Assegno di ricollocazione, ampliati i requisiti di partecipazione

FIRENZE - Un numero maggiore di ex lavoratori ora disoccupati potrà accedere ai voucher di ricollocazione messi a disposizione dalla Regione Toscana. Ad annunciarlo è l'assessore regionale alla formazione, Cristina Grieco.

 

"Viste le numerose richieste giunte dai cittadini e dalle parti sociali - spiega l'assessore - la Regione ha deciso di rivedere i requisiti di partecipazione e di renderli maggiormente flessibili, in modo da dare a più persone l'opportunità di partecipare al bando. Sono stati modificati gli articoli del bando che riguardavano destinatari, ammissibilità e punteggi, rendendo più flessibile il bando per rispondere alle esigenze di più persone".

 

Il primo bando per il finanziamento di voucher formativi individuali di ricollocazione è stato previsto dal decreto dirigenziale 4266 del 14 giugno 2016. Dal 10 settembre prossimo è prevista la prima data utile -a valere sul nuovo bando- per il quale potranno presentare domanda tutti i soggetti che:

- sono disoccupati e percepiscono (o hanno percepito) assegno sociale per l'impiego (NASPI), di cui al decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22 "Disposizioni per il riordino della normativa in materia di

ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183". Si precisa che la condizione di disoccupato da cui è dipesa l'assegnazione del sussidio deve durare ininterrottamente

da più di 4 mesi (art. 23 D. lgs 150/2015);

 

- sono disoccupati e, dalla data del 1 maggio 2015, hanno fruito l'indennità di mobilità. Si precisa che condizione di disoccupato da cui è dipesa l'assegnazione del sussidio deve durare ininterrottamente da più di 4 mesi.

 

Per accedere al bando i cittadini devono essere inoltre:

- residenti o domiciliati in un Comune della Toscana;

- se cittadini non comunitari devono essere in possesso di regolare permesso di soggiorno che consente attività lavorativa;

- avere compiuto i 18 anni di età;

- avere un reddito familiare Isee inferiore a 50.000,01 euro.

 

Rispetto al precedente bando, sono stati inoltre modificati i punteggi relativi al criterio "periodo di disoccupazione":

- oltre 16 mesi e 1 giorno: 30 punti;

- da 10 mesi e 1 giorno a 16 mesi: 20 punti;

- da 4 mesi e 1 giorno a 10 mesi: 10 punti.

I commenti sono chiusi