24 giugno San Giovanni

24 giugno San Giovanni

Il programma degli eventi per la festa del patrono di Firenze

d15318 21 Giugno 2018

La giornata del patrono si apre al mattino con  il tradizionale "Corteo storico" per consegna dei Ceri e delle Croci al Sindaco  e all’Arcivescovo della città di Firenze, seguito dalla Santa Messa.

Alle 17 in  piazza Santa Croce la finale del Calcio Storico, quest’anno giocata fra Rossi e Verdi. La partita sarà preceduta dalla tradizionale sfilata in costumi storici che inizierà alle 16 da Piazza Santa Maria Novella.

La serata si aprira' sul Lungarno della Zecca Vecchia alle 20.30 con il concerto dell'orchestra dei ragazzi della Scuola di Musica di Fiesole: oltre 90 musicisti, diretti dal maestro Edoardo Rosadini. La giornata si concluderà alle 22 con i tradizionali Fochi di San Giovanni.

24 giugno San Giovanni

24 giugno San Giovanni

Il programma degli eventi per la festa del patrono di Firenze

d15318 21 Giugno 2018

La giornata del patrono si apre al mattino con  il tradizionale "Corteo storico" per consegna dei Ceri e delle Croci al Sindaco  e all’Arcivescovo della città di Firenze, seguito dalla Santa Messa.

Alle 17 in  piazza Santa Croce la finale del Calcio Storico, quest’anno giocata fra Rossi e Verdi. La partita sarà preceduta dalla tradizionale sfilata in costumi storici che inizierà alle 16 da Piazza Santa Maria Novella.

La serata si aprira' sul Lungarno della Zecca Vecchia alle 20.30 con il concerto dell'orchestra dei ragazzi della Scuola di Musica di Fiesole: oltre 90 musicisti, diretti dal maestro Edoardo Rosadini. La giornata si concluderà alle 22 con i tradizionali Fochi di San Giovanni.

Insieme contro il razzismo, manifestazione il 27 giugno in piazza Ognissanti

Insieme contro il razzismo, manifestazione il 27 giugno in piazza Ognissanti

Il governatore Rossi ed il sindaco Nardella lanciano un appello in difesa della democrazia e dei diritti umani «Insiemecontroilrazzismo» è rivolto al Presidente della Repubblica, ai cittadini e al mondo dell'informazione per una grande mobilitazione popolare.

d15318 21 Giugno 2018

Si svolgerà mercoledì prossimo, 27 giugno, a partire dalle 18, in piazza Ognissanti la manifestazione pubblica ‘Insieme contro il razzismo’ lanciata con un appello in difesa della democrazia e dei diritti umani dal sindaco Dario Nardella e dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi.

La propaganda basata sulla discriminazione raziale ed etnica sta danneggiando l'Italia e la sua reputazione mondiale. L'uso irresponsabile di mesaggi che negano i diritti universali è entrato nel lessico istituzionale con effetti imprevedibili e mette a rischio il patrimonio costituzionale e democratico del paese. L'appello ‘Insiemecontroilrazzismo’ è rivolto al presidente della Repubblica, ai cittadini e al mondo dell'informazione per una grande mobilitazione popolare.

In poche ore sono già centinaia le adesioni di singoli cittadini, associazioni, partiti, istituzioni, a testimonianza dell’urgenza e la rilevanza di questa iniziativa, che sono giunte all'indirizzo mail insiemecontroilrazzismo@gmail.com. a cui è possibile scrivere per sottoscrivere l’appello

Aprono al pubblico torri, porte e fortezze cittadine

Aprono al pubblico torri, porte e fortezze cittadine

Al via le visite a Torre San Niccolò, Zecca, Porta Romana, Forte Belvedere, Baluardo a San Giorgio. Per la prima volta visite guidate alla Fortezza San Giovanni (Fortezza da Basso)

d15318 20 Giugno 2018

Dal 24 giugno riapre i battenti Torre San Niccolò, “regina” delle torri fiorentine, che sarà visitabile tutti i giorni fino al 30 settembre dalle 17 alle 20 (dal 1 settembre dalle 16 alle 19; ultimo accesso mezz’ora prima della chiusura): l’accesso include sempre la visita guidata, che dai piedi della torre consente di raggiungere la cima seguendo un vero e proprio viaggio nel tempo e arrivando a godere di un incredibile panorama sulla città. Nelle settimane successive prendono il via invece le visite alle altre torri e porte cittadine, che vedranno protagoniste per tutta l’estate Torre della Zecca, Porta Romana - anch’esse parte, come San Niccolò, della cerchia muraria fiorentina realizzata a partire dal 1284 per volere della Signoria di Firenze, il cui progetto è legato al nome di Arnolfo di Cambio - e Baluardo San Giorgio, preludio del secondo capitolo di questa storia. Il Baluardo è infatti parte dell’aggiornamento del sistema difensivo cittadino in età moderna, resosi necessario anche a Firenze per l’avvento dell’artiglieria e delle armi da fuoco. Ed è al Cinquecento, in effetti, che si legano non solo il Baluardo San Giorgio ma anche le due grandi fortezze cittadine: la Fortezza San Giovanni - più nota come Fortezza da Basso - oggi sede di prestigiosi eventi fieristico-congressuali e in gestione a Firenze Fiera - e Fortezza San Giorgio - più noto come Forte di Belvedere e oggi sede di grandi mostre del contemporaneo: attualmente è in corso la mostra Gong. Eliseo Mattiacci. Entrambe le fortezze sono testimonianze preziose degli interventi di architettura militare promossi nel corso del Cinquecento dai governanti medicei e saranno fruibili al pubblico da quest’estate, permettendo così ai visitatori di scoprire due nuovi importanti tasselli di una storia che non manca, ogni volta, di riservare nuove sorprese: fra queste gli inediti percorsi sotterranei che corrono sotto la muraglia della Fortezza da Basso.

Da non scordare, infine, la Torre di Palazzo Vecchio e il camminamento di ronda, aperti tutti i giorni: la torre, attribuita ad Arnolfo di Cambio, accompagnata dal merlato Camminamento di ronda, è il compimento del primo nucleo del palazzo di governo, edificato tra Duecento e Trecento ed è stata fino a poco tempo fa chiusa ai visitatori. La Torre di Arnolfo, con i suoi 95 metri di altezza, svetta sulla città, costituendo uno dei suoi inconfondibili simboli e punti di riferimento.

A coloro che visiteranno nel corso di quest’estate tutti i luoghi, facendosi timbrare la brochure nell’occasione di ogni visita, è offerta in premio una visita/attività a scelta nei Musei Civici Fiorentini per due persone.

La proposta è a cura dei Musei Civici Fiorentini e di MUS.E, ed è inserita nel quadro di un più ampio piano di valorizzazione di Firenze Patrimonio Mondiale Unesco. Le visite alla Fortezza di San Giovanni sono realizzate grazie a Firenze Fiera.

Giovedì lutto cittadino per la morte di Duccio Dini. Bandiera di Firenze a mezz’asta sugli edifici pubblici

Giovedì lutto cittadino per la morte di Duccio Dini. Bandiera di Firenze a mezz’asta sugli edifici pubblici

Il sindaco invita ad osservare nei luoghi di lavoro e nelle scuole rimaste aperte un minuto di silenzio alle 10

d15318
13 Giugno 2018

Esposizione sugli edifici pubblici della bandiera della città di Firenze abbrunata o a mezz’asta e segni di lutto sui mezzi di trasporto pubblico e sui veicoli di servizio pubblico: è quanto prevede l’ordinanza del sindaco Dario Nardella, che proclama il lutto cittadino per la giornata di giovedì, 14 giugno alle 10, quando si terranno, secondo le modalità stabilite dalla famiglia, i funerali di Duccio Dini, il 29enne fiorentino, che ha perso la vita dopo essere stato travolto in via Canova durante un inseguimento tra nomadi.

Il sindaco Nardella invita ad osservare nei luoghi di lavoro un minuto di silenzio e raccoglimento alle ore 10 (l’orario dei funerali) e ad osservare nelle scuole ancora aperte un minuto di silenzio e raccoglimento. Inoltre, invita gli esercizi commerciali ad abbassare le saracinesche per 10 minuti dalle 10 alle 10.10 e a osservare nei luoghi dove si terranno eventi pubblici di spettacolo o intrattenimento un minuto di silenzio e di riflessione su quanto accaduto in via Canova