Mafia e criminalità organizzata, Bugli: “Non esistono aree immuni e studiare il fenomeno aiuta a contrastarlo”

FIRENZE - "L'analisi conferma che anche in Toscana mafia e criminalità organizzata ci sono ed operano. Non esistono aree completamente immuni e di fronte a questo abbiamo deciso di intervenire: studiando il fenomeno e facendolo conoscere, per non rimanere indifferenti".
Lo sottolinea l'assessore alla legalità della Toscana Vittorio Bugli, durante la presentazione, oggi, del terzo rapporto sui fenomeni di criminalità curato dalla Scuola Normale superiore di Pisa su incarico della Regione. "Un'iniziativa – anticipa Bugli – che ha dato buoni risultati e che, giunta al termine dell'accordo di tre anni, intendiamo rinnovare".

L'attività di ricerca ha innescato peraltro altre iniziative. "Ci ha permesso di organizzare tre corsi di formazione sugli appalti e sui rischi di infiltrazione criminale, seguitissimi - racconta Bugli - Ci ha permesso di disseminare a livello locale numeri e analisi, tra le istituzioni e nella società, per allargare il fronte di quanti non vogliono rimanere indifferenti".

Un'attività di costruzione di una cultura delle legalità, ha ricordato l'assessore che passa anche dall'aiuto offerto ai comuni per ristrutturare, con una norma ad hoc, beni confiscati alla criminalità organizzativa in modo che tornino patrimonio di tutti o che passa attraverso i campi per ragazzi e gli eventi organizzati nella tenuta di Suvignano nei comuni di Monteroni d'Arbia e Murlo, beni simbolo tra quelli confiscati in Toscana alla mafia e dall'anno scorso affidata finalmente alla Regione.

Mafia e criminalità organizzata: “Non esistono aree immuni e studiare il fenomeno aiuta a contrastarlo”

FIRENZE - "L'analisi conferma che anche in Toscana mafia e criminalità organizzata ci sono ed operano. Non esistono aree completamente immuni e di fronte a questo abbiamo deciso di intervenire: studiando il fenomeno e facendolo conoscere, per non rimanere indifferenti".
Lo sottolinea l'assessore alla legalità della Toscana Vittorio Bugli, durante la presentazione, oggi, del terzo rapporto sui fenomeni di criminalità curato dalla Scuola Normale superiore di Pisa su incarico della Regione. "Un'iniziativa – anticipa Bugli – che ha dato buoni risultati e che, giunta al termine dell'accordo di tre anni, intendiamo rinnovare".

L'attività di ricerca ha innescato peraltro altre iniziative. "Ci ha permesso di organizzare tre corsi di formazione sugli appalti e sui rischi di infiltrazione criminale, seguitissimi - racconta Bugli - Ci ha permesso di disseminare a livello locale numeri e analisi, tra le istituzioni e nella società, per allargare il fronte di quanti non vogliono rimanere indifferenti".

Un'attività di costruzione di una cultura delle legalità, ha ricordato l'assessore che passa anche dall'aiuto offerto ai comuni per ristrutturare, con una norma ad hoc, beni confiscati alla criminalità organizzativa in modo che tornino patrimonio di tutti o che passa attraverso i campi per ragazzi e gli eventi organizzati nella tenuta di Suvignano nei comuni di Monteroni d'Arbia e Murlo, beni simbolo tra quelli confiscati in Toscana alla mafia e dall'anno scorso affidata finalmente alla Regione.

Criminalità e corruzione in Toscana, la Regione presenta l’ultimo rapporto

FIRENZE - Le mafie in Toscana? Il terzo rapporto sui fenomeni di criminalità organizzata e corruzione, curato dalla Scuola Normale superiore di Pisa su incarico della Regione, conferma quanto emerso nei due precedenti anni: le quattro mafie storiche, a guardare le carte dei tribunali, continuano infatti a non manifestarsi con una presenza di insediamenti stabili sul territorio. Sono però sempre più riconoscibili le ‘tracce' di una  crescita di gruppi di criminalità organizzata nel territorio.

Le cosche considerano la Toscana come una terra di conquista.  Preferiscono, piuttosto che colonizzare, esternalizzare a gruppi autoctoni o mimetizzarsi. Ma non si limitano a riciclarvi denaro ma la usano anche per farvi affari.  Gli episodi emersi nel 2018 chiariscono la logica del ‘fare impresa' delle mafie in questa regione: più che ‘sostituirsi' al mercato  ricercando forme di oligopolio criminale nell'economia legale, pare che la strada battuta sia quella di mettersi ‘ al servizio' del mercato attraverso l'esercizio abusivo del credito, l'erogazione di servizi illeciti finalizzati a reati tributari  ed economici o all'abbattimento dei costi di impresa attraverso attività illecite di intermediazione del lavoro o nel ciclo dei rifiuti. 

E' stabile, dice sempre il rapporto,  il numero delle condanne definitive per associazione mafiosa, ma sono in calo i procedimenti definiti. Le sequenze e i numeri dell'Istat dal 2010 al 2017 passati al setaccio dalla Scuola Normale raccontano in ogni caso di un aumento del rischio di criminalità. E' il caso dell'elevato tasso delle denunce per estorsione e riciclaggio, ma anche degli attentati (sia pur in modo più lieve). Rimangono alte, rispetto al Centro Nord, anche le denunce con aggravante mafiosa. Diminuiscono però, in linea con il trend già registrato l'anno passato, quelle per contraffazione, rapine in banca, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione o per reati che hanno a che fare con droghe e stupefacenti.

Grosseto, Livorno, Prato e Massa-Carrara si confermano le province con il più elevato rischio di penetrazione criminale. Prato in particolare rimane al primo posto in Italia per numero di persone denunciate per reati di riciclaggio, con un aumento esponenziale a partire dal 2012 e livelli venti volte superiori al tasso nazionale.

Livorno continua a registrare il tasso medio annuo più elevato per quanto riguarda le segnalazioni per traffico e spaccio di stupefacenti, seguito da Firenze. Si tratta di un mercato tra i più internazionalizzati d'Italia e il 63,76% delle persone denunciate in tutta la Toscana sono straniere.  Per alcuni prodotti l'intera filiera è straniera. Il porto di Livorno guadagna anche il primato nazionale  per cocaina sequestrata nel 2018: 530 chili, che è una parte considerevole dei 589 recuperati in tutta la regione che catapultano la Toscana al terzo posto in Italia dopo Veneto e Lazio.  Prato conquista invece il primo posto nella regione per produzione, con 17 mila piante di marijuana sequestrate negli ultimi dieci anni. 

I beni confiscati alla criminalità organizzata  in Toscana sono anch'essi in aumento: tolti i provvedimenti dall'esito ancora incerto, si tratta di 572 beni immobili, distribuiti in 67 comuni, ovvero il 23 per cento del territorio regionale. Di questi 145 sono quelli già destinati, come ad esempio la tenuta di Suvignano assegnata alla Regione Toscana. La matrice camorristica è la più ricorrente, con quasi il 40 per cento dei beni, seguiti da Cosa nostra (11,5%) e ‘ndrangheta (6,2%). Quel che rimane è riconducibile alla Sacra Corona Unita,  la Mala del Brenta o associazioni mafiose originarie del Lazio.

Quanto ai fenomeni di corruzione, le statistiche comparate prese in esame dal rapporto segnano un aumento percentuale, tra il 2016 e 2017, anche dei cosiddetti ‘crimini dei colletti bianchi'. Crescono del 150 per cento le malversazioni, raddoppiano i reati di concussione, in crescita del 67 per cento gli abusi di ufficio e del 37 per cento i reati societari. Il coinvolgimento di manager pubblici in vicende di corruzione risulta in Toscana ancora più marcato che nel resto d'Italia.  Nell'analisi degli episodi che si sono succeduti nel 2018 emerge come,  accanto ad imprenditori (29 casi) e funzionari o dirigenti pubblici (21 casi), in quasi la metà dei casi  - 17 su 38 – vi siano coinvolti professionisti come avvocati, commercialisti, ingegneri, architetti, geometri, ragionieri, medici ma anche intermediari e faccendieri.

La sintesi del rapporto

 

 

 

Terzo rapporto sulla criminalità in Toscana, alle 15 la presentazione e la diretta Facebook

FIRENZE - La Regione Toscana presenta il terzo rapporto sui fenomeni di criminalità organizzata e corruzione in Toscana, curato dalla Scuola Normale superiore di Pisa. L'appuntamento è per oggi, martedì 10 dicembre 2019, alle ore 15 nella sala Pegaso di Palazzo Strozzi Sacrati in piazza del Duomo a Firenze, sede della presidenza della Regione.

Ad aprire i lavori sarà l'assessore alla legalità della Toscana Vittorio Bugli, seguito dalla prefetta di Firenze Laura Lega. Il rapporto sarà illustrato da  Donatella Della Porta e Salvatore Sberna per la Scuola Normale Superiore e da Alberto Vannucci per l'Università di Pisa.

E' previsto l'intervento del generale Giuseppe Governale, direttore della Dia, la direzione investigativa antimafia. Le conclusioni saranno affidate al presidente della Toscana Enrico Rossi. 

Dalle ore 15, sulla pagina Facebook di Toscana Notizie https://www.facebook.com/toscananotizie, sarà possibile accedere alla diretta della presentazione  

 

Terzo rapporto sulla criminalità in Toscana, alle 15 la presentazione

FIRENZE - La Regione Toscana presenta il terzo rapporto sui fenomeni di criminalità organizzata e corruzione in Toscana, curato dalla Scuola Normale superiore di Pisa. L'appuntamento è per oggi, martedì 10 dicembre 2019, alle ore 15 nella sala Pegaso di Palazzo Strozzi Sacrati in piazza del Duomo a Firenze, sede della presidenza della Regione.

Ad aprire i lavori sarà l'assessore alla legalità della Toscana Vittorio Bugli, seguito dalla prefetta di Firenze Laura Lega. Il rapporto sarà illustrato da  Donatella Della Porta e Salvatore Sberna per la Scuola Normale Superiore e da Alberto Vannucci per l'Università di Pisa.

E' previsto l'intervento del generale Giuseppe Governale, direttore della Dia, la direzione investigativa antimafia. Le conclusioni saranno affidate al presidente della Toscana Enrico Rossi.