Bud Spencer Blues Explosion in tour con “Vivi Muori Blues Ripeti”. Sabato 14 sul palco della Flog

Bud Spencer Blues Explosion in tour con “Vivi Muori Blues Ripeti”. Sabato 14 sul palco della Flog

Continua il tour “Vivi Muori Blues Ripeti” dei Bud Spencer Blues Explosion. Ospiti della trasmissione Rockville venerdì 13 aprile (condotta da Lucille) il duo parlerà della nuova fatica discografica. Sabato 14 aprile in concerto alla Flog di Firenze (in apertura Dust & The Dukes vincitori Rock Contest 2017)

Dopo i sold out di Roma, Molfetta, Milano, Brescia e Torino, continua il tour di presentazione di “VIVI MUORI BLUES RIPETI”, il nuovo disco di inediti dei Bud Spencer Blues Explosion uscito lo scorso 23 marzo per La Tempesta Dischi. Durante i concerti, il duo formato da Adriano Viterbini e Cesare Petulicchio è accompagnato da Francesco Pacenza, al basso e alla voce, e Tiziano Russo, alle tastiere e alla voce, per un appuntamento live di grandissimo impatto. Nel frattempo il disco “Vivi Muori Blues Ripeti” continua a riscuotere un grande consenso di critica e pubblico.

Si tratta di un album urgente e vitale, dedicato alla vita, alla sensualità e al viaggio, incentrato su un linguaggio semplice, ma maturo e diretto. Una scelta – quella della sincerità – che ha riguardato anche la produzione: “Vivi muori blues ripeti” è stato realizzato completamente in analogico; al mixer e al registratore a nastro, l’abile mano di Marco Fasolo, leader dei Jennifer Gentle. Se nel sound hanno espresso tutta la loro forza e originalità, per i testi hanno voluto coinvolgere alcune delle penne più interessanti del panorama indie rock italiano: Davide Toffolo dei Tre Allegri Ragazzi Morti e Umberto Maria Giardini (ex Moltheni).

“VIVI MUORI BLUES RIPETI TOUR”

13/04/2018 Napoli Galleria19
14/04/2018 Firenze Auditorium Flog
19/04/2018 Bologna Locomotiv Club
20/04/2018 Treviso New Age
27/04/2018 Fermo Heartz 

L'articolo Bud Spencer Blues Explosion in tour con “Vivi Muori Blues Ripeti”. Sabato 14 sul palco della Flog proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi