Benessere e salute dei bambini, accordo Regione-Ufficio scolastico

FIRENZE - Favorire il benessere e la salute dei bambini, sia a scuola che in ambito extrascolastico. E' l'obiettivo dell'accordo di collaborazione tra Regione Toscana e Ufficio scolastico regionale, firmato in Palazzo Strozzi Sacrati, da Stefania Saccardi, assessore a salute e welfare, Cristina Grieco, assessore all'istruzione, e Domenico Petruzzo, direttore generale Ufficio scolastico regionale.

Regione e Ufficio scolastico collaborano già da anni a un progetto congiunto che integra più politiche: educative, della salute, sportive, formative, culturali, turistiche, ambientali; per sostenere e radicare nel percorso scolastico scelte di vita salutari e consapevoli, nei ragazzi, negli insegnanti, nelle famiglie. Tutte le azioni sono previste dalla strategia regionale integrata "Toscana da ragazzi", varata con una delibera del 2014. E in coerenza con la legge 107 del 13 luglio 2015, "Buona scuola", che prevede la promozione di uno stile di vita sano, con particolare riferimento ad alimentazione, educazione fisica e sport; e lo sviluppo e il potenziamento di comportamenti ispirati alla conoscenza e al rispetto della legalità, della sostenibilità ambientale, del patrimonio e dei beni culturali.

"Già da anni Regione e Ufficio scolastico regionale collaborano per far sì che stili di vita sani, una corretta alimentazione, il movimento e tutto quanto contribuisce a far stare in salute, divengano patrimonio comune di tutti i ragazzi toscani - dice l'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi - L'accordo siglato vuole dare continuità a queste politiche, affinché queste scelte divengano sempre più consapevoli e si radichino sempre più saldamente nei percorsi educativi dei nostri ragazzi".

"La firma  – sottolinea l'assessore all'istruzione Cristina Grieco – è un ulteriore esempio della collaborazione tra Regione e Ufficio scolastico regionale nel mettere in pratica azioni condivise rivolte agli studenti. Vogliamo un'istruzione, educazione e formazione sempre più capace di dare risposte sia alle attitudini personali dei ragazzi che alle possibili prospettive di lavoro, di arricchimento culturale e di cittadinanza consapevole: un percorso che coinvolge i bambini e ragazzi di sei anni fino ai giovani di diciotto. Lo possiamo fare con il contributo di tutti".

In base all'accordo siglato, saranno sostenuti la promozione di corretti stili di vita, il benessere psico-fisico, la conoscenza, fruizione e tutela dell'ambiente e del patrimonio culturale e rurale, con percorsi di educazione ambientale, musicale e museale, introducendo fattori di sviluppo sociale, così da avere efficacia anche nel contrasto dell'abbandono scolastico, del disagio sociale e nella prevenzione di comportamenti come bullismo, cyber bullismo, dipendenze.

La collaborazione tra Regione e Ufficio scolastico regionale si inserisce anche tra le progettualità del Piano regionale per la prevenzione 2014-2018, che prevede laboratori formativi rivolti agli insegnanti delle scuole secondarie di secondo grado sulla "resilienza e stili di vita", per la sperimentazione di metodologie educative innovative.

I commenti sono chiusi