Albor Gambassi Terme, oggi incontro Regione-proprietà

FIRENZE – Una proposta di concordato che garantisca continuità e sviluppo per l'azienda. E' questa la volontà espressa dalla proprietà della Albor, storica azienda di cornici di Badia a Cerreto a Gambassi Terme (FI), che stamattina ha incontrato in Regione il consigliere del presidente Rossi per il lavoro Gianfranco Simoncini ed il sindaco di Gambassi Terme, Paolo Campinoti.

Alle richieste fatte da Simoncini circa il lavoro portato avanti dalla proprietà, attraverso i propri tecnici, per quanto riguarda l'istanza di concordato presentata al Tribunale di Firenze, i rappresentanti dell'azienda hanno replicato che la volontà è di fare una proposta che garantisca continuità e sviluppo, basata sulla valorizzazione dei beni immobili e su una ristrutturazione aziendale che permetta di aumentare la profittabilità ed eventualmente l'acquisizione di nuovi soci.

Da parte sua, il sindaco di Gambassi Terme Paolo Campinoti si è detto disponibile a mettere a disposizione tutti gli strumenti, nel rispetto del regolamento urbanistico, per facilitare lo sviluppo dell'area in cui opera l'azienda in un quadro di continuità produttiva e occupazionale.

Simoncini, dopo aver manifestato favore verso l'intenzione della proprietà, ha colto l'occasione per presentare l'ufficio regionale dedicato all'attrazione degli investimenti il quale, a sua volta, ha espresso interesse e disponibilità a sostenere le azioni dell'azienda riguardo all'individuazione di nuovi mercati e di nuovi investitori. Al termine dell'incontro lo stesso Simoncini ha confermato che la Regione seguirà con attenzione gli sviluppi dell'attività portata avanti dalla proprietà.

Blocco attività SDA, anche in Toscana forti ripercussioni

FIRENZE - Incontro stamattina in Regione per analizzare la situazione che si è venuta a creare anche in Toscana per la SDA Express Courier in seguito al blocco dell'attività avvenuto nelle settimane scorse in alcune realtà del nord italia.

La SDA è una delle maggiori aziende operanti nel settore della logistica e della distribuzione che fa parte del gruppo Poste Italiane. Il blocco dell'attività ha determinato ripercussioni negative anche per i lavoratori e le consegne in Toscana rischiando di compromettere seriamente le prospettive dell'azienda con riflessi negativi per i 100 lavoratori diretti che operano in Toscana a cui si aggiungono circa 500/600 operatori nell'indotto.

All'incontro hanno partecipato il consigliere del presidente Rossi per le questioni legate al lavoro, Gianfranco Simoncini, ed i rappresentanti delle organizzazioni sindacali e dei lavoratori i quali hanno illustrato i problemi che vanno avanti da un po' di tempo ed espresso forte preoccupazione per le sorti dei lavoratori coinvolti ed in particolare per quelli dell'indotto. La Regione, come spiegato da Simoncini, si è impegnata a prendere contatti con il Ministero dello sviluppo economico per rappresentare la situazione toscana, anche in vista del tavolo nazionale sulla SDA in programma il prossimo 19 ottobre a Roma.

La Regione, ha aggiunto Simoncini, riceverà nelle prossime settimane le tre aziende che lavorano in appalto per la SDA in Toscana, la MDS, la Policonsorzio e la Perseo per approfondire i possibili scenari.

Turismo, Ciuoffo e Ceccarelli stamattina all’assemblea albergatori elbani

FIRENZE – Valutazioni e analisi sui numeri della stagione appena conclusa e condivisione di intenti e obiettivi per il futuro. Si è tenuta stamattina presso la sala convegni dell'Hotel Hermitage, a Portoferraio, l'assemblea generale pubblica dell'Associazione Albergatori Elbani, tradizionale incontro annuale degli operatori del settore e sindaci.

Vari i punti toccati nella relazione dal presidente uscente dell'Associazione, Massimo De Ferrari, che hanno chiamato in causa la Regione, rappresentata al tavolo dell'assemblea dagli assessori regionali al turismo e alle attività produttive Stefano Ciuoffo e alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli.

Uno dei primi temi sul tavolo è stato quello relativo alla necessità di riorganizzare il sistema di rilevazione statistica per avere una fotografia puntuale dell'andamento turistico. Ciuoffo in proposito ha spiegato che "è in atto una riflessione attenta sul percorso di  ristrutturazione del servizio che si occupa di rilevare i dati stagionali, attraverso l'utilizzo di sistemi innovativi che permettano di avere dati più puntuali e precisi non solo sulle presenze ma anche su durata, provenienza, percorsi di viaggio ed esigenze dei visitatori. Questo – ha aggiunto – vuol dire rifondare l'intero sistema statistico in modo organico, cosa peraltro già delineata negli aspetti principali dalla nuova legge regionale e che stiamo già affrontando insieme all'assessorato che ha la delega sui sistemi informativi regionali".

Altro punto invocato dall'Assemblea è stata la richiesta di una maggiore chiarezza in alcuni punti del nuovo Testo Unico in materia, con particolare riferimento all'articolo 70 sulle locazioni turistiche brevi, impugnato dal governo. "Dopo l'impugnativa – ha detto Ciuoffo - è intervenuto un provvedimento di legge che sostanzialmente ricalca la legge regionale. Quindi non aspetteremo di andare in giudizio per definire il contenzioso ma ricomporremo, in accordo con il ministero, la nuova formulazione dell'articolo. Su questo ho preso l'impegno a procedere al più presto, nel giro di poche settimane".

Positivo e virtuoso è stato definito dall'Assemblea il rapporto che si è venuto ad instaurare con la Regione sul versante della promozione turistica. "L'Associazione – ha detto ancora Ciuoffo - ha riconosciuto l'estrema qualità e professionalità del lavoro fatto in collaborazione con Toscana Promozione Turistica, ed i risultati, positivi, sono arrivati. Ad aiutare in questo senso il Buy Tuscany On the Road, organizzato all'Elba la scorsa primavera, ma anche il Buy Tuscany appena concluso a Firenze, che ha confermato come l'Elba sia una delle mete toscane maggiormente promosse e richieste. Da parte nostra – ha concluso l'assessore - ho sollecitato una maggiore condivisione delle scelte da parte dei vari sindaci che ancora, talvolta, si attardano su visioni non organiche disperdendo risorse e progettualità, cosa che l'Isola non può permettersi. Auspichiamo un percorso costruttivo da parte di tutti, seppur portatori di posizioni critiche o diverse".

"L'incontro di questa mattina - ha detto l'assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli -  è stato franco e costruttivo. Ho avuto modo di fare il punto sulle infrastrutture e sui servizi di collegamento dell'isola, elementi di fondamentale importanza per lo sviluppo turistico. La Regione si è impegnata molto su questo fronte negli ultimi anni: stiamo investendo molto sia sullo sviluppo dell'aeroporto che per i collegamenti marittimi, e stiamo lavorando anche per una maggiore integrazione modale tra treno/gomma e traghetti. A conferma della nostra volontà di essere vicini al territorio, siamo disponibili ad aprire un percorso condiviso per individuare le effettive e puntuali esigenze delle strutture ricettive, in modo da aiutare gli operatori a qualificare l'offerta di accoglienza".

LuBeC 2017, il 13 ottobre l’assessore Ciuoffo a seminario su turismo 4.0

FIRENZE – Si apre oggi a Lucca al Real Collegio la tredicesima edizione del LuBeC, l'incontro internazionale dedicato ai beni culturali, turismo, spettacolo e tecnologia.

Domani, venerdì 13 ottobre, dalle ore 10 alle 13 è in programma il seminario dal titolo ‘Turismo 4.0. Una roadmap per il sistema turistico regionale' al quale prenderà parte anche l'assessore regionale al turismo Stefano Ciuoffo che farà le conclusioni. All'incontro partecipa, tra gli altri, anche il dirigente politiche del turismo della direzione generale turismo del MiBACT Francesco Tapinassi.

Al centro del dibattito, che coinvolgerà rappresentanti di istituzioni ed operatori del settore, la necessità di allargare strumenti e strategie proprie di Industria 4.0 anche al settore turistico, con l'obiettivo di essere sempre più competitivi sui mercati internazionali.

Corsi istruzione tecnica superiore, ancora pochi giorni per iscriversi

FIRENZE – Ultimi giorni per iscriversi ai corsi gratuiti di istruzione tecnica superiore finanziati nell'ambito di Giovanisì, il progetto regionale per l'autonomia dei giovani. Degli 11 corsi per i quali sono state aperte le iscrizioni, ne restano ancora sei a disposizione e l'ultima scadenza è per il prossimo 20 ottobre.

Questi i corsi ancora aperti:
ITS Eccellenza Agroalimentare Toscana – E.A.T
Tecnico superiore responsabile delle produzioni e delle trasformazioni agrarie, agro-alimentari e agro-industriali
– Numero allievi: 24
– Sede del corso: Cortona (AR)
– Scadenza iscrizioni: 12 ottobre 2017 (scadenza prorogata)

Tecnico superiore per il controllo, la valorizzazione e il marketing delle produzioni agrarie, agro-alimentari e agro-industriali
– Numero allievi: 24
– Sede del corso: Grosseto
– Scadenza iscrizioni: 12 ottobre 2017 (scadenza prorogata)
– Info

ITS per la Manutenzione industriale – PRIME
Tecnico superiore per i metodi e le tecnologie per lo sviluppo di sistemi di software
– Numero allievi: 20
– Sede del corso: Pistoia
– Scadenza iscrizioni: 16 ottobre 2017 (ore 12)
– Info

ITS per le nuove tecnologie della vita – VITA
Tecnico superiore per il sistema qualità di prodotti e processi a base biotecnologica
– Numero allievi: 20
– Sede del corso: Siena
– Scadenza iscrizioni: 20 ottobre 2017
– Info

ITS per la mobilità sostenibile Italian Super Yacht Life – I.S.Y.L
Tecnico superiore per la mobilità delle persone e delle merci (Deck Officer)
– Numero allievi: 20
– Sede del corso: Viareggio
– Scadenza iscrizioni: 20 ottobre 2017 (scadenza prorogata)
– Info

Tecnico superiore per la mobilità delle persone e delle merci (Machinery Officer)
– Numero allievi: 20
– Sede del corso: Livorno
– Scadenza iscrizioni: 20 ottobre 2017 (scadenza prorogata)
– Info

I corsi Its sono percorsi formativi gratuiti ad alta specializzazione tecnologica, nati per rispondere alla richiesta delle imprese di profili con nuove ed elevate competenze tecniche e tecnologiche. La durata è di quattro semestri (1800-2000 ore) e possono accedervi giovani tra i 18 e i 30 anni, che abbiano frequentato un percorso biennale di Istruzione e Formazione Tecnica Professionale (IeFP) integrato da un percorso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) della durata di un anno. Al termine di ogni corso ITS il titolo rilasciato è un Diploma di Tecnico Superiore attestante l'area tecnologica e la figura nazionale di riferimento, rilasciato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR).

Maggiori informazioni sulla pagina dedicata del sito di Giovanisì.