Aiuto alle famiglie per le rette, agevolazioni per asili nido e spazio gioco: fino a tre mesi gratis

Aiuto alle famiglie per le rette, agevolazioni per asili nido e spazio gioco: fino a tre mesi gratis

d41846 17 Gennaio 2019

Per il secondo anno arrivano i fondi del piano infanzia della buona scuola. Via libera all'erogazione con l'approvazione della delibera della vicesindaca Giachi

Fino a tre mesi gratis di nido e spazi gioco a Firenze. Per il secondo anno consecutivo arrivano anche a Firenze i fondi del Ministero dell'istruzione del piano infanzia per la fascia 0- 6. Nella nostra città lo stanziamento è di 1milione e 470 mila euro e il via libera operativo è arrivato martedì scorso con l'approvazione dell'apposita delibera, presentata dalla vicesindaca e assessora all'educazione Cristina Giachi, che ripartisce la somma in «una rete di agevolazioni che toccano tutti i settori della prima infanzia».
La maggior parte dei fondi, circa 1milione 178mila euro, servirà per ridurre le tariffe di nidi e spazi gioco. Con il resto saranno erogati sia un 'bonus nido 0-3 anni', diretto ad agevolare la frequenza ai servizi educativi accreditati (per il 2019 saranno impegnati 150mila euro, le famiglie interessate sono circa 90) che un 'buono scuola 3-6 anni ' per agevolare la frequenza presso le scuole paritarie private (in tutto quasi 143mila euro, le famiglie interessate sono circa 230).
«La riduzione - ha spiegato la vicesindaca Giachi - riguarda 2645 famiglie con bambini/e utenti frequentanti i servizi per l’infanzia comunali a gestione diretta, indiretta e convenzionata, e quelli che frequentano i servizi accreditati già assegnatari dei buoni servizio. A queste si aggiungono le famiglie che risulteranno assegnatarie di 'bonus nido 0-3 anni' per la parte di tariffa residuale a loro carico dopo l’applicazione del beneficio».
Il punto di riferimento per decidere di quanto viene ridotta la tariffa è l’Isee e l’articolazione della riduzione delle tariffe degli asili nido è la seguente: per le famiglie con Isee fino a 15mila euro viene azzerata l’intera tariffa; per quelle con Isee da 15.000,01 fino a 32.499,99 euro lo sconto parte dal 99% e si riduce fino all’11% con il valore Isee più alto. Infine per le famiglie con Isee da 32.500 euro fino a 90mila euro lo sconto è, in misura fissa, del 10%.
«Questo provvedimento non è solo un contributo al bilancio familiare dei nostri cittadini – ha aggiunto la vicesindaca – ma sottolinea l'importanza per l’amministrazione di questo servizio che forma cittadini e cittadine e mette le famiglie in una rete di relazioni che hanno anch'esse una funzione educativa e di crescita civile».
I requisiti per accedere a queste agevolazioni sono due: essere in regola con i pagamenti e presentare Isee in corso di validità. Per le domande di bonus nido 0-3 anni e buono scuola 3-6 anni le famiglie dovranno presentare un Isee per 'prestazioni agevolate per minori' nuovo, perché quello vecchio è scaduto il 15 gennaio: la raccolta delle domande avverrà nei primissimi giorni di febbraio. (fn)

Domani Lorenzo Baglioni presenta il suo nuovo libro “E’ tutto calcolato!”

Domani Lorenzo Baglioni presenta il suo nuovo libro “E’ tutto calcolato!”

d41846 16 Gennaio 2019

Alle 17.30 nella Sala d'Arme di Palazzo Vecchio con la vicesindaca Giachi e il presidente Guccione

Un libro per capire perché la matematica non è una materia così astratta ma utilissima nella vita di tutti i giorni. Domani pomeriggio, nella Sala d'Arme di Palazzo Vecchio, Lorenzo Baglioni presenta il suo ultimo lavoro“E’ tutto calcolato! Teoremi e funzioni per risolvere i piccoli problemi quotidiani”.
Attore, cantante, comico, youtuber, ma anche matematico, Baglioni si è laureato in matematica a Firenze per poi conseguire il titolo di dottore di ricerca a Pisa. In questo libro presenta la sua personale spiegazione alla domanda che tanti ragazzi, dalle elementari alle superiori (e alcuni anche all’università), si pongono: perché devo proprio studiare la matematica? Lorenzo, con l’aiuto del fratello Michele, dimostra come anche le formule più complesse di questa materia possano veramente avere degli utilizzi pratici. Ad esempio, come capire, grazie alle 'disequazioni', se un ragazzo o una ragazza prova effettivamente qualcosa per noi in base alle aree dei messaggi inviati in chat. Oppure come, grazie all’utilizzo di vettori e funzioni, calcolare l’efficacia dei nostri post sui social network.
Alla presentazione (che avrà inizio alle 17.30) saranno presenti, oltre all'autore, la vicesindaca e assessora all'educazione Cristina Giachi, Cosimo Guccione, presidente della commissione istruzione e l'attore e regista Alessandro Riccio. (fn) 
 

Anche domani possibili formazioni di ghiaccio sulle strade

Anche domani possibili formazioni di ghiaccio sulle strade

d41846 14 Gennaio 2019

Domani possibile formazione di ghiaccio sulle strade a Firenze. Il bollettino del Centro funzionale regionale (Cfr) non prevede alcun evento pericoloso o intenso nella nostra città ma solo gelate questa notte e nelle prime ore del mattino di domani, martedì 15 gennaio. La possibile formazione di ghiaccio è legata a condizioni molto locali (assenza di pioggia nei giorni precedenti) e quindi non è stato emesso codice giallo. (fn)

Meteo: da stanotte previste estese gelate a Firenze

Meteo: da stanotte previste estese gelate a Firenze

d41846 11 Gennaio 2019

Dalla sera di oggi e domani mattina, sabato 12 genniao, possibilità di estese gelate a Firenze e nel resto della Toscana. Tuttavia il Cfr (Centro funzionale regionale) non ha emesso alcuna allerta e il codice delle criticità resta verde: non sono previsti quindi fenomeni intensi e pericolosi. (fn)
 

Prorogata l’ordinanza antismog a Firenze

Prorogata l'ordinanza antismog a Firenze

d41846 11 Gennaio 2019

Il blocco dei veicoli inquinanti proseguirà fino a mercoledì 16 gennaio

Prorogata fino a mercoledì 16 gennaio l'ordinanza antismog emessa dal Comune di Firenze che prevede il blocco dei mezzi più inquinanti e una serie di misure, di seguito dettagliate, di limitazione del traffico a tutela della salute dei cittadini.
Il nuovo bollettino Arpat ha comunicato che si sono verificate nell'area le condizioni per l'attribuzione del valore 2 all'Indice di Criticità per la Qualità dell'aria: sono stati rilevati 6 superamenti del valore limite per la media giornaliera del Pm 10 (polveri sottili) negli ultimi 7 giorni e per 1 giorni non sono previste condizioni meteo favorevoli alla dispersione degli inquinanti.
Questa situazione impone di emettere l'ordinanza di blocco dei mezzi più inquinanti che prescrive anche il divieto, in ambito domestico, di accensione di caminetti, stufe, termocamini o termostufe alimentati a legna, qualora non rappresentino il principale sistema di riscaldamento. E ancora la riduzione del periodo giornaliero di funzionamento degli impianti di riscaldamento individuali, a cura del proprietario, condominiali a cura dell’amministratore di condominio o del terzo responsabile dell’impianto termico (tutti gli impianti potranno rimanere in funzione al massimo per otto ore giornaliere).
Previsto anche il divieto di circolazione dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30 nei centri abitati. Le limitazioni sono valide per le seguenti categorie di veicoli: motocicli a 2 tempi Euro 1; autovetture a benzina Euro 1 e a diesel Euro 2 ed Euro 3, veicoli diesel Euro 1 ed Euro 2 per il trasporto merci.
I provvedimenti dureranno cinque giorni e non si interromperanno se il meteo migliorerà.

Sono esclusi dai provvedimenti:
- gli impianti degli edifici adibiti ad ospedali, cliniche o case di cura e assimilabili, ivi compresi edifici adibiti a ricovero o cura di minori o anziani, scuole e asili;
- gli impianti degli edifici adibiti ad albergo, pensione ed attività similari;
- gli impianti di piscine, saune e assimilabili;
- le strutture che per fini istituzionali o di servizio o per processi produttivi devono necessariamente rimanere in funzione per 24 ore o in cui le presenti prescrizioni ostino con le esigenze tecnologiche o di produzione (es: centrali operative Forze dell’ordine, impianti a ciclo produttivo continuo, ecc…).
Questi i mezzi esonerati dal divieto:
- i veicoli elettrici o ibridi (motore elettrico e termico) o a idrogeno;
- i veicoli a metano e Gpl, o bifuel (benzina-metano, benzina-gpl) che nell’ambito del percorso urbano impiegano esclusivamente l’alimentazione a gas;
- i veicoli della Polizia di Stato, della Polizia Municipale, delle Forze Armate dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile in servizi di istituto;
- i veicoli di proprietà delle Asl, delle associazioni di volontariato e delle Cooperative Sociali convenzionati con i Comuni o con altri enti Pubblici, che effettuano servizi sociali rivolti ad anziani e disabili e muniti delle rispettive insegne e veicoli in servizio di Guardia Medica;
- i veicoli adibiti all’igiene urbana;
- i veicoli al servizio delle persone invalide munite del contrassegno previsto dal Codice della strada;
- i veicoli utilizzati per trasporto di persone che si rechino presso le strutture sanitarie per sottoporsi a visite mediche, terapie ed analisi programmate in possesso di relativa certificazione medica;
- i veicoli al seguito delle cerimonie con esposizione di autocertificazione (in carta libera) in cui si dichiarino il percorso e i motivi per cui avviene la circolazione;
- i veicoli storici esclusivamente nell’ambito di manifestazioni purché in possesso dell’Attestato di storicità o del Certificato di Identità/Omologazione, rilasciato a seguito di iscrizione negli appositi registri storici. Il documento dovrà essere tenuto a bordo del mezzo ed esibito a richiesta delle autorità preposte al controllo;
- i veicoli in servizio pubblico, appartenenti ad aziende che effettuano interventi urgenti e di manutenzioni sui servizi essenziali (esempio gas, acqua, energia elettrica, telefonia), veicoli attrezzati per il pronto intervento e la manutenzione degli impianti elettrici, idraulici, termici e tecnologici;
- i veicoli che debbono presentarsi alla revisione già programmata (con documento dell’ufficio della Motorizzazione Civile o dei centri revisione autorizzati) limitatamente al percorso strettamente necessario;
- i veicoli impegnati per particolari o eccezionali attività in possesso di apposita autorizzazione rilasciata dalla Polizia Municipale;
- autovetture con almeno tre persone a bordo (car pooling).

Per evitare futuri blocchi del traffico e divieti, si raccomanda intanto di seguire tutto l'anno nove semplici consigli per una migliore vivibilità e "respirabilità" nell' "agglomerato urbano". Si tratta di comportamenti da adottare in auto, in casa e nel Comune di appartenenza.
In auto - Evitare il più possibile di prendere l’auto se si può usare il mezzo pubblico; se la propria auto non ha il sistema “start & stop" e, soprattutto, se è alimentata a diesel, si deve spegnerla nei momenti di attesa o di sosta, specialmente vicino alle scuole di ogni ordine e grado; prendere in considerazione il car sharing o il car pooling (condivisione di automobili private tra un gruppo di persone), che fanno risparmiare e fanno bene all’atmosfera.
In casa - Prima di accendere il caminetto, è bene sapere che che bruciare legna, specialmente nei camini, è altamente inquinante; esistono pompe di calore alimentate da fonti rinnovabili per uso domestico: sono più economiche e inquinano meno degli altri sistemi di riscaldamento; l'abbruciamento degli sfalci all'aperto è decisamente inquinante (ed è peraltro vietato in questo periodo, soprattutto in pianura): meglio utilizzare il servizio di gestione dei rifiuti urbano che è gratuito.
Nel Comune - Informarsi sui provvedimenti del proprio Comune per abbattere le emissioni: iniziative di educazione ambientale promosse dal proprio Comune, blocco di alcune categorie di auto, incentivi e benefit per chi sceglie di comprare un’auto green; condividere queste norme tra familiari, amici e conoscenti.
Il quadro di riferimento generale - E' utile avere presente il quadro di riferimento. La soglia annuale tollerata di Pm 10 a metro cubo è di 40 microgrammi. Ebbene questa soglia è rispettata e non raggiunta dal 2010.
Viceversa, oltre al riferimento annuale, ve ne è uno giornaliero che è quello di 50 microgrammi al metro cubo e che - lo stabilisce la normativa - non si può superare più di 35 volte in un anno.
E' vero che l'agglomerato urbano di Firenze (insieme al capoluogo i Comuni di Bagno a Ripoli, Calenzano, Campi Bisenzio, Lastra a Signa, Sesto Fiorentino, Signa e Scandicci) rappresenta un'area con criticità, non nella media annua, bensì per il numero dei superamenti dei valori limite giornalieri. Questo può accadere, com'è accaduto, soprattutto d'inverno per condizioni che sono meno favorevoli alla dispersione degli inquinanti.
Nell'agglomerato urbano, sulla base delle condizioni e delle previsioni del Lamma (il Laboratorio di monitoraggio e modellistica ambientale), si attivano due tipologie di interventi: quelli di primo livello per cui, di rigore, sempre, dal 1° novembre al 31 marzo, sono operativi divieti come quello di abbruciamento degli sfalci e il fermo delle auto più inquinanti. Quando però si accumulano superamenti dei valori di Pm10 si prende a riferimento un indice di criticità della qualità dell’aria, stabilito dalla Regione, di valore 2 (ICQA=2) raggiunto il quale si devono attivare interventi particolarmente restrittivi come quello assunto dall’ordinanza firmata oggi dal sindaco di Firenze. (fn)