Biblioteche, potenziata la vigilanza per le Oblate, la Thouar e Palagio di Parte Guelfa

Biblioteche, potenziata la vigilanza per le Oblate, la Thouar e Palagio di Parte Guelfa

d74063 22 Ottobre 2018

Fratini: “Al vaglio anche il potenziamento della videosorveglianza”

Più sicurezza nelle biblioteche anche con l’estensione degli orari della vigilanza. L’assessore alle biblioteche Massimo Fratini ha annunciato in Consiglio Comunale le novità legate alle Oblate e alla Thouar in seguito alle situazioni di criticità che sono state seguite costantemente dall’Amministrazione.

“Abbiamo avuto segnalazioni di criticità da parte del personale e dei responsabili ed ho fatto numerose visite e sopralluoghi in diversi orari di apertura – ha detto Fratini –. Subito ci siamo mossi per rispondere a queste esigenze: abbiamo anche fatto denunce presso le forze di polizia con le quali le biblioteche sono in stretto contatto”.

Non solo. Fratini ha anche spiegato in Consiglio comunale che sarà aumentata sia la sorveglianza attiva che quella passiva delle biblioteche da cui sono pervenute segnalazioni. “Per le biblioteche Oblate e Thouar è stata finanziata l'estensione del servizio di vigilanza anche la mattina. Con il risultato che a breve queste due biblioteche avranno la vigilanza per l'intera durata del servizio di apertura.  Inoltre, a titolo sperimentale, è stata introdotta la vigilanza pomeridiana al Palagio di Parte Guelfa (restano confermati  i passaggi serali). Lo scorso 17 ottobre si è svolto inoltre un incontro con i responsabili delle guardie giurate  per definire e condividere al meglio il loro servizio in rapporto con i fabbisogni delle rispettive biblioteche” ha spiegato Fratini, che ha aggiunto: “Stiamo definendo un progetto complessivo che coinvolge i servizi territoriali per il controllo telecamere ed altri interventi, e i servizi sociali per verificare le opportunità. E ci stiamo adoperando per poter tenere chiusa la porta secondaria (carrabile) delle Oblate, facendo in modo che tutti per entrare debbano passare dal front office, aprendo in caso di bisogno la seconda porta con un comando”. (sp)

I commenti sono chiusi