Ai Weiwei “Reframe”. Ultimata l’installazione della facciata di Palazzo Strozzi: 22 gommoni per portare l’attenzione sul tema dell’immigrazione attraverso la cultura.

Firenze 14 settembre 2016: il Sindaco della città di Firenze, Dario Nardella; Il Presidente dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze Umberto Tombari; La Vice Presidente e Assessore alla cultura della Regione Toscana Monica Barni; Il Direttore Generale della Fondazione Palazzo Strozzi Arturo Galansino davanti a Reframe la nuova grande installazione del grande artista cinese Ai Weiwei, realizzata grazie al determinante contributo dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, che ha interessato due facciate dell’edificio rinascimentale: ventidue grandi gommoni di salvataggio arancioni ancorati alle finestre di Palazzo Strozzi. Un progetto che porta l’attenzione sui destini dei profughi che ogni giorno rischiano la vita per arrivare in Europa attraversando il Mediterraneo.

Firenze abbraccia l’Arno Evento promosso da Coop ed Ente Cassa per i 50 anni dell’alluvione

Una camminata sull’Arno sabato 17 settembre con partenza alle ore 9.30 da Piazza della Signoria apre la Festa sull’Arno che si svolgerà a Firenze sull’argine che costeggia il parco delle Cascine il 17 e 18 settembre, nell’ambito del progetto Arno 2016 di Unicoop Firenze realizzato col contributo di Ente CR Firenze. La Camminata, presentata alla stampa in Palazzo Vecchio dal sindaco Dario Nardella, sarà l’occasione per attraversare insieme la città con un percorso lungo il fiume. A nemmeno due mesi dalla ricorrenza dell’alluvione, l’evento chiama a raccolta tutti i cittadini toscani perché si ritrovino per un grande abbraccio all’Arno, con merenda sul fiume e una maglietta dell’evento in omaggio a ogni partecipante. La passeggiata si snoda da piazza della Signoria al parco della Cascine, per apprezzare gli scorci più belli del fiume e, con 3 euro di iscrizione, contribuire ai progetti del laboratorio di restauro del libro della Biblioteca Nazionale di Firenze. Al momento si contano già 1500 iscritti. Per chi desidera partecipare, è ancora possibile iscriversi sul sito www.coopfirenze.it<http://www.coopfirenze.it/> e sul sito www.boxol.it<http://www.boxol.it/> oppure acquistare il biglietto presso il circuito box office dei punti vendita Coop.fi abilitati (info: 329.9160071 – orario 10-18).

Dopo le tappe di Arezzo e Pisa, anche la Camminata sull’Arno rientra nelle iniziative del progetto Arno2016, lanciato a ottobre scorso da Unicoop Firenze e realizzato col contributo dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, per riportare all’attenzione di tutta la comunità il fiume toscano come luogo da vivere in tutti i suoi aspetti naturalistici, sportivi, ludici e creativi. Il progetto ha già coinvolto 2000 volontari nelle province di Firenze, Arezzo e Pisa, i quali hanno dato vita a tre laboratori culturali, ad una mappa di 254 luoghi di interesse storico, culturale, naturalistico legati all’Arno e a trenta itinerari turistici lungo tutto il corso del fiume, che verranno realizzati e proposti con la collaborazione di TTC .

Dopo la camminata, la Festa sull’Arno continua nel tratto di argine adiacente al Parco delle Cascine con una due giorni di intrattenimento e attività – per alcune è consigliata l’iscrizione – per tutti i gusti. Si va dall’esposizione temporanea della mostra cooperativa Arno2016 sull’argine del fiume alle gite in barca con i canottieri, che hanno già raccolto 300 prenotazioni, dai racconti dei cantastorie ai laboratori di scrittura e di osservazione della natura per i più piccoli alle prove di parcour per i più sportivi fino alla parata circense e alla canzone popolare fiorentina. Il progetto Arno2016 prevede altri appuntamenti che culmineranno il 4 novembre, giornata di celebrazione dei cinquant’anni esatti dall’alluvione, una tappa incancellabile nella storia fra il fiume e i cittadini toscani che oggi tornano a vivere l’Arno come luogo di incontro, socialità e bellezze da riscoprire ogni giorno.

 

Il film ‘Un’incerta grazie’ sulle cure palliative in prima nazionale a Firenze Mercoledì 14 settembre, ore 20.15, Cinema Odeon Firenze

“Un’incerta grazia” è il nuovo film-documentario sulle cure palliative e sulle difficili situazioni di malattia terminale che porta la firma di Claudio Camarca, scrittore, saggista, regista impegnato soprattutto nel sociale, e prodotto da Pierfrancesco Fiorenza per Produzione Straordinaria,  società di produzione romana impegnata nella realizzazione di progetti audiovisivi che affrontano temi di rilevanza culturale e sociale. Una clip del film è visibile su https://vimeo.com/162055862 

 Girato sullo sfondo della bellezza della città di Firenze, il documentario sarà proiettato al pubblico in anteprima nazionale mercoledì 14 settembre al Cinema Odeon, accompagnato dall’intervento di alcune personalità del settore medico, bioetico, sociologico, istituzionale. La serata, organizzata da FILE – Fondazione Italiana di Leniterapia Onlus – in collaborazione con Ente Cassa di Risparmio di Firenze, porta all’attenzione del pubblico un tema difficile come quello delle cure palliative, con un riguardo particolare alla relazione che si viene a creare tra l’équipe sanitaria, il paziente e la sua famiglia, un legame particolare che inevitabilmente nasce tra le persone nelle situazioni più critiche della vita. Tra i protagonisti del film, il dr. Piero Morino, responsabile medico ASF delle Unità di cure palliative e degli hospice dell’area fiorentina e socio fondatore di FILE. Protagonista anche l’Hospice Ex Convento delle Oblate di Careggi con la sua équipe di medici, infermieri, psicologi e altri professionisti del settore sanitario, con cui FILE – attraverso i suoi operatori e i suoi volontari – collabora ogni giorno. L’iniziativa è stata presentata stamani alla stampa da Donatella Carmi, Presidente di FILE; Pierluigi Rossi Ferrini, Vice Presidente di Ente Cassa di Risparmio di Firenze; Claudio Camarca, regista del film; Piero Morino, responsabile medico ASF delle Unità di cure palliative e socio fondatore di FILE.

 Si tratta del primo documentario italiano che affronta il tema delle cure palliative, raccontando il lavoro del team sanitario e del dr. Piero Morino all’interno dell’Hospice. Firenze e il suo patrimonio artistico fanno da cornice a questa storia, contaminando l’immaginazione dello spettatore e trasformando le scene del film in quadri preziosi.

 FILE si rende ambasciatrice di questo film importante che trova nella città di Firenze terreno fertile per far germogliare la giusta consapevolezza sull’importanza delle cure di fine vita e delle tematiche critiche a queste sottese: la malattia, l’invecchiamento, la morte, argomenti tabù che l’attuale società tende a rimuovere seppur facendo parte della nostra esistenza. La proiezione sarà preceduta da un breve incontro, moderato dal Direttore de La Nazione Pier Francesco De Robertis, al quale interverranno Donatella Carmi, Presidente di FILE, Umberto Tombari, Presidente di Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Gloria Germani, Direttrice del Cinema Odeon di Firenze, Claudio Camarca, Regista del film.

 Biglietto unico: 8 euro

Cinema Odeon Firenze (www.odeonfirenze.com)

 Sempre nel mese di settembre, con inizio sabato 24 alle ore 10.30 al Teatro Niccolini, Ente Cassa di Risparmio di Firenze e FILE propongono un’altra iniziativa di alto valore culturale: un ciclo di incontri “Sulla scia dei giorni. Dialoghi sul limite” che porterà a Firenze alcune tra le personalità più eminenti del panorama sociologico, psicologico, medico, letterario sia nazionale che internazionale, tra le quali Zygmunt Bauman, Corrado Augias e Dacia Maraini. I nove appuntamenti, ad ingresso libero, si rivolgono a tutta la cittadinanza ed intendono approfondire un tema controverso e sfaccettato, il limite, un confine che l’umanità da sempre cerca di sfidare e oltrepassare. Sul sito www.leniterapia.it il programma completo.

 

 

Ciao Nao ! Arriva nelle scuole fiorentine un robot umanoide per la didattica

Un progetto PortaleRagazzi.it di Ente CR Firenze con lo spin-off Unifi Terza Cultura

Un robot umanoide fra i più evoluti sul mercato per arricchire le attività educative nelle scuole dell’area metropolitana fiorentina. Nao, questo il suo nome, è stato acquistato dal PortaleRagazzi.it, il progetto per i giovani e le nuove tecnologie promosso da Ente Cassa di Risparmio, in collaborazione con la società cooperativa Terza Cultura, spin-off del’Università di Firenze e sarà utilizzato per la prima volta a Firenze in questo anno scolastico in contesti educativi e di intrattenimento come laboratori didattici ed eventi. Questa acquisizione rappresenta un investimento importante per diffondere la conoscenza di un robot con sembianze e capacità umane e per avvicinare il grande pubblico alle nuove frontiere dell’evoluzione tecnologica.

La presentazione di Nao avverrà mercoledì 14 settembre alle ore 16.00 nella sede della Fondazione Biblioteche della Cassa di Risparmio di Firenze (Via Bufalini, 6). Saranno illustrati il corso di formazione per insegnanti ‘Competenze digitali e nuove tecnologie per la didattica’ e le proposte di PortaleRagazzi.it per il nuovo anno scolastico dedicate, in particolare, alle nuove tcnologie che sono promosse all’interno del progetto ‘Le chiavi della città’ dell’assessorato all’educazione del Comune di Firenze www.chiavidellacitta.it  .

Il corso di formazione, che comincerà il 29 settembre, si svolgerà presso IL_LABORATORIO, primo spazio multimediale con sede al Museo di storia naturale La Specola di via Romana, dedicato alla robotica educativa, promosso dal PortaleRagazzi.it e gestito da Terza Cultura. Il percorso formativo, in cui verrà utilizzato anche Nao, verterà sui seguenti argomenti: robotica educativa, stampa e modellazione 3D, web&coding etc. Sarà un’occasione di aggiornamento sulle tecnologie, digitali e non, al servizio della didattica, in linea con le nuove disposizione del Piano “Scuola Digitale” previsto dalla legge 107/2015. Per informazioni e iscrizioni www.terzacultura.it  –  info@terzacultura.it

Il primo impiego di Nao sarà nel corso della lezione “intergenerazionale” sulla robotica che si svolgerà il 14 ottobre alle ore 16 alla Biblioteca delle Oblate durante Festival delle Generazioni che si terrà a Firenze dal 13 al 15 ottobre.

‘’Crediamo molto in questo progetto – ha dichiarato il Direttore generale di Ente CR Firenze Gabriele Gori – perché la formazione giovanile è uno dei settori ai quali guardiamo con maggiore attenzione. Una formazione che deve avvicinarsi alle nuove tecnologie con intelligenza e capacità critica. Questa operazione segna anche un felice esempio di collaborazione tra importanti istituzioni pubbliche e private e la positiva integrazione tra l’alta formazione universitaria e la qualificata esperienza maturata in questi anni dal PortaleRagazzi.it che incontra un crescente favore in tutto il mondo della didattica’’.

Nao è un robot umanoide dell’azienda francese Aldebaran Robotics ideato nel 2006 e continuamente implementato per arrivare a diventare un robot di compagnia. E’ un concentrato di tecnologia in 58 cm e 4.3 kg di peso ritenuto il più sofisticato umanoide in commercio, applicato agli ambiti dell’insegnamento delle materie scientifiche, della formazione e dell’ intrattenimento. Ha spiccate capacità “relazionali” e di apprendimento visivo tipiche del social robot e simili al robot italiano I-Cub dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova che, però, non è ancora sul mercato di massa. Grazie a numerosi motori e sofisticatissimi sensori, percepisce  l’ambiente circostante secondo modalità diverse, si muove in modo fluido alzandosi e sedendosi, comprende ciò che viene detto attorno a lui e risponde a numerosi quesiti.In Giappone NAO è già impiegato come information robot ovvero robot che fornisce informazioni ed interagisce con gli utenti in vari settori del commercio e dei servizi.

 Il PortaleRagazzi (www.portaleragazzi.it) è un progetto sviluppato nel 2008 dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze con lo scopo di insegnare agli studenti elementari e medi di primo grado un uso corretto e consapevole delle nuove tecnologie e di internet. In questi anni ha ideato e prodotto molteplici progetti per la diffusione dell’innovazione tecnologica nelle scuole e di una  “cultura digitale consapevole” operando in collaborazione con le maggiori istituzioni e organizzazioni del territorio fiorentino in ambito educativo.

 

Due appuntamenti dell’Osservatorio dei Mestieri d’Arte alla quarta edizione alla rassegna di design Source

L’Osservatorio dei Mestieri d’Arte (OmA) dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze è protagonista con due importanti appuntamenti alla nuova edizione di Source in programma alle Murate dal 12 al 22 settembre e presentato stamani alla stampa.

In occasione del pre-opening di SOURCE (giovedì 15 settembre alle ore 18 alle Le Murate) OmA sarà in diretta su CONTRORADIO che seguirà la serata a microfono aperto con molti ospiti e una nutrita selezione di designer.  OmA per dare un contributo ai giovani che dimostrano una forte propensione all’imprenditorialità lancia in diretta la terza edizione del ‘Contest OmA venti>quaranta finalizzato a sostenere l’attività di un giovane artigiano, attraverso un finanziamento di 5.000 euro, previa presentazione di un progetto professionale ben dettagliato.

Il sostegno dei giovani e l’investimento in innovazione e start-up è infatti una priorità di OmA che con il progetto venti>quaranta (http://www.osservatoriomestieridarte.it/portfolios/oma-ventiquaranta-2/) recensisce e dà spazio sul suo sito a tutti quei creativi artigiani che vogliano presentarsi in Rete. Chiunque tra gli iscritti, titolari di partita iva ed impegnati nella realizzazione di produzioni interamente artigianali, può fare domanda presentando un progetto professionale nel comparto dell’artigianato artistico.

Se un giovane artigiano desidera aprire il laboratorio in un ambito dedicato esclusivamente a attività artigianali e creative, OmA conferisce il Premio Speciale OFFICINA CREATIVA sostenendo le spese di locazione per un anno nello spazio di 12 mq messo a disposizione da Artex, Centro per l’Artigianato Artistico e Tradizionale della Toscana, presso il Vecchio Conventino di Firenze. Possono presentare domanda titolari di un’impresa del settore dell’artigianato artistico e tradizionale e imprese artigiane delle industrie creative regolarmente iscritte presso la Camera di Commercio; liberi professionisti dell’artigianato artistico, delle industrie creative e artisti con regolare Partita Iva;

Una volta raccolte le domande per il CONTEST e per OFFICINA CREATIVA, OmA formerà una commissione idonea a valutare i progetti vincitori. Questi saranno comunicati  entro e non oltre dicembre 2016.

Il secondo appuntamento è il workshop LUV-BOX di sabato 17 settembre (dalle 10 alle 18) che si inserisce nel prezioso lavoro del trasferimento di competenze e di valorizzazione dei mestieri d’arte che OmA affronta con le tematiche legate alla formazione, all’avviamento a bottega, all’alternanza scuola lavoro. In questo caso sono valorizzate alcune competenze specialistiche sulla lavorazione della carta in grado di trasferire quel Know how altrimenti in lento declino. Affiancare queste competenze al lavoro di giovani creativi e designer è il focus della giornata in cui la lavorazione della carta nei suoi metodi tradizionali è supportata da istallazioni e uso di tecnologie innovative.

INFORMAZIONI E ISCRIZIONI

I moduli per iscriversi e partecipare al contest Contest OmA venti>quaranta e al Premio Speciale Officina Creativa sono  scaricabili  sul sito  www.osservatoriomestieridarte.it

CONTATTI

blog@osservatoriomestieridarte.it

T.055 5384966