Carrara: forza blocco e investe maresciallo, ricercato

Carrara: forza blocco e investe maresciallo, ricercato

Ricerche in corso a Carrara e nella provincia circostante, di un malvivente che ieri sera ha forzato con l’auto un posto di blocco dei carabinieri e, durante la manovra spericolata, ha investito un maresciallo dell’Arma, poi medicato all’ospedale di Marina di Massa per una ferita alla spalla.

Secondo quanto riportano stamani i giornali locali, sarebbero stati sparati almeno due colpi di pistola, sembra in aria, per convincere il malfattore a fermare la fuga. Gli spari sarebbero
stati riferiti da testimoni ma su questo aspetto sono ancora in corso gli accertamenti degli investigatori. Dopo le cure al pronto soccorso, il sottufficiale è stato
dimesso.

Il malvivente era ricercato per una serie di furti su auto in sosta di proprietà di ciclisti che ieri partecipavano ad una gara tra Carrara e Massa.

“Ho già espresso telefonicamente la mia solidarietà, la mia vicinanza ed il mio affetto al comandante della Stazione dei Carabinieri di Avenza, luogotenente Filippo Mirabella che ho avuto occasione di conoscere e di apprezzare, durante la mia attività di magistrato, per la sua professionalità, per il suo impegno e per il suo coraggio. Sono fiducioso nel lavoro della magistratura e delle forze dell’ordine che sapranno consegnare alla Giustizia gli autori del reato”. Lo dichiara il sottosegretario alla Giustizia Cosimo Maria Ferri, riguardo all’episodio di Carrara. “Il tema della sicurezza sarà per me una priorità – ha aggiunto – e continuerò nel lavoro fatto in questi anni di Governo durante i quali abbiamo inasprito le pene dei reati di furto in abitazione e rapina, lavorato per rendere il processo penale rapido e per garantire la certezza della pena. Il mio impegno sarà quello di fornire mezzi, risorse, personale alle forze dell’ordine per rafforzare il controllo del territorio renderlo capillare anche attraverso un sistema di vide sorveglianza”.

L'articolo Carrara: forza blocco e investe maresciallo, ricercato proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi