i principi fondamentali della Costituzione Italiana a cura dei rappresentanti del Parlamento degli studenti della Toscana. La documentazione video è a cura dell'I.I.S.S. Calamandrei di Sesto Fiorentino. L'evento si concluderà con l'esecuzione dell'Inno d'Italia suonato da tutte le scuole.

Il progetto "La scuola tra i suoni"

Presentato dalla REte MUsica TOscana per l'anno scolastico 2015-16, il progetto si incentra su diverse macro aree di lavoro tra le quali quelle di maggior interesse sono:

Formazione, attività che viene svolta in continuità con quella portata avanti sin dalla costituzione della Rete e che per il corrente anno scolastico la Rete vuole arricchire inserendola in una cornice pedagogica, metodologica, didattica attraverso le arti performative quali la danza, il teatro, la musica;

Continuità e curricolo, attività corrente svolta fin dall'anno di costituzione della Rete e rivolta ai docenti di strumento della scuole medie a indirizzo musicale;

Fare Musica, la macro area che è stata maggiormente incrementata e vedrà la collaborazione tra l'Orchestra Regionale Toscana e l'Orchestra scolastica Regionale Toscana, prevedendo un percorso specifico di formazione/prove che culminerà in un concerto finale al Teatro Verdi;

Popular music, attività dedicata alle scuole secondarie di secondo grado con l'obiettivo di potenziare le attività musicali da realizzare anche in orario extrascolastico, volta a favorire l'aggregazione tra studenti e la socializzazione, e a potenziare la cultura e la pratica musicale. Il piano di lavoro prevede la collaborazione con la Fondazione Siena Jazz e con il progetto regionale "Toscana da ragazzi".

Le collaborazioni che la REte sta intrecciando con le diverse realtà locali e la partecipazione a specifici progetti regionali è un segno tangibile della positiva esperienza maturata nonché un riconoscimento all'attività svolta a tutt'oggi che si colloca in piena sintonia con la Legge 107/2015, per quanto riguarda il "potenziamento delle competenze nella pratica e nella cultura musicali, nell'arte e nella storia dell'arte, nel cinema, nelle tecniche e nei media di produzione e di diffusione delle immagini e dei suoni, anche mediante il coinvolgimento dei musei e degli altri istituti pubblici e privati operanti in tali settori.

I commenti sono chiusi