Caduti di Pian d’Albero, Rossi: “Nessuno pensi di derubarci dei valori della nostra Carta”

FIRENZE - "La Resistenza è stata un grande fatto di popolo, uno schierarsi spontaneo per i valori della vita contro quelli della morte da parte di una generazione di giovani coraggiosi, un'affermazione di valori su cui è stata costruita la nostra Costituzione. Valori che dobbiamo ribadire in una situazione come quella attuale, con milioni di profughi causati anche da stermini che ci ricordano quelli del nazifascismo, raccogliendo la lezione che ci hanno dato i partigiani, e il giovane Aronne Cavicchi ucciso a Pian d'Albero insieme ad altri 38 (molti della brigata Sinigaglia), per aver scelto di schierarsi con la sua comunità. Senza dimenticare i 600.000 soldati italiani che non si piegarono al ricatto nazifascista andando a morire di stenti nel lager in Germania, come ha raccontato in un suo libro Alessandro Natta, e quelli che combatterono col Corpo di liberazione affiancando gli alleati".

Così il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi è intervenuto oggi alla commemorazione ufficiale in piazza Elia dalla Costa dei caduti di Pian d'Albero, dopo le parole appassionate del partigiano oggi 92enne Paolo Pacini.

"Non facciamoci derubare dei principi di generosità, accoglienza e umanità - ha detto ancora Rossi - Attenzione a non regredire verso chiusure egoistiche, verso atteggiamenti razzisti, perché poi è facile scivolare nell'adottare tali comportamenti anche contro i più deboli tra noi. Alziamo un muro ideale contro questa cultura del rifiuto che non ha niente a che vedere con i principi della nostra carta, e contraddice il suo generoso e lungimirante art.10".

Ma Rossi si è dichiarato fiducioso. "Certo il mondo è cambiato, l'equazione tra democrazia e lavoro del nostro art.1 deve essere inserita in un contesto europeo e mondiale, dobbiamo fare i conti con la globalizzazione. Ma quando c'è crisi c'è anche una parte del paese che sa reagire e ripartire proprio dai valori scritti nella nostra costituzione. Riaffermiamoli in una dimensione più ampia".

I commenti sono chiusi