Per mettere in sicurezza le scuole toscane serve più di un miliardo di euro

Per mettere in sicurezza le scuole toscane serve  più di un miliardo di euro

Un miliardo e cento milioni di euro: è questo il fabbisogno economico per l’adeguamento e la messa in sicurezza degli edifici scolastici esistenti in Toscana. Il dato è stato citato dall’assessore regionale all’istruzione e formazione, Cristina Grieco

“Le scuole – ha detto l’assessore Grieco  – devono rappresentare il luogo dell’accoglienza e dell’ospitalità perchè è un elemento essenziale per la crescita di cittadini consapevoli e responsabili. E questa crescita deve avvenire prima di tutto in sicurezza, all’interno di strutture adeguate. E’ per questo che come Regione, grazie alle segnalazioni da parte delle Province, abbiamo presentato al Ministero un Programma che prevede 516 interventi in altrettanti plessi scolastici di ogni ordine e grado, sui circa 2.600 esistenti in Toscana. Per attuarlo servirebbero ben 1,1 miliardi di euro che noi abbiamo richiesto nell’ambito del Piano triennale 2018 – 2020 per concorrere alla concessione dei mutui della Bei, la Banca europea degli investimenti. Ribadiamo qui la richiesta che come Regioni abbiamo già presentato nella Conferenza unificata del 6 settembre di un impegno economico straordinario sul tema dell’edilizia scolastica “.

Cristina Grieco, che ha richiamato l’articolo 34 della Costituzione laddove afferma che “la scuola è aperta a tutti” e della necessità di rendere davvero effettivo questo diritto, anche predisponendo plessi adeguati e sicuri.

“Ma tutti – conclude  l’assessore – abbiamo la necessità di ripensare i nostri diritti e doveri alla luce della nostra carta costituzionale, costruendo una cultura fondata sui valori democratici e sul rispetto reciproco. Quindi, come afferma l’articolo 3, senza distinzione di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali, a partire dai tanti minori non accompagnati che giungono in Italia a causa della fame e delle guerre che affliggono i loro Paesi e che noi abbiamo il dovere di accogliere garantendo loro un’istruzione”.

E, citando un proverbio africano, ha affermato che “per educare un bambino ci vuole un intero villaggio e quel villaggio è tutta la nostra comunità”.

L'articolo Per mettere in sicurezza le scuole toscane serve più di un miliardo di euro proviene da www.controradio.it.

Firenze: da giunta ok a piano recupero ex Teatro Comunale

Firenze: da giunta ok a piano recupero ex Teatro Comunale

Il piano prevede residenziale per il  95%, il restante 5  sarà destinato ad attività direzionali e di servizio. l’assessore Bettarini: “il recupero sarà accompagnato anche da una riqualificazione complessiva di via Solferino e delle aree circostanti a partire dal disegno del Poggi”.

95% di residenziale,  il restante 5 destinato ad attività direzionali e di servizio: è questo il mix scelto dalla giunta di palazzo Vecchio per il piano di recupero dell’ex Teatro Comunale di Firenze. Prevista anche una riqualificazione complessiva di via Solferino e delle aree circostanti a partire dal disegno del Poggi.

Oggi la giunta ha dato il via libera al piano su proposta dell’assessore all’urbanistica Giovanni Bettarini. “E’ il più importante intervento di rigenerazione urbana nel centro storico di Firenze per recuperare un contenitore vuoto e riqualificare in chiave contemporanea un intero isolato”, il commento di Bettarini. Il progetto prevede che l’edificato passi “da 21mila iniziali a 15mila metri quadrati, riducendo lo spazio costruito”: in particolare comporta la demolizione della sala teatrale, compreso il ridotto “e le numerose aggiunte realizzate nel tempo, che avevano completamente intasato l’isolato”. Previsto poi il recupero “di alcune porzioni esistenti, prevalentemente lungo Corso Italia e via Solferino, compresa la facciata principale del teatro vincolata”.

“L”isolato -precisa Bettarinbi-  sarà composto da tre nuovi edifici integrati con le porzioni da recuperare. L’isolato sarà organizzato attorno al vecchio teatro mantenendo gli allineamenti urbani delle strade e degli edifici vicini e lasciando ampi varchi verso uno spazio di uso pubblico che attraversa l’isolato. All’interno, i nuovi edifici saranno articolati secondo diversi orientamenti pensati per valorizzare l’uso dello spazio aperto e mettere in relazione le diverse parti del complesso”

L'articolo Firenze: da giunta ok a piano recupero ex Teatro Comunale proviene da www.controradio.it.

Affitti Turistici: ci sarà registro regionale

Affitti Turistici: ci sarà registro regionale

Lo afferma il  sindaco di Firenze Dario Nardella su Fb. Per Nardella si tratta di “un primo passo concreto verso una gestione trasparente. Uno strumento per evitare il nero e per favorire chi lavora rispettando le regole”.

“Basta affitti turistici in nero e fuori controllo. Con la Regione Toscana abbiamo deciso di istituire un registro ufficiale nel quale inserire tutti gli appartamenti affittati ad uso turistico, con un codice identificativo obbligatorio da inserire nei portali web che offrono questi servizi”. Così il sindaco di Firenze Dario Nardella su Fb. Per Nardella si tratta di “un primo passo concreto verso una gestione trasparente. Uno strumento per evitare il nero e per favorire chi lavora rispettando le regole. Una conquista per contrastare il vuoto normativo nazionale a cui ancora nessuno ha voluto dare una soluzione. Firenze vuole dare delle risposte, per bilanciare turismo e residenza e combattere l’evasione senza se e senza ma”.

L'articolo Affitti Turistici: ci sarà registro regionale proviene da www.controradio.it.

Toscana, vaccini: percorsi accelerati per bambini non ancora in regola

Toscana, vaccini: percorsi accelerati per bambini non ancora in regola

Grazie all’anagrafe vaccinale regionale informatizzata, Asl e scuole, nell’ambito del Sispc (Sistema informativo della prevenzione collettiva), sono in grado di conoscere la situazione vaccinale dei bambini, e quindi richiedere per iscritto alla famiglie di chi non è in regola la documentazione 

Percorsi accelerati per andare incontro alle famiglie di bambini non ancora in regola con i vaccini. E’ quanto prevede una delibera approvata dalla Giunta della Toscana che, “in un’ottica di semplificazione ed efficienza – spiega una nota -, dà alle Asl indicazioni per gestire in maniera uniforme su tutto il territorio regionale la verifica e il percorso di recupero dei bambini che ancora non hanno fatto le vaccinazioni obbligatorie, in particolare per quanto riguarda asili nido e scuole dell’infanzia”. In particolare, grazie all’anagrafe vaccinale regionale informatizzata, Asl e scuole, nell’ambito del Sispc (Sistema informativo della prevenzione collettiva), sono in grado di conoscere la situazione vaccinale dei bambini, e quindi richiedere per iscritto alla famiglie di chi non è in regola la documentazione comprovante l’effettuazione i vaccini, oppure l’esonero, l’omissione o il differimento delle vaccinazioni stesse, o ancora prenotare l’appuntamento per fare la vaccinazione.
Se la documentazione acquisita dalla Asl attesta la prenotazione delle vaccinazioni nel caso la data dell’appuntamento sia inferiore a 20 giorni, l’Azienda registra la data nel Sispc, in modo da regolarizzare la posizione del bambino fino alla data dell’appuntamento; nel caso in cui invece la data superi i 20 giorni lavorativi, la Asl contatta telefonicamente la famiglia per proporre un appuntamento più ravvicinato.
Nel caso in cui il bambino non si presenti al nuovo appuntamento, la famiglia verrà ricontatta per proporre un’ultima data. La famiglia dovrà essere chiaramente informata del fatto che la mancata presentazione a questo secondo appuntamento sarà considerata ‘rifiuto vaccinale’, e conseguentemente verrà comunicata l’inadempienza alla scuola, per gli adempimenti di competenza.

L'articolo Toscana, vaccini: percorsi accelerati per bambini non ancora in regola proviene da www.controradio.it.

Elba: molesta 11enne, arrestato

Elba: molesta 11enne, arrestato

Un uomo di 37 anni è stato arrestato dai carabinieri di Portoferraio (Livorno) all’isola d’Elba, per violenza sessuale aggravata nei confronti di una undicenne italiana.

Un uomo di 37 anni è stato arrestato dai carabinieri di Portoferraio (Livorno) all’isola d’Elba, per violenza sessuale aggravata nei confronti di una undicenne italiana.

Dopo l’arresto l’uomo è stato trasferito in carcere a Livorno. Secondo quanto è emerso dalle indagini dei militari elbani, approfittando della giovane età della vittima, il 37enne, un uomo di origine tunisina,  aveva convinto la ragazzina a seguirlo in un luogo appartato dove l’ha molestata.

La minorenne è riuscita però a sfuggire alle molestie e a raggiungere i familiari, i quali hanno subito denunciato il fatto ai carabinieri. Le successive indagini hanno permesso di individuare il luogo dove si nascondeva l’uomo. Dopo un accurato sopralluogo dal quale sono emersi chiari elementi di colpevolezza a suo carico, messo di fronte all’evidenza dei fatti, ha confessato ed è stato quindi arrestato.

L'articolo Elba: molesta 11enne, arrestato proviene da www.controradio.it.