Aiuti agli investimenti delle MPMI toscane, 33 milioni in tre anni

FIRENZE – Una dotazione complessiva di quasi 33 milioni di euro (sotto forma di fondo rotativo e microcredito) per il triennio 2017-19 per promuovere gli investimenti delle MPMI toscane che operano nei settori artigiano, industriale manifatturiero, turistico, commerciale, culturale e terziario. La giunta regionale, in attuazione della linea di azione 3.1.1 del Por Fesr 2014-2020, ha approvato gli indirizzi per la concessione di aiuti nelle forme di prestiti a tasso zero e di microcredito destinati alle MPMI ed ai liberi professionisti. Stanziati 22,8 milioni di euro per il fondo rotativo e altri 10 milioni di euro per il microcredito, in entrambi i casi per il triennio 2017-19.

"Ci troviamo a fare i conti – ha detto l'assessore regionale alle attività produttive Stefano Ciuoffo – con una crisi del sistema creditizio che non riguarda soltanto la Toscana e che penalizza in modo particolare le micro, piccole e medie imprese. Diventa pertanto indispensabile intervenire per rilanciare la propensione agli investimenti dell'intero sistema produttivo toscano ed aiutare soprattutto le realtà più piccole nei processi di modernizzazione ed innvovazione. Non a caso i nuovi indirizzi per la concessione degli aiuti premiano chi decide di puntare in tecnologie digitali 'Industria 4.0' che per la Toscana rappresentano una priorità".

Obiettivo dei nuovi indirizzi è sostenere e incrementare gli investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili di accompagnamento dell'impresa nei processi di riorganizzazione e ristrutturazione, in linea con la Strategia di specializzazione intelligente per la Toscana (RIS 3), e incentivarne gli investimenti orientati alla strategia nazionale e regionale di Industria 4.0. I beneficiari sono le micro e piccole imprese (anche le medie nel caso del fondo rotativo) costituite almeno due anni prima della presentazione della domanda di agevolazione ed i liberi professionisti. Requisito fondamentale di accesso è la conformità degli investimenti con le strategie della RIS 3 (Fotonica, Fabbrica Intelligente, Chimica e Nanotecnologie). Priorità e premialità sono attribuite a quegli investimenti  in tecnologie digitali in linea con le strategie nazionali e regionali di Industria 4.0. Nel caso del fondo rotativo il costo totale del progetto di investimento ammissibile va da un minimo di 40 mila ad un massimo di 200 mila euro, non supportato da garanzie personali e patrimoniali, mentre per il microcredito si va da un minimo di 10 mila ad un massimo di 40 mila euro, sempre senza garanzie personali e patrimoniali. In entrambi i casi la durata del finanziamento è di 7 anni con un preammortamento di 18 mesi; il rimborso avviene in rate semestrali o trimestrali (a seconda che si tratti di fondo rotativo o di microcredito) posticipate costanti. Le fasi relative alla presentazione della domanda, istruttoria e valutazione sono gestite da Toscana Muove.

Enogastronomia, torna dal 21 al 25 aprile a Pistoia ‘La Toscana in Bocca’

FIRENZE – Prosegue e si consolida, nell'anno di Pistoia Capitale della cultura 2017, il viaggio alla scoperta di prodotti, tradizioni e destinazioni realizzato grazie a La Toscana in Bocca. La quarta edizione, presentata oggi a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze, è in programma dal 21 al 25 aprile prossimi presso ‘La Cattedrale Ex Breda' a Pistoia. La manifestazione è promossa da Confcommercio Pistoia e Prato insieme ai ristoratori locali e in collaborazione con Vetrina Toscana, il progetto di Regione e Unioncamere Toscana che promuove ristoranti e botteghe che utilizzano i prodotti del territorio.

"E' un'edizione particolare questa – ha detto l'assessore regionale al turismo Stefano Ciuoffo – perché cade nell'anno di Pistoia Capitale della cultura 2017. Un evento dedicato alla buona tavola diventa un'occasione per raccontare un altro pezzo di storia e tradizioni della Toscana, con un percorso coinvolge anche il professor Franco Cardini, presenza che saprà ulteriormente stimolare e sollecitare l'interesse verso il cibo che è storia di una regione. La tradizione culinaria diventa racconto di luoghi e di comunità, vino e cibo narrano culture diverse, modi di vivere in campagna o in montagna, ‘strumenti' in grado di invogliare a intraprendere un viaggio o un cammino alla scoperta di luoghi e racconti. La Toscana in Bocca nelle precedenti edizioni ha ottenuto risultati, in termini di presenze, inaspettati e le attese per questa edizione, la numero quattro, sono elevate. Un viaggio sensoriale realizzato anche grazie alla collaborazione di Vetrina Toscana".

La formula dell'evento conferma quella vincente delle precedenti edizioni. L'anno scorso Toscana in Bocca è riuscito ad attirare 40.000 visitatori. Quest'anno, con un giorno in più passando da 4 a 5, ci saranno 40 stand di ristorazione che offriranno ognuno 2 piatti, andando a comporre un ideale menù toscano di oltre 80 portate compresi dolci artigianali per soddisfare tutti i gusti ed esigenze. All'ingresso ci sarà un spazio interamente dedicato ai produttori dai quali sarà possibile degustare e acquistare prodotti tipici del territorio. Il programma completo comprende laboratori per bambini, presentazione di libri, approfondimenti e talk show con esperti del settore, contest culinari, cooking show. La IV edizione fa parte del programma ufficiale  di Pistoia Capitale della Cultura 2017.

Da segnalare, il 25 aprile alle ore 18, l'appuntamento con Franco Cardini, storico e professore ordinario di Storia medievale presso l'Università di Firenze nonchè professore emerito dell'Istituto Italiano di Scienze Umane alla Scuola Normale Superiore di Pisa, che presso lo Spazio Incontri dialogherà con la giornalista turca Selin Sanli su cibo e cultura sulle orme de ‘L'appetito dell'Imperatore'.

Programma e informazioni

Enogastronomia, il 19 aprile presentazione IV edizione de ‘La Toscana in bocca’

FIRENZE - La tradizione enogastronomica toscana ancora protagonista a Pistoia dal 21 al 25 aprile prossimi presso ‘La Cattedrale Ex Breda' con la IV edizione de ‘La Toscana in bocca'. Un viaggio alla scoperta di prodotti tipici ma anche di itinerari turistici e destinazioni promosso da Vetrina Toscana, Confcommercio Pistoia e Prato e Consorzio Turistico Città di Pistoia.

La rassegna propone un programma ricco di eventi: laboratori per bambini, presentazione di libri, approfondimenti e talk show con esperti del settore, contest culinari, cooking show in cui si confronteranno chef del territorio con altri di rilievo nazionale e musica dal vivo. Un'edizione speciale con continui richiami e collegamenti a Pistoia Capitale della Cultura di cui ‘La Toscana in bocca' è parte del programma ufficiale.

Ad illustrare l'evento, il prossimo 19 aprile alle 12.45 presso la sala stampa di Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze (piazza Duomo 10), interverranno l'assessore regionale al turismo e alle attività produttive Stefano Ciuoffo, il sindaco di Pistoia Samuele Bertinelli ed il direttore di Confcommercio Pistoia e Prato Tiziano Tempestini.

Grandi Molini, azienda rifiuta anche sospensione della procedura di mobilità

FIRENZE – Ancora un rifiuto da parte del gruppo GMI. Stavolta circa la richiesta, formulata ieri dal consigliere del presidente Rossi per il lavoro, Gianfranco Simonicini, di sospendere la procedura di mobilità riguardante i lavoratori in esubero in vista dell'incontro previsto per il prossimo 20 aprile a Roma presso il Mise. "Sarebbe stata una decisione opportuna – ha commentato Enrico Rossi - per far sì che la riunione in calendario possa svolgere fino in fondo un ruolo positivo rispetto ad una vicenda che sta determinando una forte tensione sociale sul territorio livornese".

L'ennesimo rifiuto è arrivato stamattina, nel corso dell'incontro che si è tenuto presso gli uffici regionali del lavoro di Livorno al quale hanno partecipato rappresentanti dell'azienda e delle organizzazioni sindacali nel quale Simoncini ha ribadito la richiesta, proponendo altresì di riconvocare per il 21 la riunione per lo svolgimento della procedura formale .

La decisione di non voler sospendere la procedura di mobilità va a sommarsi a quella di non voler utilizzare la cassa integrazione straordinaria per 12 mesi, prevista per le aree di crisi complessa. "Giudico il comportamento dell'azienda – ha aggiunto Rossi - al limite della decenza, oltre che irragionevole ed irresponsabile. La richiesta di sospensione della procedura di mobilità aveva una sua logica in vista dell'incontro del 20 aprile. Ma in questa vicenda si è perso qualsiasi barlume di logica dato che non ho memoria di una chiusura così totale da parte di un'azienda, in tutte le vertenze fin qui affrontate. Da parte della Regione ribadisco la totale disponibilità e solidarietà ai lavoratori e confermo la mia presenza ai cancelli dell'impianto, il giorno di Pasqua".

Turismo costiero, il 18 aprile presentazione progetto S.MAR.T.I.C

FIRENZE - Rafforzare la competitività delle micro e piccole e medie imprese turistiche che operano nella regione interessata dal programma Interreg Italia-Francia ‘Marittimo', vale a dire quella che va dalla Toscana alla costa francese, passando per le isole, Corsica e Sardegna. E' lo scopo del progetto ‘S.MAR.T.I.C., Sviluppo Marchio Territoriale Identità Culturale', cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale del Programma INTERREG Italia-Francia Marittimo 2014-2020.

I dettagli dell'iniziativa, che coinvolge varie imprese che operano in ambito culturale, turistico e di valorizzazione dei territori, saranno illustrati martedì 18 aprile, alle ore 12, presso la sala stampa della giunta regionale a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze (piazza Duomo 10).

Intervengono Stefano Ciuoffo, assessore regionale alle attività produttive e al turismo, Alberto Peruzzini, direttore di Toscana Promozione Turistica, Riccardo Vannini, responsabile settore turismo e servizi culturali di Legacoop Toscana, Daniela Vianelli, presidente Cooperativa Itinera Progetti e Ricerche capofila capofila del progetto, e Gabriele Benucci coordinatore di S.MAR.T.I.C.