Balneari, Bugli e Ciuoffo: “Chiesto un sacrificio, ma disposti ad aprire un tavolo di confronto”

FIRENZE - "La Toscana sarà accanto ai balneari per valorizzare l'offerta turistica, come lo è per tutelare il settore di fronte alla normativa Bolkestein che prevede di mettere all'asta gli stabilimenti".

Lo sottolineano gli assessori al bilancio Vittorio Bugli e alle attività produttive Stefano Ciuoffo che oggi hanno incontrato una rappresentanza di balneari, che protestava davanti al palazzo della Regione contro la proposta di aumento dell'imposta sui canoni demaniali marittimi.

"Abbiamo ritenuto di chiedere un sacrificio ad un settore che ha spazi per contribuire alla sostenibilità delle politiche attive regionali" ripetono gli assessori.

"Abbiamo comunque dato – proseguono - la nostra disponibilità all'apertura immediata di un tavolo che durante l'iter di approvazione della legge di bilancio valuti più attentamente l'intenzione del Governo di procedere ad un aumento del canone su cui è calcolata l'imposta regionale perché certamente non vogliamo che ci sia una moltiplicazione di quanto dovuto".

L'imposta regionale è infatti calcolata, in percentuale, sul canone statale. "Il tavolo di confronto darà anche tempo – concludono - di valutare il testo finale della legge di stabilità nonché tutte le possibilità di miglioramento della proposta".

I commenti sono chiusi