Emergenza Livorno, oltre duemila le schede per la ricognizione dei danni a privati ed associazioni

LIVORNO – Oltre duemila domande. Questo è il dato, ancora da elaborare nei dettagli, della ricognizione dei danni subiti dai privati cittadini e dalle associazioni senza scopo di lucro a causa dell'alluvione che ha colpito i territori di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo, nella notte tra il 9 e 10 settembre. I dati definitivi saranno diffusi a conclusione della verifica delle domande presentate entro la giornata odierna.
C'era infatti tempo fino ad oggi, lunedì 16 ottobre, per presentare le Schede B relative al patrimonio privato. Allo sportello di Sviluppo Toscana, aperto all'Ufficio del commissario delegato dal Governo presso il Genio civile di Livorno, si sono presentati circa mille e 400 cittadini che, dal 26 settembre, hanno depositato la domanda in via diretta, mentre quasi in settecento hanno scelto di far pervenire la modulistica attraverso la posta elettronica.

Sempre oggi si è chiuso anche il periodo entro il quale le imprese, i professionisti e le associazioni che prevedono attività lucrative dovevano presentare la Scheda C, relativa alle attività economiche, alla sede livornese della Camera di commercio del Tirreno e della Maremma. Anche in questo caso i dati sono ancora in corso di elaborazione e verranno diffusi dalla Camera di commercio.

All'Ufficio del commissario delegato dal Governo, al Genio civile (via Nardini Despotti Mospignotti 33, zona Marradi, Livorno), è aperto dal 25 settembre lo sportello di Fidi Toscana, dove dal 2 ottobre è possibile presentare domande per un finanziamento di microcredito gestito dal raggruppamento temporaneo Toscana Muove di cui è capofila Fidi Toscana.
Una volta presentata la domanda in Camera di commercio, gli imprenditori, i liberi professionisti ed i rappresentanti delle associazioni lucrative, potranno rivolgersi, fino ad esaurimento fondi, allo sportello di Fidi Toscana per attivare il suddetto finanziamento, che prevede prestiti da 5 a 20 mila euro, secondo le casistiche, senza interessi e senza garanzie, da restituire in dodici anni con la prima rata a partire dal terzo anno. Fino ad oggi si sono rivolte a questo sportello circa ottanta tra imprese ed altri soggetti e dieci hanno già attivato la richiesta di finanziamento.

 

Emergenza Livorno, oltre duemila le schede per la ricognizione dei danni a privati ed associazioni

LIVORNO – Oltre duemila domande. Questo è il dato, ancora da elaborare nei dettagli, della ricognizione dei danni subiti dai privati cittadini e dalle associazioni senza scopo di lucro a causa dell'alluvione che ha colpito i territori di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo, nella notte tra il 9 e 10 settembre. I dati definitivi saranno diffusi a conclusione della verifica delle domande presentate entro la giornata odierna.
C'era infatti tempo fino ad oggi, lunedì 16 ottobre, per presentare le Schede B relative al patrimonio privato. Allo sportello di Sviluppo Toscana, aperto all'Ufficio del commissario delegato dal Governo presso il Genio civile di Livorno, si sono presentati circa mille e 400 cittadini che, dal 26 settembre, hanno depositato la domanda in via diretta, mentre quasi in settecento hanno scelto di far pervenire la modulistica attraverso la posta elettronica.

Sempre oggi si è chiuso anche il periodo entro il quale le imprese, i professionisti e le associazioni che prevedono attività lucrative dovevano presentare la Scheda C, relativa alle attività economiche, alla sede livornese della Camera di commercio del Tirreno e della Maremma. Anche in questo caso i dati sono ancora in corso di elaborazione e verranno diffusi dalla Camera di commercio.

All'Ufficio del commissario delegato dal Governo, al Genio civile (via Nardini Despotti Mospignotti 33, zona Marradi, Livorno), è aperto dal 25 settembre lo sportello di Fidi Toscana, dove dal 2 ottobre è possibile presentare domande per un finanziamento di microcredito gestito dal raggruppamento temporaneo Toscana Muove di cui è capofila Fidi Toscana.
Una volta presentata la domanda in Camera di commercio, gli imprenditori, i liberi professionisti ed i rappresentanti delle associazioni lucrative, potranno rivolgersi, fino ad esaurimento fondi, allo sportello di Fidi Toscana per attivare il suddetto finanziamento, che prevede prestiti da 5 a 20 mila euro, secondo le casistiche, senza interessi e senza garanzie, da restituire in dodici anni con la prima rata a partire dal terzo anno. Fino ad oggi si sono rivolte a questo sportello circa ottanta tra imprese ed altri soggetti e dieci hanno già attivato la richiesta di finanziamento.

 

Emergenza Livorno, superata quota mille schede presentate da cittadini ed associazioni non lucrative

LIVORNO – Superata quota mille per quanto riguarda le domande presentate da privati cittadini o da associazioni non lucrative per ottenere un ristoro dopo i danni subiti a causa dell'alluvione dello scorso 10 settembre. Allo sportello di Sviluppo Toscana, aperto presso l'Ufficio del commissario delegato dal Governo per gestire l'emergenza, attivo nei locali del Genio civile di Livorno, sono state difatti consegnate ad oggi, venerdì 13 ottobre, ben 1017 schede B, relative alla ricognizione dei danni subiti da cittadini e da associazioni e realtà senza scopo di lucro per la valutazione dei danni patiti agli immobili od anche ai beni mobili registrati.
L'ufficio di Sviluppo Toscana è aperto dallo scorso martedì 26 settembre. Delle 1017 schede finora depositate, 667 sono state presentate direttamente allo sportello e 350 tramite e-mail. A questo dato vanno aggiunte tuttavia 156 e-mail il cui contenuto deve essere ancora dettagliatamente verificato. E' comunque plausibile che la grande maggioranza di queste e-mail contenga domande compilate in modo corretto. Nella sola giornata odierna, ben 220 cittadini o rappresentanti di associazioni si sono presentati allo sportello di Sviluppo Toscana. Un numero a cui vanno aggiunte 56 schede inviate sempre oggi tramite posta elettronica, conteggiate nel più ampio dato di 156 e-mail da verificare e se corrette protocollare.

Lo sportello di Sviluppo Toscana, attivo nei locali dell'Ufficio del commissario delegato, presidente Enrico Rossi, rimarrà aperto al pubblico anche domani e dopodomani, sabato e domenica, con il consueto orario 9-13 e 14-17. Le schede B devono essere consegnate unicamente a questo sportello entro le ore 17 di lunedì 16 ottobre. Tale sportello ha sede al Genio civile in via Nardini Despotti Mospignotti 33, zona Marradi, a Livorno.

 

 

Alluvione Livorno, Grieco: “Per le schede di ricognizione il termine ultimo è il 16 ottobre”

LIVORNO – "E' importante lanciare un appello per ricordare che lunedì prossimo, 16 ottobre, scade il termine entro il quale cittadini ed associazioni senza scopo di lucro da una parte, imprese e professionisti ed associazioni con finalità anche lucrative dall'altra, possono consegnare, rispettivamente, le Schede B presso l'Ufficio del commissario delegato dal Governo e le Schede C in Camera di commercio. L'appello che faccio, dunque, è che i diretti interessati non lascino passare questa data. L'Ufficio del commissario delegato, al Genio civile di Livorno, rimarrà aperto anche domani e dopodomani, sabato e domenica, mentre l'ufficio in Camera di commercio sarà aperto in via straordinaria domani mattina. Le imprese, i professionisti e le associazioni con finalità lucrative, una volta presentata la domanda in Camera di commercio, potranno rivolgersi allo sportello aperto da Fidi Toscana all'Ufficio del commissario anche nei giorni successivi per avviare i finanziamenti di microcredito".

Lo ha detto, a margine della visita effettuata questa mattina all'Ufficio del commissario delegato dal Governo, l'assessore regionale Cristina Grieco, che assieme agli altri assessori Federica Fratoni e Stefano Ciuoffo fa parte dello staff messo in campo dal presidente Enrico Rossi in qualità di commissario delegato dal Governo per gestire l'emergenza.

L'assessore Grieco ha incontrato il responsabile del Genio civile, Francesco Pistone, ed i tecnici che, fin dal 10 settembre scorso, stanno lavorando assieme a quelli dei Consorzi di bonifica Toscana Costa e Basso Valdarno e degli altri Enti interessati, in particolare dei Comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo e della Provincia di Livorno, al ripristino delle condizioni di normalità a cominciare dalla ricostruzione dei ponti distrutti e dalla messa in sicurezza delle infrastrutture e dalla riduzione del rischio idraulico nelle zone alluvionate.

"Desidero ringraziare tutti coloro che in questa drammatica situazione sono scesi in campo dando una risposta straordinaria", ha aggiunto l'assessore Grieco. "In particolare desidero ringraziare tutti quei volontari che con abnegazione e straordinario impegno si sono adoperati prima a correre in soccorso della popolazione alluvionata e poi a consegnare, in un vero e proprio porta a porta, i moduli attraverso i quali i cittadini possono chiedere un ristoro per i danni subiti".

I luoghi e gli orari degli uffici preposti alla consegna e al ricevimento delle domande per il ristoro dei danni sono di due tipi. Uno è relativo al patrimonio privato, l'altro alle attività di natura economica.

La Scheda B, che può essere scaricata anche dal sito della Regione Toscana (clicca qui) e che è stata distribuita nelle zone maggiormente colpite dai gruppi di volontariato del territorio, è destinata ai cittadini e alle associazioni non lucrative che hanno patito un danno agli immobili od anche ai beni mobili registrati. Essa, pertanto, serve alla ricognizione danni subiti dai privati e dalle associazioni senza scopo di lucro. Una volta compilata, deve essere riconsegnata allo sportello aperto da Sviluppo Toscana al Genio civile di Livorno (via Nardini 33, zona Marradi, Livorno) entro le ore 17 di lunedì 16 ottobre.

La Scheda B, assieme al vademecum per la corretta compilazione, può essere ritirata allo sportello di Sviluppo Toscana al citato Genio civile (via Nardini 33, zona Marradi, Livorno) con orario 9-13 e 14-17 tutti i giorni, compresi il sabato e la domenica. Informazioni a tale ufficio possono essere chieste anche telefonicamente al numero 055.4382911 o tramite e-mail scrivendo a emergenza.livorno.privati@regione.toscana.it.

Anche i tre Comuni interessati hanno allestito dei punti di diffusione delle Schede B. Il Comune di Livorno consegna le Schede B presso l'Urp di Palazzo Civico (piano terra del Comune Vecchio, piazza del Municipio 1, Livorno) e al Centro servizi al cittadino Area Sud (via Machiavelli 21, zona La Rosa, ex Circoscrizione 5) in orario 9-13 e 15,30-17,30 dal lunedì al venerdì e 9-13 il sabato mattina. Il Comune di Collesalvetti distribuisce queste schede all'Urp di Palazzo Comunale (piazza della Repubblica 32, Collesalvetti) e al Centro civico di Stagno (via Marx 17, località Stagno, Collesalvetti) dal lunedì al venerdì in orario 8,30-14 e 15-18 ed 8,30-12,30 al sabato mattina. Il Comune di Rosignano Marittimo, invece, ha aperto uno sportello all'ufficio della Protezione civile comunale (via Gramsci 80, Rosignano Marittimo) con orario 9-13 dal lunedì al venerdì ed apertura pomeridiana il martedì e il giovedì in orario 14.30-17.

La Scheda B, come detto, deve essere riconsegnata, entro il 16 ottobre compreso, solo ed esclusivamente al citato ufficio di Sviluppo Toscana al Genio civile livornese. La Scheda B, tuttavia, può essere inviata, firmata ed accompagnata da un documento d'identità scannerizzato, anche all'indirizzo e-mail emergenza.livorno.privati@regione.toscana.it.

La Scheda C, che può essere scaricata dal sito internet della Regione (clicca qui), riguarda invece la ricognizione dei danni subiti dalle imprese, dai professionisti e dalle associazioni che prevedono anche attività a carattere lucrativo. In questo caso gli operatori economici e professionali danneggiati possono ritirare la Scheda C e il relativo vademecum all'ufficio che il raggruppamento temporaneo d'impresa Toscana Muove, con capofila Fidi Toscana, ha aperto al Genio civile di Livorno (via Nardini 33, zona Marradi, Livorno) con orario 9-13 e 14-17 tutti i giorni, dal lunedì al venerdì. Questa modulistica può essere ritirata anche in Camera di commercio (piazza del Municipio 48, Livorno). La Camera di commercio della Maremma e del Tirreno, sede di Livorno, ha infatti aperto uno sportello con orario 8,30-13,30 e 15-18. In via straordinaria, per venire incontro alle esigenze delle attività produttive ed economiche, la Camera di commercio resterà aperta anche nella mattinata di domani, sabato 14 ottobre, con orario 8,30-13. Informazioni telefoniche possono essere richieste anche al numero 055.43829109 di Fidi Toscana.

La Scheda C, una volta compilata, deve essere presentata alla citata Camera di commercio entro e non oltre lunedì 16 ottobre per il riconoscimento e la quantificazione del danno. La modulistica può essere inoltrata alla Camera di commercio anche tramire pec all'indirizzo cameradicommercio@pec.lg.camcom.it. Solo dopo tale passaggio, imprenditori, professionisti ed associazioni con attività anche a scopo di lucro potranno rivolgersi a Fidi Toscana, capofila del raggruppamento e finanziaria di riferimento della Regione, per l'attivazione di un finanziamento senza interessi. Il finanziamento può essere da 5 a 20 mila euro, senza interesse alcuno e senza garanzie, restituibile in dodici anni con rate a partire dal terzo anno. Le domande per l'attivazione dei finanziamenti potranno essere presentate a Fidi Toscana fino ad esaurimento dei fondi disponibili.

 

Emergenza Livorno, Grieco: “Per le schede di ricognizione il termine ultimo è il 16 ottobre”

LIVORNO – "E' importante lanciare un appello per ricordare che lunedì prossimo, 16 ottobre, scade il termine entro il quale cittadini ed associazioni senza scopo di lucro da una parte, imprese e professionisti ed associazioni con finalità anche lucrative dall'altra, possono consegnare, rispettivamente, le Schede B presso l'Ufficio del commissario delegato dal Governo e le Schede C in Camera di commercio. L'appello che faccio, dunque, è che i diretti interessati non lascino passare questa data. L'Ufficio del commissario delegato, al Genio civile di Livorno, rimarrà aperto anche domani e dopodomani, sabato e domenica, mentre l'ufficio in Camera di commercio sarà aperto in via straordinaria domani mattina. Le imprese, i professionisti e le associazioni con finalità lucrative, una volta presentata la domanda in Camera di commercio, potranno rivolgersi allo sportello aperto da Fidi Toscana all'Ufficio del commissario anche nei giorni successivi per avviare i finanziamenti di microcredito".
Lo ha detto, a margine della visita effettuata questa mattina all'Ufficio del commissario delegato dal Governo, l'assessore regionale Cristina Grieco, che assieme agli altri assessori Federica Fratoni e Stefano Ciuoffo fa parte dello staff messo in campo dal presidente Enrico Rossi in qualità di commissario delegato dal Governo per gestire l'emergenza.
L'assessore Grieco ha incontrato il responsabile del Genio civile, Francesco Pistone, ed i tecnici che, fin dal 10 settembre scorso, stanno lavorando assieme a quelli dei Consorzi di bonifica Toscana Costa e Basso Valdarno e degli altri Enti interessati, in particolare dei Comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo e della Provincia di Livorno, al ripristino delle condizioni di normalità a cominciare dalla ricostruzione dei ponti distrutti e dalla messa in sicurezza delle infrastrutture e dalla riduzione del rischio idraulico nelle zone alluvionate.
"Desidero ringraziare tutti coloro che in questa drammatica situazione sono scesi in campo dando una risposta straordinaria", ha aggiunto l'assessore Grieco. "In particolare desidero ringraziare tutti quei volontari che con abnegazione e straordinario impegno si sono adoperati prima a correre in soccorso della popolazione alluvionata e poi a consegnare, in un vero e proprio porta a porta, i moduli attraverso i quali i cittadini possono chiedere un ristoro per i danni subiti".

I luoghi e gli orari degli uffici preposti alla consegna e al ricevimento delle domande per il ristoro dei danni sono di due tipi. Uno è relativo al patrimonio privato, l'altro alle attività di natura economica.

La Scheda B, che può essere scaricata anche dal sito della Regione Toscana (clicca qui) e che è stata distribuita nelle zone maggiormente colpite dai gruppi di volontariato del territorio, è destinata ai cittadini e alle associazioni non lucrative che hanno patito un danno agli immobili od anche ai beni mobili registrati. Essa, pertanto, serve alla ricognizione danni subiti dai privati e dalle associazioni senza scopo di lucro. Una volta compilata, deve essere riconsegnata allo sportello aperto da Sviluppo Toscana al Genio civile di Livorno (via Nardini 33, zona Marradi, Livorno) entro le ore 17 di lunedì 16 ottobre.
La Scheda B, assieme al vademecum per la corretta compilazione, può essere ritirata allo sportello di Sviluppo Toscana al citato Genio civile (via Nardini 33, zona Marradi, Livorno) con orario 9-13 e 14-17 tutti i giorni, compresi il sabato e la domenica. Informazioni a tale ufficio possono essere chieste anche telefonicamente al numero 055.4382911 o tramite e-mail scrivendo a emergenza.livorno.privati@regione.toscana.it.
Anche i tre Comuni interessati hanno allestito dei punti di diffusione delle Schede B. Il Comune di Livorno consegna le Schede B presso l'Urp di Palazzo Civico (piano terra del Comune Vecchio, piazza del Municipio 1, Livorno) e al Centro servizi al cittadino Area Sud (via Machiavelli 21, zona La Rosa, ex Circoscrizione 5) in orario 9-13 e 15,30-17,30 dal lunedì al venerdì e 9-13 il sabato mattina. Il Comune di Collesalvetti distribuisce queste schede all'Urp di Palazzo Comunale (piazza della Repubblica 32, Collesalvetti) e al Centro civico di Stagno (via Marx 17, località Stagno, Collesalvetti) dal lunedì al venerdì in orario 8,30-14 e 15-18 ed 8,30-12,30 al sabato mattina. Il Comune di Rosignano Marittimo, invece, ha aperto uno sportello all'ufficio della Protezione civile comunale (via Gramsci 80, Rosignano Marittimo) con orario 9-13 dal lunedì al venerdì ed apertura pomeridiana il martedì e il giovedì in orario 14.30-17.
La Scheda B, come detto, deve essere riconsegnata, entro il 16 ottobre compreso, solo ed esclusivamente al citato ufficio di Sviluppo Toscana al Genio civile livornese. La Scheda B, tuttavia, può essere inviata, firmata ed accompagnata da un documento d'identità scannerizzato, anche all'indirizzo e-mail emergenza.livorno.privati@regione.toscana.it.

La Scheda C, che può essere scaricata dal sito internet della Regione (clicca qui), riguarda invece la ricognizione dei danni subiti dalle imprese, dai professionisti e dalle associazioni che prevedono anche attività a carattere lucrativo. In questo caso gli operatori economici e professionali danneggiati possono ritirare la Scheda C e il relativo vademecum all'ufficio che il raggruppamento temporaneo d'impresa Toscana Muove, con capofila Fidi Toscana, ha aperto al Genio civile di Livorno (via Nardini 33, zona Marradi, Livorno) con orario 9-13 e 14-17 tutti i giorni, dal lunedì al venerdì. Questa modulistica può essere ritirata anche in Camera di commercio (piazza del Municipio 48, Livorno). La Camera di commercio della Maremma e del Tirreno, sede di Livorno, ha infatti aperto uno sportello con orario 8,30-13,30 e 15-18. In via straordinaria, per venire incontro alle esigenze delle attività produttive ed economiche, la Camera di commercio resterà aperta anche nella mattinata di domani, sabato 14 ottobre, con orario 8,30-13. Informazioni telefoniche possono essere richieste anche al numero 055.43829109 di Fidi Toscana.
La Scheda C, una volta compilata, deve essere presentata alla citata Camera di commercio entro e non oltre lunedì 16 ottobre per il riconoscimento e la quantificazione del danno. La modulistica può essere inoltrata alla Camera di commercio anche tramire pec all'indirizzo cameradicommercio@pec.lg.camcom.it. Solo dopo tale passaggio, imprenditori, professionisti ed associazioni con attività anche a scopo di lucro potranno rivolgersi a Fidi Toscana, capofila del raggruppamento e finanziaria di riferimento della Regione, per l'attivazione di un finanziamento senza interessi. Il finanziamento può essere da 5 a 20 mila euro, senza interesse alcuno, restituibile in dodici anni con rate a partire dal terzo anno. Le domande per l'attivazione dei finanziamenti potranno essere presentate a Fidi Toscana fino ad esaurimento dei fondi disponibili.