Bollo auto, nessuna penalizzazione per ambulanze e trasporto disabili. La Regione precisa

FIRENZE - Nessun eccesso di burocrazia, norme chiare e nessuna tassa di circolazione da pagare da parte di quelle associazioni che hanno i requisiti per poter continuare a godere delle esenzioni. Gli uffici della Regione Toscana rispondono a Pubbliche Assistenze e Misericordie che oggi sulle cronache locali di Pistoia avevano sollevato dubbi, interrogativi e preoccupazioni riguarda il bollo auto.

"I veicoli usati dalle associazioni per il trasporto delle persone da e per gli ospedali, le case di cura e gli studi medici – tranquillizza l'assessore ai tributi della Toscana, Vittorio Bugli – continueranno a non pagare il bollo. L'interpretazione da dare alla norma è questa. Così come dal pagamento saranno esentati i veicoli adibiti ad ambulanze, al trasporto di organi e sangue, i mezzi anticendio e della protezione civile di proprietà delle organizzazioni di volontariato e onlus". Conta l'uso effettivo che del mezzo si fa e non il proprietario.

Proprio per chiarire questo e riallinearsi alla normativa nazionale, alla fine dell'anno scorso la Regione aveva precisato e definito in modo più puntuale in quali casi si poteva godere delle esenzioni sul bollo auto. L'aveva fatto non solo per quanto riguarda le associazioni. E' partita una campagna di comunicazione e sono state spedite lettere in quei casi in cui l'auto non sembrava rientrate nei casi individuati ma magari, sia pur proprietà dell'associazione, veniva e viene adibita ad altri utilizzi di rappresentanza. "Chi l'ha ricevuta deve solo indicarci l'uso che viene fatto e se possiede i requisiti per non continuare a pagare il bollo – sottolinea ancora l'assessore -. Basterà spedire per mail un'autocertificazione e la copia della carta di circolazione". La si potrà inviare, entro il 30 aprile, all'indirizzo esenzionitasseauto@regione.toscana.it o alla posta elettronica certifica regionetoscana@postacert.toscana.it

In attesa che gli uffici regionali verifichino la documentazione, l'obbligo di pagamento è sospeso e nessuna incorrerà in multe. Le prime istanze sono già arrivate e si stanno ripristinando le esenzioni, con una comunicazione che puntualmente sarà recapitata agli interessati.

I commenti sono chiusi