Canoni demaniali idrici, ecco le novità nel dettaglio

FIRENZE. Canoni idrici, si cambia. Le modifiche, riassunte nella due delibere e nella proposta di legge che hanno avuto il via libera ieri dalla giunta regionale riguardano in particolar modo l'utilizzo dell'acqua; non mancano però novità anche per l'occupazione.

LEGGI ANCHE: Canoni demaniali idrici, sconti per piccoli consumatori e per chi usa l'acqua in modo virtuoso

La prima ‘rivoluzione' riguarda il canone: non si pagherà più per scaglioni e in base al massimo della concessione richiesta ma sulla base degli effettivi consumi. La proporzionalità, oltre ad essere più equa, favorirà comportamenti più attenti e anche un minor spreco di acqua. Il canone sarà composto da una quota fissa e da una variabile. Inoltre verranno previsti sconti  e agevolazioni, anche a fini agricoli: per chi ad esempio restituisce l'acqua con le stesse caratteristiche chimiche e fisiche di quando l'ha prelevate e nello stesso corpo idrico, a chi utilizza per almeno metà del fabbisogno anche acque reflue e riciclate, a chi raccoglie con gli stessi fini acque piovane o a chi irriga in modo intelligente ed efficiente, senza sprechi. Una sorta di premio, insomma, per chi persegue e contribuisce ad uno sviluppo sostenibile, che si tradurrà nei fatti in uno sconto del 30 per cento per le imprese e in particolare per i distretti del cuoio, della carta e del tessile.

Sconti, fino ad un massimo del 35 per cento, anche per chi si impegna a trasmettere periodicamente dati sui consumi o per le piccole aziende idroelettriche che non tutto l'anno riescono a produrre energia.  Per l'uso agricolo sarà ridotto il valore ‘soglia' che imponeva il pagamento di un contributo minimo, in modo da rendere il tributo similarmente ad altre fattispecie più equo e proporzionale e in modo che chi utilizza più acqua paghi di più di chi ne fa un uso minore.

Risolti, rispetto all'anno scorso, pure alcuni paradossi e disparità che nel passaggio dai regolamenti provinciali ad un'unica norma regionale si erano venuti a creare per chi ormeggia piccole imbarcazioni sui corsi d'acqua. Il canone applicato, che in questo caso riguarda non l'uso dell'acqua ma l'impiego di spazio del demanio, si baserà d'ora in poi su una formula che trasforma tre metri lineari di ormeggio in dieci metri quadri di occupazione. In questo modo il passaggio dalle vecchie alle nuove norme sarà più omogeneo per tutti.

I commenti sono chiusi

Canoni demaniali idrici, ecco le novità nel dettaglio

FIRENZE. Canoni idrici, si cambia. Le modifiche, riassunte nella due delibere e nella proposta di legge che hanno avuto il via libera ieri dalla giunta regionale riguardano in particolar modo l'utilizzo dell'acqua; non mancano però novità anche per l'occupazione.

LEGGI ANCHE: Canoni demaniali idrici, sconti per piccoli consumatori e per chi usa l'acqua in modo virtuoso

La prima ‘rivoluzione' riguarda il canone: non si pagherà più per scaglioni e in base al massimo della concessione richiesta ma sulla base degli effettivi consumi. La proporzionalità, oltre ad essere più equa, favorirà comportamenti più attenti e anche un minor spreco di acqua. Il canone sarà composto da una quota fissa e da una variabile. Inoltre verranno previsti sconti  e agevolazioni, anche a fini agricoli: per chi ad esempio restituisce l'acqua con le stesse caratteristiche chimiche e fisiche di quando l'ha prelevate e nello stesso corpo idrico, a chi utilizza per almeno metà del fabbisogno anche acque reflue e riciclate, a chi raccoglie con gli stessi fini acque piovane o a chi irriga in modo intelligente ed efficiente, senza sprechi. Una sorta di premio, insomma, per chi persegue e contribuisce ad uno sviluppo sostenibile, che si tradurrà nei fatti in uno sconto del 30 per cento per le imprese e in particolare per i distretti del cuoio, della carta e del tessile.

Sconti, fino ad un massimo del 35 per cento, anche per chi si impegna a trasmettere periodicamente dati sui consumi o per le piccole aziende idroelettriche che non tutto l'anno riescono a produrre energia.  Per l'uso agricolo sarà ridotto il valore ‘soglia' che imponeva il pagamento di un contributo minimo, in modo da rendere il tributo similarmente ad altre fattispecie più equo e proporzionale e in modo che chi utilizza più acqua paghi di più di chi ne fa un uso minore.

Risolti, rispetto all'anno scorso, pure alcuni paradossi e disparità che nel passaggio dai regolamenti provinciali ad un'unica norma regionale si erano venuti a creare per chi ormeggia piccole imbarcazioni sui corsi d'acqua. Il canone applicato, che in questo caso riguarda non l'uso dell'acqua ma l'impiego di spazio del demanio, si baserà d'ora in poi su una formula che trasforma tre metri lineari di ormeggio in dieci metri quadri di occupazione. In questo modo il passaggio dalle vecchie alle nuove norme sarà più omogeneo per tutti.

I commenti sono chiusi