Visite alla mostra Artisti al teatro

Tutti i sabati alle dal 28 luglio al 22 settembre al Museo Novecento

In occasione della mostra Artisti al teatro. Disegni per il Maggio Musicale Fiorentino sono previste visite specifiche che permetteranno di ripercorrere i decenni del Novecento secondo una prospettiva assolutamente particolare: a delineare i tratti della storia dell’arte dagli anni Trenta in poi, infatti, saranno i bozzetti realizzati dai grandi pittori e scultori che – nella veste di scenografi e costumisti – hanno contribuito a rendere davvero unica la proposta del Maggio. Sarà così possibile tornare al 1933, quando per la prima volta salì sul palcoscenico Giorgio De Chirico scandalizzando il pubblico le sue enigmatiche scenografie, per proseguire con la coraggiosa opera dei protagonisti del Novecento italiano chiamati di volta in volta a dipingere scene e costumi di melodrammi, opere e balletti: basti ricordare Felice Casorati, Mario Sironi, Gino Severini, Enrico Prampolini, Franco Angeli, Piero Dorazio, Toti Scialoja, Giacomo Manzù, Fausto Melotti, Giulio Paolini. Ecco che i loro disegni e le loro creazioni – tra Metafisica e Neofuturismo, Astrazione e Pop art, Espressionismo e Concettuale – porteranno il pubblico a guardare con altri occhi alle grandi correnti del Novecento e, insieme, a rivivere la magia di questo straordinario connubio fra arte e teatro.

  • Per chi: per giovani e adulti
  • Quando: tutti i sabati alle h15, da sabato 28 luglio a sabato 22 settembre
  • Durata: 1h
  • Dove: Museo Novecento, piazza Santa Maria Novella 10
  • Costi: €2,00 (residenti città metropolitana) – €4,00 (non residenti città metropolitana) oltre al biglietto di ingresso al museo

Per informazioni e prenotazioni:
Tel. 055-2768225
Mail info@muse.comune.fi.it
museonovecento.it

Nati nel Novecento: e il museo diventa persona

Da luglio a settembre al Museo Novecento

Il XX secolo, a differenza di tutti gli altri secoli, ha una particolare caratteristica: molti di noi lo hanno vissuto e attraversato, lo hanno plasmato e ne sono stati plasmati. E’ quindi un periodo storico di cui la maggior parte di noi ha una memoria e un’esperienza diretta: tanto delle vicende storiche, politiche, sociali quanto delle trasformazioni urbanistiche e delle evoluzioni artistiche. Conseguentemente il Museo Novecento, che indaga i linguaggi, i protagonisti e le forme delle arti di questo secolo, ha una connessione con il suo pubblico – reale e potenziale – assolutamente diversa rispetto ad altri musei: i visitatori, volenti o nolenti, sono parte di questa storia e ne sono testimoni, in misura proporzionale rispetto alla loro età anagrafica. Nella convinzione che un museo oggi trovi il suo completamento proprio nella relazione e nella partecipazione del pubblico e nella consapevolezza che questo “patrimonio umano” – fatto di storie vissute in prima persona nel XX secolo – sia inevitabilmente, poco a poco, destinato a scomparire, il Museo Novecento invita tutti i nati nel secolo scorso a dare il proprio contributo: ciascuno, giovane, adulto o anziano, potrà quindi portare il proprio tassello di storia per dare vita a un prezioso “Human Museum”, traslando i termini dell’ormai affermata “Human Library”.
Per tutti i weekend di luglio, agosto e settembre – ogni sabato alle h16.30 – chi è rimasto in città a godersi la tranquillità dei mesi estivi è invitato al museo a condividere un breve racconto (2 minuti al massimo) che sia emblematico del Novecento: un episodio personale, un avvenimento, un ricordo che contribuirà a tenere viva la memoria di un secolo ormai concluso. I partecipanti saranno chiamati ad abbinare il proprio racconto a una delle opere del museo, arricchendole – ancora una volta – di un nuovo significato. Tutti i preziosi contributi saranno raccolti ed elaborati dando vita a un “museo digitale”…che tutti noi avremo contribuito a creare.

  • Quando: tutti i sabati di luglio, agosto e settembre h16.30
  • Per chi: per tutti colori che sono nati nel Novecento (fino al 1999)
  • Dove: Museo Novecento
  • Durata: 1h15′
  • Costi: €2,00 (residenti Città Metropolitana) – €4,00 (non residenti Città Metropolitana) oltre al biglietto di ingresso al museo.

Per informazioni e prenotazioni:
tel. 055-2768225
Mail info@muse.comune.fi.it
www.museonovecento.it

Alla scoperta dei grandi complessi religiosi fiorentini

Visite alla Cappella Brancacci, a Santo Spirito e a Santa Maria Novella

Estate 2018

Con l’arrivo dell’estate, i Musei Civici Fiorentini e l’Associazione MUS.E – in collaborazione con il Fondo Edifici di Culto del Ministero dell’Interno – presentano un nuovo ciclo di appuntamenti alla scoperta di Santa Maria Novella, della Cappella Brancacci in Santa Maria del Carmine, della Fondazione Romano e della basilica di Santo Spirito.

 

Visita alla Cappella Brancacci

Il convento di Santa Maria del Carmine racchiude un vero e proprio tesoro dell’arte rinascimentale: la cappella voluta da Felice Brancacci e dipinta dai grandi maestri Masolino, Masaccio e Filippino Lippi. Dopo un’introduzione alla chiesa e al convento carmelitano, la visita permetterà di leggere le diverse scene delle storie di San Pietro centrando l’attenzione sulle novità stilistiche e costruttive introdotte dal giovane Tommaso, chiamato Masaccio per sua “straccurataggine” – come scrive Vasari – ma divenuto universalmente noto per la portata rivoluzionaria della sua arte.
Durata: 50’
Quando: lunedì h10 e h14
Costi: €2,00 (residenti città metropolitana) e €4,00 (non residenti città metropolitana) oltre al biglietto di ingresso del museo (€6,00 intero – €4,50 ridotto 18/25 anni e studenti universitari – gratuito fino a 18 anni, disabili e accompagnatori, membri ICOM, ICOMOS e ICCROM, guide turistiche e interpreti. Se cumulativo con Fondazione Romano €7,00 intero – €5,00 ridotto 18/25 anni e studenti universitari)

 

Visita al complesso di Santo Spirito e alla Fondazione Romano

Il complesso di Santo Spirito è una pagina essenziale della storia fiorentina, che testimonia della presenza e del rilievo assunto dai frati eremitani di Sant’Agostino in città dalla metà del Duecento fino ai giorni nostri. Il percorso comincerà nell’antico cenacolo trecentesco – che oggi ospita una delle collezioni lapidee medievali e rinascimentali più suggestive della città, donata dall’antiquario e collezionista Salvatore Romano – per proseguire in basilica: qui, oltre all’osservazione della suggestiva facciata esterna, sarà possibile apprezzare le peculiarità dell’interno, le cui architetture mostrano tuttora la limpida e ritmata impronta brunelleschiana e custodiscono altresì importanti capolavori artistici, fra cui i dipinti di Maso di Banco, Cosimo Rosselli o Filippino Lippi.
Durata: 1h15’
Quando: lunedì h11.30 e h16.00
Costi: €2,00 (residenti città metropolitana) e €4,00 (non residenti città metropolitana) oltre al biglietto di ingresso del museo: €7,00 intero – €5,00 ridotto 18/25 anni e studenti universitari, gratuito fino a 18 anni, disabili e accompagnatori, membri ICOM, ICOMOS e ICCROM, guide turistiche e interpreti.

 

Santa Maria Novella

La Basilica e i suoi capolavori

La visita accompagna il pubblico alla comprensione di uno straordinario documento della storia dell’ordine domenicano ma anche di un fondamentale capitolo della città di Firenze. In questo senso un’attenzione particolare sarà dedicata alla storia dell’ordine, i cui caratteri teologici soggiacciono a tutte le vicende architettoniche e artistiche del convento, ma anche alla partecipazione attiva della cittadinanza, che da sempre ha supportato la vita del complesso grazie a lasciti, committenze e patronati, coinvolgendo di volta in volta i maggiori artisti del Medio Evo e del Rinascimento nella decorazione e nell’abbellimento della Basilica: fra questi Giotto, Masaccio chiamato a dipingere la famosa “Trinità” , Filippo Brunelleschi, Filippino Lippi e Domenico Ghirlandaio,  che con la sua bottega affresca la Cappella maggiore.
Durata: 1h15′
Per chi: Per giovani e adulti
Quando: lunedì, mercoledì e sabato h10.30; lunedì, mercoledì e domenica h14.30
Costi: Ingresso gratuito – residenti Comune di Firenze, €7,00 intero, €5,00 ridotto – over 65. Al biglietto di ingresso va aggiunto il costo della visita guidata: €2,00 per i residenti nella Città Metropolitana di Firenze, €4,00 non residenti.

 

I chiostri, il Convento e la Cappella del Papa 

La visita consente di apprezzare l’eccezionale l’importanza storica e artistica degli spazi del convento domenicano, a cominciare dal celebre Chiostro verde, i cui meravigliosi affreschi della prima metà del Quattrocento, dipinti da Paolo Uccello e collaboratori, sono ora esposti nel Refettorio dopo il delicato intervento di restauro condotto dall’Opificio delle Pietre Dure. Il percorso prosegue con la visita della sala dell’antico capitolo, più nota come cappellone degli Spagnoli, il cui ciclo – affrescato da Andrea di Bonaiuto – si pone come una delle più alte e spettacolari rappresentazioni della missione domenicana e del trecentesco Chiostro Grande, da poco riaperto alla fruizione pubblica, che ospita uno straordinaria serie di affreschi dei maggiori pittori dell’Accademia fiorentina del Cinquecento. Infine, un vero e proprio ‘gioiello’ della pittura fiorentina nella fase di transizione fra Rinascimento e Manierismo, la Cappella del Papa: ultimo vestigio degli smantellati appartamenti papali di Santa Maria Novella, la cui decorazione venne affidata a Ridolfo del Ghirlandaio e portata a termine dal Pontormo.
Durata: 1h15′
Per chi: Per giovani e adulti
Quando: lunedì, mercoledì e sabato h12.00; lunedì, mercoledì e domenica h16.00
Costi: Ingresso gratuito – residenti Comune di Firenze, €7,00 intero, €5,00 ridotto – over 65. Al biglietto di ingresso va aggiunto il costo della visita guidata: €2,00 per i residenti nella Città Metropolitana di Firenze, €4,00 non residenti.

 

Alla scoperta di Santa Maria Novella 

Il complesso di Santa Maria Novella offre l’occasione per immaginare e ricostruire la vita, le regole, l ́orario e le mansioni dei frati domenicani del tredicesimo secolo apprezzando nel contempo la ricchezza dei capolavori che il convento racchiude. Sarà quindi possibile rivivere sulla propria pelle lo scorrere del tempo nel convento – la preghiera nella grande chiesa, tradotta in forma visiva nelle grandi opere di Giotto, Masaccio, Brunelleschi o Ghirlandaio; il pasto comune in refettorio; la riunione nella sala del Capitolo; lo studio in biblioteca, il silenzio nel chiostro; la cura e l’assistenza nell’infermeria; il riposo nei dormitori – giungendo ad apprezzare la portata storica e artistica del complesso.
Durata: 1h15′
Per chi: per famiglie con bambini  e ragazzi 8/12 anni
Quando: venerdì h14.30 e h16.00
Costi: Ingresso gratuito – residenti Comune di Firenze, €7,00 intero, €5,00 ridotto – over 65. Al biglietto di ingresso va aggiunto il costo della visita guidata: €2,00 per i residenti nella Città Metropolitana di Firenze, €4,00 non residenti.

 

Convenzione 2×1 Unicoop: ai soci Unicoop Firenze, dietro presentazione della tessera socio, è applicata la gratuità d’accesso con la formula 2×1. Tale formula sarà applicata sia alle tariffe d’ingresso che alle visite e attività. La convenzione si applica su tutti i Musei Civici Fiorentini, ad esclusione di Santa Maria Novella.
Prenotazione obbligatoria. Per informazioni e prenotazioni: Tel. 055-2768224 055-2768558, Mail info@muse.comune.fi.it

Un compleanno ad arte

Idee per festeggiare a Firenze in estate: visita guidata con aperitivo a Palazzo Vecchio, Forte Belvedere e Murate.

Ormai da molti anni il “compleanno al museo” riscuote un enorme successo nel mondo dei bambini, dei loro amici e dei loro familiari. Poiché però non sono solo gli under 18 a compiere gli anni, ecco che i Musei Civici Fiorentini e l’Associazione MUS.E propongono per l’estate 2018 una formula per poter trascorrere il proprio “giorno speciale” in un modo unico: il festeggiato potrà prendere parte a una visita riservata a lui e al suo gruppo di invitati – luoghi segreti inclusi – per poi concludere con un lieto brindisi in caffetteria.  E’ possibile organizzare l’evento presso Palazzo Vecchio e presso Forte Belvedere, dove è in corso la mostra Gong. Eliseo MattiacciAl momento della prenotazione dell’attività, il contact-centre MUS.E fornirà anche i riferimenti per prenotare l’aperitivo, al costo di €10 a persona.
Qui di seguito i dettagli:

Museo di Palazzo Vecchio
Percorsi segreti 
La proposta consente di visitare alcuni ambienti particolarmente preziosi: fra questi la scala realizzata per volere di Gualtieri di Brienne e ricavata nello spessore della murgalia, lo Studiolo di Francesco I de’ Medici, raffinatissimo scrigno “di cose rare et pretiose”, e lo Scrittoio del padre Cosimo I (più conosciuto come Tesoretto), infine l’imponente struttura a capriate che sorregge il soffitto a cassettoni del Salone dei Cinquecento.

  • Per chi: giovani e adulti
  • Quando: tutti i giorni (eccetto giovedì) h18.30
  • Durata: 1h15’
  • Costi per il gruppo (10 partecipanti): €120,00 (residenti città metropolitana) – €140,00 (non residenti città metropolitana)

Forte di Belvedere 
Visita alla fortezza e alla mostra Gong. Eliseo Mattiacci
La visita permette di comprendere i tratti salienti della fortezza medicea intrecciando il racconto delle architetture cinquecentesche con quello dell’esposizione Gong, che presenta l’opera di Eliseo Mattiacci (Cagli, 1940), uno dei grandi protagonisti dell’arte contemporanea italiana. Nella continua tensione fra passato e presente, fra idea e manualità, fra arte e scienza, l’artista indaga il rapporto terra-cielo addentrandosi nelle pieghe più alte del cosmo, dell’universo e dell’infinito. Le grandi sculture esposte, completate dalla ricca attività grafica, consentiranno quindi di esplorare un mondo artistico che ci conduce oltre la materia e il tempo, fra cosmogonie e corpi celesti: “verso il cielo”.

  • Per chi: giovani e adulti
  • Quando: tutti i sabati h17.30
  • Durata: 1h15’
  • Costi per il gruppo (25 partecipanti): €100,00 (residenti città metropolitana) – €125,00 (non residenti città metropolitana)

Complesso delle Murate
Visita alle Murate
La visita permette di conoscere la storia del complesso delle Murate, dalla sua fondazione come convento femminile per le monache di clausura, le murate, alla sua trasformazione in carcere nell’Ottocento fino al 1986, anno della riforma carceraria di Mario Gozzini. L’itinerario si snoderà tra gli spazi del complesso per concludersi nel carcere duro, la zona detentiva più severa, all’interno del quale trova posto l’installazione Nuclei (vitali) di Valeria Muledda: un “cammeo” della produzione artistica che oggi caratterizza il luogo.

  • Per chi: giovani e adulti
  • Quando: tutti i giorni (eccetto giovedì) h18.30
  • Durata: 1h15’
  • Costi per il gruppo (25 partecipanti): €50,00 (residenti città metropolitana) – €100,00 (non residenti città metropolitana)

Per informazioni e prenotazioni sulle visite:
tel. 055-2768224
mail info@muse.comune.fi.it

Storie, miti ed eroi nel patrimonio civico

Nell’ambito dell’edizione 2018 delle Notti dell’Archeologia, promossa dalla Regione Toscana per la valorizzazione  del patrimonio archeologico regionale e che quest’anno ha come tema principe “Eroi e miti dell’antichità” , i Musei Civici Fiorentini e MUS.E propongono nelle serate di luglio attività e visite  per il pubblico di ogni età, dalle visite-spettacolo nei meandri degli scavi archeologici di Palazzo Vecchio a quelle narranti presso il Museo Stefano Bardini, fino ai laboratori per famiglie con bambini sui grandi miti del cosmo e sul sempiterno eroe Ercole.  Ecco il dettaglio delle iniziative.

 

Nell’antico teatro di Florentia

A Palazzo Vecchio soggiace uno straordinario percorso archeologico, che consente di entrarne nelle viscere e comprendere la storia millenaria che ne ha preceduto la costruzione: si comincia con l’antico teatro romano, costruito verso la fine del I secolo a.C. e ampliato in età adrianea, per proseguire con i secoli di spoglio e di interro e giungere alla ripresa medievale, età in cui prendono vita strade cittadine, palazzi signorili ed edifici privati. La visita condurrà il pubblico alla lettura della ricca e complessa stratigrafia archeologica e rivivere ciò che accadeva nell’antico teatro di Florentia nei primi secoli dopo Cristo. Attraverso brevi interventi teatrali sarà possibile ripercorrere la storia e gli sviluppi del teatro romano – dal mimo all’atellana, dalla tragedia alla commedia – un excursus vivace che, nell’avvicendarsi di personaggi e di maschere, intreccia l’immediatezza popolaresca con le colte ascendenze classiche.

  • Per chi: per giovani e adulti
  • Dove: Museo di Palazzo Vecchio
  • Quando: domenica 1 luglio h19 e h21
  • Durata: 1h15’
  • Costi: gratuito residenti Città Metropolitana (in occasione della Domenica Metropolitana), minori di 18 anni, guide turistiche e interpreti, membri ICOM, ICOMOS, ICCROM. Per i non residenti: €18,00 (intero) e €16,00 (ridotto 18-25 anni e studenti universitari).

 

Storia di Ercole raccontata dalla civetta di Atene

Palazzo Vecchio è ricchissimo di storie riferite a dei ed eroi dell’antichità; e non è un caso che questa storia venga raccontata da due civette, uccelli sacri alla dea Atena. La prima – reale – trova riparo nel Palazzo in una notte di pioggia e incontra la seconda – dipinta – che comincia a raccontarle le storie di Ercole. Nel dialogo fra le due civette rivive la magia del mondo antico, per ricordare che il coraggio non è l’assenza di paure, ma la capacità di conoscerle e di superarle.

  • Per chi: famiglie con bambini 4/7 anni
  • Dove: Museo di Palazzo Vecchio
  • Quando: 6 luglio h18.30
  • Durata: 1h
  • Costi: ingresso gratuito minori di 18 anni, guide turistiche e interpreti, membri ICOM, ICOMOS, ICCROM – €8,00(ridotto 18-25 anni e studenti universitari) – €10,00 (intero) + attività €2,00 (residenti Città Metropolitana) – €4,00 (non residenti Città Metropolitana)

 

Aria, Acqua, Terra, Fuoco

L’attività è dedicata ai quattro elementi, indagati prima dal mito, poi dalla filosofia e dalla scienza per tentare di comprendere la natura e la costituzione del mondo. Nella sala dei Quattro Elementi si racconta per immagini la Teogonia- grande mito della creazione del mondo- e la celebrazione degli elementi; poi grazie a una scenografica installazione e a una serie di stimoli multisensoriali, i bambini potranno soffermarsi in forma interattiva e coinvolgente su Aria, Acqua, Terra e Fuoco scoprendo quanto si intreccino alla loro vita di tutti i giorni e quanto siano costitutivi della realtà.

  • Per chi: famiglie con bambini e ragazzi 8/12 anni
  • Dove: Museo di Palazzo Vecchio
  • Quando: 6 luglio h21
  • Durata: 1h15′
  • Costi: ingresso gratuito minori di 18 anni, guide turistiche e interpreti, membri ICOM, ICOMOS, ICCROM – €8,00(ridotto 18-25 anni e studenti universitari) – €10,00 (intero) + attività €2,00 (residenti Città Metropolitana) – €4,00 (non residenti Città Metropolitana)

Miti e figure dell’antichità fra le opere Bardini

Il Museo Stefano Bardini, nato come straordinario luogo di esposizione delle opere dell’antiquario Stefano Bardini e destinato a rapire collezionisti e amatori di tutto il mondo, esercita tuttora un grande fascino sul pubblico: sale seducenti, nelle quali i pezzi diventano protagonisti e raccontano al meglio la propria storia, seppure di reimpiego o di reinvenzione. Fra questi numerose antichità come colonne e capitelli, urne, sarcofagi, busti marmorei di eroi e divinità  che la visita consentirà di individuare e apprezzare. Un percorso che spazia dall’antica grecia fino alla storia latina ed etrusca ridando voce ai protagonisti del passato: guerrieri, filosofi, dei, satiri e umili spose; immortalati dall’arte e sospesi tra la storia e il mito.

  • Per chi: per giovani e adulti
  • Dove: Museo Stefano Bardini
  • Quando: 27 luglio h20.30 e h21.30
  • Durata: 1h
  • Costi: ingresso gratuito minori di 18 anni, guide turistiche e interpreti, membri ICOM, ICOMOS, ICCROM – €4,50(ridotto 18-25 anni e studenti universitari) – €6,00 (intero) + attività €2,00 (residenti Città Metropolitana) – €4,00 (non residenti Città Metropolitana)

Per informazioni e prenotazioni:
Tel. 055-2768224
Mail info@muse.comune.fi.it