Lunedì 26 e martedì 27 giugno Rossi al Forum Europeo sulla coesione

FIRENZE - "I fondi strutturali sono uno strumento essenziale per orientare la politica economica e sociale della Regione Toscana e costituiscono un volano straordinario e indispensabile per ogni tipo di investimento pubblico di carattere regionale". L'ha detto il presidente Enrico Rossi, in previsione del Forum europeo sulla coesione che lo vedrà impegnato lunedì 26 e martedì 27 giugno a Bruxelles.

Al Forum, oltre al presidente Rossi che interverrà nella sessione plenaria sulla globalizzazione, si esprimeranno anche il presidente della Commissione Jean-Claude Junker e del Parlamento europeo Antonio Tajani e numerosi Commissari europei, tra cui Jyrki Katainen responsabile per la crescita e gli investimenti, Corina Creţu col portafoglio per gli Affari regionali. Per l'Italia, invece, ha confermato il ministro per la Coesione territoriale e per il mezzogiorno Claudio De Vincenti.

I lavori del Forum si collocano nel pieno del negoziato sul Post 2020, ossia sul futuro dei fondi strutturali, che dopo la Brexit sono considerati non più essenziali da molti governi europei.

A margine del suo intervento, il presidente Rossi presenterà ai partecipanti uno studio effettuato dall'Irpet sull'"Importanza della politica di coesione in Toscana". Lo studio sarà anche consegnato al Commissario per gli affari regionali Corina Creţu, per testimoniare l'importanza di questa politica anche per una regione economicamente sviluppata come la Toscana che ha ricevuto dall'Europa circa un miliardo e mezzo di euro nel periodo 2014-2020.

"I risultati della politica regionale nei nostri territori – ha concluso Enrico Rossi - sono sotto gli occhi di tutti gli europei. Se ben raccontati, come cerchiamo di fare anche con questa pubblicazione dell'Irpet, saranno difficili da demolire e ci aiuteranno combattere populisti e euroscettici".
 

Santa Barbara a Cavriglia, da miniera di lignite a miniera di opportunità

FIRENZE -  Da miniera di lignite, utilizzata per produrre energia, a "miniera di opportunità" per generare sviluppo per il territorio: è questo il futuro del sito di Santa Barbara, l'area di circa 1600 ettari che si estende tra Cavriglia (AR) e Figline e Incisa Valdarno (FI). Il progetto, che si aggiunge ai piani già attivi per l'area, è stato presentato oggi da Luca Solfaroli Camillocci, responsabile Generazione termoelettrica Italia di Enel, Marco Fragale, Responsabile Progetto Futur-e Enel, Vincenzo Ceccarelli, Assessore Regionale a Infrastrutture, mobilità, urbanistica e politiche abitative, Leonardo Degl'Innocenti o Sanni, Sindaco di Cavriglia, Giulia Mugnai, Sindaco Figline e Incisa Valdarno e Alessandro Balducci, Professore Ordinario di Pianificazione e Politiche Urbane, Politecnico di Milano.

Mentre l'omonima centrale, convertita dal 2006 in un impianto a ciclo combinato, rimane attiva, la miniera di Santa Barbara non è più utilizzata dal 1994 ed è già al centro di un importante piano di riqualificazione grazie alla collaborazione tra Regione Toscana, Comuni ed azienda.

Enel ha deciso fare di più con un ulteriore progetto, che applicherà i principi di Futur-e, programma lanciato dall'azienda per riqualificare i siti di 23 centrali termoelettriche che hanno concluso il loro ruolo nel sistema energetico o stanno per farlo: attraverso soluzioni sostenibili e innovative, le dismissioni degli impianti diventano nuove opportunità per i territori che le ospitano.

Un metodo che verrà applicato anche per l'ex miniera: con il supporto del politecnico di Milano e degli stakeholder del territorio, e con il coinvolgimento dell'Università di Firenze, entro dicembre verranno definiti i possibili scenari di sviluppo, in maniera compatibile e integrata con i progetti già esistenti e sulla base di studi del contesto economico, dei piani urbanistici e delle aspettative delle comunità locali. A gennaio verrà lanciato un concorso di progetti, che riguarderà le unità dell'area e gli ambiti d'intervento definiti nella prima fase. Le proposte progettuali verranno valutate da Enel, istituzioni e mondo accademico per verificarne l'idoneità rispetto alle aspettative delle comunità locali, dello sviluppo sostenibile del territorio e l'integrazione con il progetto di riqualificazione già in essere.

"La miniera di Santa Barbara - ha detto l'assessore regionale all'urbanistica Vincenzo Ceccarelli - è stata uno straordinario motore di sviluppo per il Valdarno, ma oggi rappresenta un tema aperto da affrontare con urgenza per restituire alla comunità locale un patrimonio ambientale e magari una nuova occasione di sviluppo. Questo percorso che Enel sta avviando, nella prospettiva della riqualificazione e della valorizzazione dell'area, mi sembra un modo serio ed efficace per dare una risposta che sia in linea con le aspettative della popolazione e delle istituzioni".

"Il progetto presentato oggi – ha detto Luca Solfaroli Camillocci, responsabile Generazione Termoelettrica Italia di Enel – va ad arricchire il percorso di riqualificazione del sito, e lo fa poggiando le basi su una piattaforma già avviata con Futur-e: Enel ha lanciato un ambizioso piano per dare nuova vita ai siti di 23 centrali termoelettriche, coinvolgendo le comunità locali e gli stakeholder per individuare soluzioni in grado di generare valore condiviso. Una best practice unica al mondo che, per la prima volta, applicheremo anche ad un'area del tutto diversa da quelle delle centrali. Una sfida importante che ci vede alleati con il territorio per lavorare insieme ad un futuro sostenibile per l'ex miniera".

"Abbiamo sempre creduto che l'area ex mineraria continui a rappresentare una risorsa per il Comune di Cavriglia e per l'intero territorio. – commenta il Sindaco di Cavriglia Leonardo Degl'Innocenti o Sanni - Per la nostra Amministrazione Comunale di conseguenza, il progetto promosso da Enel  rappresenta un'opportunità unica per integrare i progetti di riassetto del territorio divenuti necessari con l'esaurimento del bacino lignitifero risalente a oltre 20 anni fa. Grazie a Futur-e avremo il piacere di ospitare tanti giovani ricercatori del Politecnico di Milano e dell'Università di Firenze che, con il loro entusiasmo e le loro competenze, saranno sicuramente in grado di darci nuovi spunti per valorizzare un'area che per decenni è stata il cuore pulsante dell'economia valdarnese".

"Quello che stiamo compiendo è un passo concreto per la valorizzazione di un'area che rappresenta una grande opportunità di sviluppo per il territorio valdarnese e per l'intera Toscana - spiega Giulia Mugnai, sindaca di Figline e Incisa Valdarno -. Già nel Piano strutturale della nostra città, in approvazione proprio in questi mesi, stiamo definendo per quell'area diverse funzioni, principalmente orientate ai servizi per i cittadini e al loro tempo libero. Questo studio ci fornirà quindi elementi importanti per centrare questo obiettivo e riqualificare un'area davvero strategica".

Giovedì 22 giugno, l’agenda della Giunta regionale

FIRENZE - Gli impegni del presidente e degli assessori della Giunta regionale toscana.

Monica Barni
Consiglio centrale Società Dante Alighieri
Ore 11.30, Roma, Piazza Firenze, 27

Vittorio Bugli
AGCI,  Assemblea congressuale
Ore  17,00, Firenze, Istituto degli Innocenti, piazza S.S. Annunziata

Stefano Ciuoffo
Inaugurazione ostello
Ore 17,30, Castelfiorentino (FI), Viale Roosevelt
 
Vincenzo Ceccarelli
Conferenza stampa "Progetto di riqualificazione area mineraria di Santa Barbara"
Ore 12,00, Firenze, Palazzo Strozzi Sacrati, piazza Duomo, 10,  sala stampa Cutuli

Cristina Grieco
Convegno "Il Lavoro che cambia"
Ore 9.30, Roma, Palazzo Rospigliosi, Via XXI Maggio, 43

Stefania Saccardi
Protocollo "Una scelta comune"
Ore 14,00, Firenze, Palazzo Vecchio, salone dei Cinquecento

Evento vaccini "attualità e prospettive"
Ore 17,00, Firenze, presso Università Telematica Pegaso

Ex miniera S. Barbara: nuovo progetto di riqualificazione. Alle 12:00 conferenza stampa

FIRENZE - La riqualificazione dell'ex miniera di Santa Barbara si arricchisce di un nuovo progetto per individuare ulteriori scenari e proposte innovative e sostenibili per il sito, con la collaborazione del Politecnico di Milano. Una strada da percorrere insieme a cittadini, istituzioni e imprese per generare valore condiviso per il territorio.

L'iniziativa viene presentata alle ore 12:00 di oggi, giovedì 22 giugno, nella sala stampa Cutuli di palazzo Strozzi Sacrati, piazza Duomo 10.

Saranno presenti l'assessore a infrastrutture e mobilità, Vincenzo Ceccarelli, il responsabile Generazione Termoelettrica Italia di Enel, Luca Solfaroli Camillocci, il responsabile progetto Enel Futur-e, Marco Fragale, il sindaco di Cavriglia, Leonardo Degl'Innocenti o Sanni, il sindaco Figline e Incisa Valdarno, Giulia Mugnai, e Alessandro Balducci, professore ordinario di pianificazione e politiche urbane del Politecnico di Milano.