Temporali forti, domani allerta gialla

Temporali forti, domani allerta gialla

d41846 16 Settembre 2018

Scatterà alle 10 e terminerà a mezzanotte. Interessati i corsi d'acqua secondari per il rischio idrogeologico/idraulico: in particolare Ema, Mugnone e Terzolle

Allerta gialla domani per possibili temporali forti e conseguente rischio idrogeologico/idraulico nel cosiddetto 'reticolo minore' che comprende i corsi d'acqua secondari (soprattutto Ema, Mugnone e Terzolle).
Lo segnala il centro funzionale regionale nel nuovo bollettino di valutazione delle criticità per la zona che riguarda sia il Comune di Firenze che quelli di Bagno a Ripoli, Fiesole, Greve in Chianti, Impruneta, Lastra a Signa, Pontassieve, San Casciano in Val di Pesa, Scandicci e Tavarnelle Val di Pesa.
L'allerta scatterà alle 10 di domani, lunedí 17 settembre, 
e si concluderà, 14 ore dopo, alla mezzanotte di martedí.


Fenomeni previsti (fonte Cfr):

oggi, domenica, locali condizioni di instabilità pomeridiana sulle zone interne.
Domani, lunedì, condizioni di instabilità con temporali sparsi.
PIOGGIA: Domani, lunedì, precipitazioni sparse anche temporalesche, più probabili sulle zone centro-meridionali e in Appennino. Cumulati medi significativi sul grossetano, basso senese e sulle aree appenniniche, non significativi altrove. Cumulati massimi generalmente non elevati, localmente elevati, con massimi orari fino a forti.
TEMPORALI: oggi, domenica, possibilità di isolati temporali pomeridiani sulle zone interne.
Domani, lunedì, possibilità di temporali sparsi, localmente di forte intensità con possibilità di grandinate e colpi di vento.

 

Per informazioni sui rischi e su come comportarsi:
http://www.regione.toscana.it/-/rischio-idrogeologico-idraulico

 

(fn)

Presentato il progetto ‘Concentrazioni. Scuola e società in quartieri sensibili’

Presentato il progetto 'Concentrazioni. Scuola e società in quartieri sensibili'

d41846 14 Settembre 2018

Obiettivo il contrasto alla dispersione e all’abbandono scolastici e la promozione di processi di cittadinanza attiva

Si chiama 'Concentrazioni. Scuola e società in quartieri sensibili' ed il è progetto per il contrasto alla dispersione e all’abbandono scolastici e la promozione di processi di cittadinanza attiva presentato questa mattina a Palazzo Vecchio dalla vicesindaca e assessora all'educazione Cristina Giachi, dal presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni, dal presidente del Quartiere 5 Cristiano Balli, dal vicepresidente del Consorzio Martin Luther King Alessandro Sansone e dalla responsabile settore educazione, istruzione e formazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze Chiara Mannon. 
'Concentrazioni' coinvolgerà tre scuole (gli istituti comprensivi Gandhi e Pirandello e l'istituto Sassetti  avrà una durata di due anni a partire da settembre 2018, è rivolto agli adolescenti tra gli 11 e i 17 anni e alle loro famiglie, ai docenti e agli operatori dei  Quartieri 4 e 5. Tra gli altri obiettivi la riduzione della povertà educativa, l’avvicinamento delle famiglie alla scuola e questa ai contesti di vita, la promozione di atteggiamenti e comportamenti basati sul mutualismo e sulla collaborazione, il contrasto a stereotipi, l’apertura della scuola al territorio.
«Fare più cose insieme, aprire le istituzioni e le strutture, imparare ad avere confidenza con la bellezza e con l'espressione di sè come la musica o la fotografia – ha dichiarato la vicesindaca Giachi – è un modo per creare 'aria buona' che poi tutti possono respirare». 
«E' importante lavorare con una rete di relazioni e confrontarsi con varie esperienze. Sono convinto che se si trova nella scuola pubblica un nodo delle rete – ha detto il presidente del quartiere 5 Cristiano Balli – affrontando i problemi anche attraverso la musica, il teatro, lo sport penso che potremo fare un importante passo avanti per incontrarci e per migliorare la nostra società».
«Un ulteriore tassello, importante, per la crescita delle nostre comunità locali. Negli ultimi trenta anni sono stati fatti passi da gigante nei nostri quartieri che prima – ricorda il presidente del quartiere 4 Mirko Dormentoni – erano spesso considerati solo quartieri-dormitorio. Queste attività, messe a sistema con progetti come questi, farà crescere i nostri territori».
Attraverso la combinazione di attività scolastiche, extra-scolastiche e tempo libero, oltre alla promozione di percorsi formativi individualizzati e al coinvolgimento di gruppi classe di riferimento si sperimenteranno soluzioni innovative che arricchiscono di contenuti e di esperienze i processi di apprendimento, anche sviluppando e rafforzando competenze sociali, relazionali, artistico-ricreative e di cittadinanza attiva.
La connotazione di quartieri sensibili del territorio di intervento e, al contempo, la loro scala dimensionale di porzioni di città, costituiscono la base per la costruzione di un vero e proprio 'laboratorio' sociale. Questi gli ambiti su cui le attività si concentrano: la promozione della scuola, come attore centrale nel sostenere la crescita dei minori e delle loro famiglie, in forte integrazione con il Terzo Settore, e come “scuola aperta”, ovvero spazio fisico accogliente e sicuro, aperto alla comunità come luogo di apprendimento, confronto, socializzazione e crescita;
la promozione della “cittadinanza attiva”, valorizzando l’impegno e l’effettivo protagonismo dei ragazzi coinvolti nel progetto e delle loro famiglie, come degli abitanti del territorio; il rafforzamento del ruolo di tutti gli attori del processo educativo (genitori, insegnanti, operatori sociali), che consentono sia lo sviluppo di una migliore interazione con i destinatari, sia la diffusione di metodologie di apprendimento e strumenti didattici innovativi; l’attivazione di processi che favoriscono e implementano il coinvolgimento dell’intero nucleo familiare nella scuola e nel percorso formativo del minore; dare forza e continuità alla vocazione interculturale della scuola, costruendo anche un immaginario diverso intorno al rapporto scuola-territorio; la costruzione di opportunità concrete per gli adolescenti, tra cui la possibilità di continuare la formazione musicale dopo la scuola secondaria di primo grado; l'attivazione di un percorso formativo rivolto a insegnanti e operatori, volto alla co-costruzione di ambienti educativi e scolastici in cui apprendere in modo significativo diventando comunità, sperimentando anche i principi di democrazia in un ambiente in cui ognuno ha responsabilità individuale e condivisa.
Il progetto è stato selezionato da 'Con i Bambini' nell’ambito del 'Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile'. Quest'ultimo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale 'Con i Bambini', organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD. www.conibambini.org”


(fn)
 

Lunedì la prima campanella: ecco numeri, novità e servizi delle scuole comunali

Lunedì la prima campanella: ecco numeri, novità e servizi delle scuole comunali

d41846 14 Settembre 2018

La vicesindaca Giachi: «Molti dei nostri ragazzi ritorneranno in istituti rinnovati negli arredi e nelle strutture»

Sono quasi 33mila i bambini e bambine che frequenteranno, nel nuovo scolastico, lescuole dell'infanzia e dell'obbligo di Firenze. É questa la 'fotografia' scattata dagli uffici comunali in vista della prima campanella, prevista per lunedì prossimo.
«Molti dei nostri ragazzi ritorneranno in scuole rinnovate negli arredi e nelle strutture - ha sottolineato la vicesindaca e assessora all'educazione Cristina Giachi - l'impegno dell’amministrazione si è intensificato e, solo questa estate, abbiamo investito 14milioni di euro aprendo cantieri in tanti istituti. Si tratta di uno sforzo straordinario per fare studiare i nostri ragazzi in strutture ancora più accoglienti e sicure. La scuola è uno dei principali settori d’intervento dell’amministrazione: complessivamente la direzione istruzione investe quasi 48milioni di euro. Vogliamo garantire alle famiglie servizi educativi più ricchi e tagliati sulle esigenze dei bambini, scuole più belle e sicure: non a caso nella programmazione degli interventi estivi abbiamo proseguito anche nel lavoro di verifica antisismica degli edifici».
Popolazione scolastica - Gli iscritti sono, complessivamente, 32.819 (17.006 maschi e 15.813 femmine. I bambini con cittadinanza non italiana sono 6.248, pari al 19,15% del totale). In dettaglio, alle scuole dell’infanzia gli iscritti sono 7.999 (4.139 bambini e 3.860 bambine dei quali 2.111 alle comunali, 4.743 alle statali e 1.145 alle paritarie), a quelle primarie 15.339 (13.089 gli iscritti a quelle statali, 2.250 a quella paritaria), a quelle secondarie di primo grado 9.481 (8.856 studenti frequenteranno gli istituti statali e 625quelli paritari).
Asili nido – Le strutture educative sono 70 delle quali 30 a gestione diretta. L'offerta complessiva è di 2.478 posti (1.376 a gestione diretta e 1.102 a gestione indiretta). I posti nido nelle strutture private accreditate sono 1.419. I buoni di servizio erogati sono 404. Quanto alla riduzione tariffaria, da febbraio a luglio di quest'anno le famiglie beneficiarie in media, mensilmente, sono 1.690 delle quali, in media, 880 al mese con azzeramento tariffa. L'investimento del Comune è di quasi 9milioni di euro. Al 1 settembre i bambini in lista d'attesa erano 310.
Scuola dell’infanzia comunale - 28 plessi scolastici con 99 sezioni eterogenee per età. 120 sono i docenti (dei quali 21 impegnati nel sostegno). Le sezioni appaltate sono 97. 
Refezione scolastica - Il servizio mensa del Comune, organizzato su 15 centri di cottura in appalto, prepara e distribuisce mediamente 20mila pasti al giorno. Il servizio (al quale sono iscritti 21.633 bambini) è garantito nelle scuole comunali, statali e anche alle private paritarie che decidono di servirsene. Anche quest'anno il menù è stato migliorato secondo le indicazioni emerse dal monitoraggio degli uffici e dal lavoro delle commissioni mensa attive in ogni scuola, proposte alle commissioni di nutrizionisti e pediatri che debbono approvarlo.
L'investimento dell'amministrazione è di 15milioni e 70mila euro. 
Trasporto scolastico – Sono iscritti 907 alunni. Il servizio di trasporto è fornito, su richiesta, agli alunni della scuola dell'infanzia e primaria che abitino a più di 1 chilometro dal plesso scolastico, in zona non servita adeguatamente da mezzi pubblici. Il servizio viene realizzato per trasferimento da e per le scuole cittadine, a condizione che l'iscrizione sia effettuata alla scuola pubblica di zona più vicina alla residenza. L'investimento è di 223mila euro per l'appalto dei mezzi e 256mila per l'accompagnamento.
Trasporto alunni con disabilità - Il servizio di trasporto per alunni e studenti disabili (74 in totale) viene erogato a quanti frequentano la scuola dell'infanzia, primaria e secondaria di primo e secondo grado; il servizio utilizza automezzi attrezzati e autorizzati al trasporto disabili, viene effettuato con personale che non ha qualifica medica o paramedica ed è gratuito. L'investimento complessivo è di oltre 257mila euro per l'appalto degli automezzi e di quasi 180mila euro per l'accompagnamento.
Servizi pre e post scuola - Il pre-scuola è un servizio che si svolge in orario antecedente le lezioni a partire dalle ore 7.35 fino all'inizio delle stesse, con entrata libera fino alle 8. Il post scuola meridiano è riservato esclusivamente alle classi a modulo per i giorni con orario breve ed è comprensivo anche dell'assistenza degli alunni durante la refezione. Per gli alunni che usufruiscono del postscuola è obbligatoria la frequenza alla mensa. Il post scuola pomeridiano si svolge dalle 16.30 alle 17.30 - con possibilità di uscita intermedia alle 17 - sia per le classi a tempo pieno sia per i giorni di rientro delle classi a modulo. I servizi vengono svolti a condizione che il numero degli alunni iscritti non sia inferiore a 10. L’investimento dell’amministrazione ammonta a quasi 580mila euro.
Cedole librarie – L'amministrazione assegna le cosiddette 'cedole librarie', attraverso le istituzioni scolastiche, agli alunni che frequentano la scuola primaria (residenti nel Comune di Firenze) per acquisto libri di testo. In ordine alla fornitura dei libri di testo della scuola primaria dall’anno scolastico 2017/18, è stata attivata una nuova modalità di emissione delle cedole librarie che consiste in una procedura di gestione dematerializzata attraverso un apposito applicativo web fornito agli esercizi appositamente accreditati. L'investimento previsto per quest'anno scolastico è pari a 507mila euro. 
Interventi per il diritto allo studio - Il Comune di Firenze, sulla base degli indirizzi regionali per il diritto allo Studio, pubblica ogni anno il bando per erogare un aiuto economico unico denominata “pacchetto Scuola” finalizzata a sostenere le spese necessarie per la frequenza scolastica ed a contrastare l’abbandono scolastico. Il pacchetto viene corrisposto soltanto agli alunni delle scuole secondarie di primo grado e di secondo grado, residenti nel Comune di Firenze, e appartenenti a un nucleo familiare in condizioni di disagio socio economico. Per l’anno scolastico 2017/2018 le domande presentate sono state 2.403, ed è stato liquidato per ciascun alunno con requisiti il 100% della quota prevista dagli indirizzi regionali. Per il nuovo anno scolastico lo scorso aprile è stato pubblicato il bando. Le domande presentate sono state complessivamente 2.678 delle quali 2.187 ammesse, 158 ammesse con riserva e 333 non ammesse. La graduatoria definitiva dei beneficiari sarà definita e pubblicata a seguito dell'assegnazione effettiva delle risorse al Comune da parte di Regione Toscana.
Assistenza alunni diversamente abili – 881 sono gli alunni/e disabili: 26 frequentano i nidi, 120 la scuola dell’infanzia, 290 la scuola primaria, 205 la scuola secondaria di primo grado e 240 la scuola secondaria di secondo grado, per un totale di 8.252 ore settimanali. Gli alunni stranieri seguiti saranno 260 di cui 25 comunitari e 235extracomunitari. Tra gli alunni residenti nel Comune, 24 (19 della scuola secondaria di 2° grado, 3 della scuola secondaria di 1° grado, 2 della primaria) verranno seguiti fuori Comune per 185 ore settimanali. L’investimento complessivo dell’amministrazione è di oltre 5milioni dieuro.
Evasione obbligo istruzione – Sono arrivate all'amministrazione 106 segnalazioni a fronte delle 121 dello scorso anno scolastico. Fra le segnalazioni: 43 provengono dalle scuole secondarie di 1°grado, 32 dalle secondarie di 2° grado, 31 da quelle primarie. Di queste, 58 sono state inviate alla polizia municipale e 37 sono state inviate ai servizi territoriali; 11 sono state gestite attraverso contatti diretti dell’ufficio con le scuole e le famiglie che hanno permesso, nella quasi totalità dei casi, di risolvere la situazione, in altri di approfondirla al fine di individuare le strategie da adottare in una logica di messa in rete ed integrazione degli interventi.
Centri di alfabetizzazione per alunni stranieri - Il servizio è finalizzato a facilitare il successo scolastico degli alunni stranieri di scuola primaria e secondaria di primo grado, facilitando in primo luogo l'apprendimento dell'italiano come lingua per comunicare e per studiare (laboratori di italiano,laboratori bilingui, mediazione linguistica, laboratori post-scuola (giugno) e pre-scuola (settembre). 
Tre i centri di alfebetizzazione: (Giufà, alla scuola Barsanti; Ulysse alla Boccaccio e Gandhi alla Paolo Uccello) fanno parte del ‘piano dell’offerta formativa’ (P.O.F.) dell’istituto scolastico.
Nella gara europea per l’appalto del 'servizio di inclusione degli alunni/e stranieri/e e per la gestione dei entri di Alfabetizzazione' l'amministrazione comunale ha previsto un’implementazione, rispetto allo scorso anno scolastico, di circa 2mila ore per le attività di facilitazione e mediazione linguistica, oltre all’aggiunta di 200 ore di formazione specifica per i docenti.
L'investimento è stato di 808mila euro. I servizi dei centri di alfabetizzazione sono gratuiti. 
Formazione professionale - Le attività del ‘Centro di formazione professionale si svolgono in due sedi: in via Pisana per il settore ‘industria e artigianato’ e in via Assisi per quello ‘ristorazione e turismo’. Tutte sono dotate di aule e laboratori. Il core business dell’attività formativa resta quello dei corsi rivolti al recupero della dispersione scolastica e quindi alla formazione di quei ragazzi espulsi dai percorsi di istruzione e che, attraverso questi percorsi formativi, vengono avviati verso un lavoro qualificato o un successivo reinserimento scolastico. Lo svolgimento dei corsi, che sono gratuiti, è subordinato all’ottenimento dei finanziamenti del Fondo Sociale Europeo che il Comune persegue attraverso la partecipazione ai bandi regionali. Quest'anno i frequentanti sono stati 260.(fn)

Progetto Urban Waste, domani in piazza dei Ciompi borracce gratuite per promuovere l’uso dell’acqua di rete

Progetto Urban Waste, domani in piazza dei Ciompi borracce gratuite per promuovere l’uso dell’acqua di rete

d41846 14 Settembre 2018

Borracce per tutti domani pomeriggio in piazza dei Ciompi a. Obiettivo: promuovere l’uso dell’acqua di rete e ridurre i rifiuti evitando le classiche bottigliette di plastica. L’iniziativa rientra nel progetto URBAN WASTE-”Promozione dell’uso dell’acqua di rete”, il progetto finanziato dal programma di ricerca europeo Horizon 2020 di cui è capofila la Regione Toscana e che vede uniti Comune di Firenze, Città Metropolitana di Firenze, Alia Spa, Publiacqua Spa, e i principali portatori di interesse pubblici e privati. Nell’ambito dell’iniziativa “Libri e fiori” (che avrà inizio alle 15), e alla presenza dell'assessore all'ambiente Alessia Bettini,  verranno distribuite borracce con il logo ” FLORENCE URBAN WATER” offerte dalla società Publiacqua,  a chi usa la Urban Waste Mapp. Si tratta di un’applicazione sviluppata nell’ambito del progetto contenente informazioni relative all’ubicazione dei contenitori per la raccolta differenziata e le fontanelle di acqua di rete. Tramite un meccanismo di gioco gli utilizzatori della APP verranno ricompensati con premi, come ingressi scontati a musei, shoppers e borracce. La Urban Waste Mapp è già attiva: sabato è possibile installarla sul proprio smartphone con l’aiuto di volontari della Associazione Amici della Terra. (fn)

Domenica prossima seconda edizione di CASCì-NìC alle Cascine

Domenica prossima seconda edizione di CASCì-NìC alle Cascine

d41846 13 Settembre 2018

Dopo il successo della prima edizione, torna domenica 16 settembre “CASCì-NìC”, il picnic al Parco delle Cascine, una giornata da trascorrere nel polmone verde della città con un programma ricco di attività per tutte le età, suddivise in 5 aree tematiche, e uno spettacolo che vedrà fra gli ospiti anche il comico fiorentino Alessandro Paci e i Killer Queen, la cover band italiana ufficiale dello storico gruppo rock. La giornata sarà anche l’occasione per presentare ufficialmente il neonato progetto delle “Mezze Cacce Fiorentine”, il cui obiettivo è avvicinare i più piccoli alla tradizione del Calcio Storico Fiorentino. Il CASCì-NìC mira a far riscoprire ai fiorentini ad una delle zone più significative della città ma troppo poco vissuta, il Parco delle Cascine, trascorrendo una giornata all’insegna del relax e del divertimento, e allo stesso tempo sostenendo un simbolo di Firenze come l’Istituto degli Innocenti a cui sarà devoluto il ricavato della vendita dei cestini. L’evento, organizzato dall’associazione culturale PopUp, fa parte del calendario dell’Estate Fiorentina ed è realizzato grazie al sostegno dei main sponsor Conad ed Unicredit e con il contributo di Runnerpizza, Gruppo Brandini, Paragon, Hoka, Crocs, Etruria Luce e Gas, Mercafir e Save The City.Media Partner: Mitology, Lady Radio e RDF.
Sarà una giornata da trascorrere all’aria aperta, con famigliari e amici, scegliendo fra le oltre 30 attività, tutte gratuite, disseminate sul Prato delle Cornacchie, suddivise in 5 aree tematiche: BENESSERE, ARTE , SPORT, BIMBI e SPECIAL, per un’offerta variegata, pensata per soddisfare tutti i gusti e togliersi la voglia di sperimentare. Dalla corsa non competitiva di 5 km, aperta a bambini e amici a quattro zampe, ai laboratori per costruire utensili ricavati da materiale naturale; dalle sessioni di yoga, agli esercizi di recitazione; dalla riflessologia plantare, allo skateboard; dal ballo, alla pittura, ai poeti ambulanti e molto altro. 
Il CASCì-NìC segnerà anche la nascita ufficiale del progetto delle “Mezze Cacce Fiorentine”, nato da un’idea di Pier Egidio Petrucci, vice presiedente dell’associazione culturale PopUp, e sviluppato insieme ai quattro quartieri del Calcio Storico Fiorentino e ad Alessandro Prosperi, figlio di Franco Prosperi, storico calciante dei Verdi. Il progetto, indirizzato ai bambini tra i 6 e i 12 anni, ha come obiettivo l’insegnamento, la divulgazione e la salvaguardia delle tradizioni fiorentine, in particolar modo del Calcio Storico e dei suoi valori cavallereschi, e proprio il Prato delle Cornacchie sarà il primo campo da calcio in cui i bambini presenti potranno provare a cimentarsi con questo sport.
«Un bel modo per valorizzare questo polmone verde  – ha dichiarato l'assessore all'ambiente Alessia Bettini  - il parco più amato e conosciuto della città deve essere sempre di più un punto di riferimento per tutte le famiglie. Questa bella iniziativa è un’occasione ulteriore per godersi la bellezza della città all’insegna del relax e del divertimento e allo stesso tempo un modo per sostenere un simbolo di Firenze come l’Istituto degli Innocenti a cui sarà devoluto il ricavato della vendita dei cestini».
Le attività prenderanno il via alle 10 e termineranno alle 18. Inizierà, invece, alle 13:30 lo spettacolo del comico fiorentino Alessandro Paci, sul Palco dell’Anfiteatro, al quale sarà possibile accedere solo acquistando uno dei 1400 cestini da picnic offerti anche quest’anno da Conad. «Anche quest’anno abbiamo voluto partecipare alla realizzazione di questo appuntamento che coniuga più anime ed intenti», sottolinea Conad del Tirreno. «Una location d’eccezione, il Parco delle Cascine, per una giornata ricca di attività, spettacolo, di tanta voglia di stare insieme e con un importante obiettivo solidale, grazie al fatto che il ricavato verrà devoluto in beneficenza all’Istituto degli Innocenti . Essere main food sponsor di questa giornata è solo uno dei modi che abbiamo per collaborare con la città, i cittadini e le istituzioni: un modo di essere vicino alla comunità, di farvi parte e restituire ai cittadini ciò che Conad riceve giorno per giorno in termini di fiducia. Assieme ai nostri soci siamo sempre disponibili quando si tratta di sostenere iniziative utili a valorizzare il tessuto della città in tutte le sue espressioni».
I cestini saranno disponibili in 4 tipologie diverse - classico riso, classico pasta,  vegan e celiaci - lasciando un contributo di €10,00 a testa, e saranno gratuiti per i bambini al di sotto dei 10 anni. Per prenotare il cestino basta registrarsi al link https://goo.gl/GUK6BJ. Le prenotazioni saranno valide fino alle ore 13. 
Il ricavato della vendita dei cestini sarà devoluto anche quest’anno all’Istituto degli Innocenti, istituzione storica di Firenze, parte del patrimonio cittadino, che sarà presente al CASCì-NìC con laboratori tematici proprio per i più piccoli. «Come lo scorso anno siamo contenti di partecipare all’evento che porta i fiorentini a rinnovare una tradizione della città, a vivere il parco delle Cascine con tante attività da fare all’aria aperta, compresi i nostri laboratori creativi gestiti dalle educatrici della Bottega dei ragazzi che si trasferisce per questa occasione al Prato delle Cornacchie – ha commentato Giovanni Palumbo, Direttore Generale dell’Istituto degli Innocenti. E come lo scorso anno vogliamo ringraziare di cuore quanti, tramite l’acquisto dei cestini del pic nic collettivo, contribuiranno a sostenere i progetti dell’Istituto degli Innocenti, la più antica istituzione pubblica dedicata all’accoglienza dei bambini, da sei secoli impegnata in difesa dei diritti dei più piccoli».  
Ad animare il palco anche i Killer Queen, amatissima cover band ufficiale dei Queen, che si esibirà nel pomeriggio riproponendo i successi del gruppo britannico ancora amatissimo. Uno spettacolo reso possibile anche grazie al contributo del main sponsor Unicredit che dallo scorso anno ha scelto di sostenere CASCì-NìC. «UniCredit conferma la sua presenza ed il suo supporto a questa iniziativa popolare volta a dare vita e visibilità a questa splendida zona della città di Firenze. Certamente lo sport e la socialità familiare sono strumenti che possono contribuire a portare quotidianità e normalità nel più grande ed importante parco cittadino», ha rilevato Luigi Rigli, Area Manager Retail UniCredit per Firenze e provincia. «Peraltro UniCredit aderisce a questa iniziativa a testimonianza del proprio impegno nel sostenere politiche che favoriscano la crescita e la qualità della vita dei territorio in cui opera. Concreto esempio di questo impegno sono gli oltre 105.000 euro che UniCredit ha assegnato nel 2017 ad associazioni fiorentine e toscane per l’acquisto di beni strumentali alle loro attività».
L’evento, organizzato dall’Associazione culturale PopUp  (Bacio Al Piazzale, I Love Disco), fa parte del calendario dell’Estate Fiorentina.

Per essere sempre aggiornati sul programma, che continua ad arricchirsi del contribuito di nuove associazioni, basta monitorare i social e il sito web https://www.facebook.com/cascinic/ e http://www.popup-events.it/casci-nic-def.html 
L’hashtag ufficiale del CASCì-NìC è #cascinic2018 
Video “Come arrivare al CASCì-NìC” https://www.facebook.com/cascinic/videos/306867889867690/ 

(fn)