Assemblea pubblica contro l’aeroporto di Peretola

Assemblea pubblica contro l’aeroporto di Peretola

“L’Assemblea per la Piana contro le nocività” parla di clamoroso flop della manifestazione di Confindustria all’aeroporto di Firenze e promuove un’assemblea per domani a Brozzi. 

Di seguito alcuni stralci del comunicato dell’assemblea che annuncia l’iniziativa di domani alla Libertas di via Brozzi 99, Quaracchi – Firenze

‘”Chi si immaginava centinaia di imprenditori e cittadini che chiedono un’opera per lo sviluppo o il decantato progresso, si è dovuto ricredere proprio su quali siano le vere priorità per chi lavora e vive nella Piana. Non è bastata la presenza del sottosegretario Nencini, o dell’Ing. Naldi in persona a smuovere più di 30 persone stamattina.
Sicuramente l’orario non ha aiutato, orario in cui chi lavora, non può certo andare fare una ‘comparsata’ grottesca in un non-luogo come l’ingresso di un aeroporto.
Se ce ne fosse stato ancora bisogno, stamani (ieri ndr.) abbiamo avuto una dimostrazione plastica di quanto, abitanti e lavoratori necessitino di questa infrastruttura.
(…)
Se Confindustria dispone di numeri così risibili per il Si al nuovo Aeroporto, le cose per i pochi sostenitori di questa opera assurda, inutile e dannosa si stanno mettendo male davvero!
Si stanno mettendo male soprattutto per Toscana Aeroporti che nonostante un Decreto ad hoc dovrà scontrarsi con i ricorsi già messi in atto da cittadini e comitati, e che dal 2003 non rispetterebbe una VIA che impone enormi interventi infrastrutturali, tra cui l’interramento dell’autostrada e svariate opere di mitigazione e compensazione per gli abitati di Quaracchi, Brozzi e Peretola, che subiscono gli effetti del disinteresse di Toscana Aeroporti e delle amministrazioni cittadine che si sono succedute negli ultimi 14 anni.
Di tutto questo e di molto altro parleremo giovedì 16 sera in un’assemblea pubblica a Brozzi alla Libertas di Quaracchi, ore 21.00″.

L'articolo Assemblea pubblica contro l’aeroporto di Peretola proviene da www.controradio.it.

Industriali fiorentini in piazza: “Facciamo volare il nostro territorio. Sì all’aeroporto”

Industriali fiorentini in piazza: “Facciamo volare il nostro territorio. Sì all’aeroporto”

Questo lo slogan sullo striscione delle categorie economiche oggi in piazza per l’ampliamento di Peritola.

La manifestazione ‘in giacca e cravatta’ indetta da Confindustria Firenze a sostegno della nuova pista del Vespucci si è svolta stamani sotto lo scalo fiorentino, a pochi giorni dal sondaggio commissionato sempre dall’associazione degli industriali a sostegno del progetto per il quale si attende la valutazione di impatto ambientale promessa più volte dal ministro Galletti.

Alla manifestazione degli industriali Gimmy Tranquillo ha intervistato il presidente della Camera di Commercio Leonardo Basilici e il viceministro alle infrastrutture Riccardo Nencini.

L'articolo Industriali fiorentini in piazza: “Facciamo volare il nostro territorio. Sì all’aeroporto” proviene da www.controradio.it.

Aeroporto Peretola: sindaci Piana, bizzarra manifestazione categorie economiche

Aeroporto Peretola: sindaci Piana, bizzarra manifestazione categorie economiche

“È davvero bizzarro vedere come alcune categorie economiche siano tanto interessate alla nuova pista e assai meno vigorose nell’affrontare tante altre questioni aperte nel nostro territorio. La manifestazione in giacca e cravatta è un fatto emblematico: mai o quasi mai si
erano visti gli industriali scendere in piazza”. Lo affermano i sindaci di Calenzano Alessio Biagioli, di Carmignano Edoardo Prestanti, di Poggio a Caiano Marco Martini, e di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi, in una nota congiunta, in merito alla manifestazione pro aeroporto di Firenze, organizzata dalle categorie economiche  per domani 13 novembre.

“Non vorremmo ritrovarci di fronte all’ennesima prepotenza dei poteri forti – aggiungono -,
pronti ad infrangere le prime e ignorare la seconda pur di realizzare la pista”. Secondo i sindaci, “gli studi fatti finora parlano chiaro: la nuova pista è dannosa per l’ambiente e per i
cittadini che vivono e lavorano nella Piana. Continuare a definirla necessaria con sondaggi di opinione e manifestazioni, nasconde, in realtà, la debolezza delle motivazioni”. Per i
primi cittadini, “il nuovo aeroporto è oggettivamente incompatibile col nostro territorio, altrimenti sarebbe già stato autorizzato senza troppe difficoltà anni fa e non avrebbe
avuto bisogno di un decreto ad hoc, degno della peggiore politica”.

“La banalizzazione delle posizioni contrarie, l’additarci come i nemici dello sviluppo, il pressappochismo con cui ogni giorno si annunciano le presunte ricadute positive
della nuova pista servono a nascondere la vera richiesta che facciamo da sempre, come sindaci e come cittadini: che le stesse regole di partecipazione, trasparenza, rispetto ambientale che valgono per tutti valgano anche per il nuovo aeroporto”,
concludono.

L'articolo Aeroporto Peretola: sindaci Piana, bizzarra manifestazione categorie economiche proviene da www.controradio.it.

AZIONE NCC: ” TUTELATE NOSTRO LAVORO AL PARI DELLA CATEGORIA DEI TAXI”

NCCLa neo associazione “Azione NCC” elegge Dell’Artino come primo presidente e lancia il primo appello al Comune di Firenze: ” All’aeroporto vogliono impedirci di fare il nostro lavoro. Tutelate la nostra categoria al pari della categoria dei taxi”.

Tutelare il lavoro dei Ncc portando all’attenzione delle istituzione problematiche che la categoria affronta, è questo l’obiettivo dell’associazione “Azione NCC”, associazione nata in Toscana e che si dedica alla tutela nel settore del servizio pubblico di Noleggio con conducente(Ncc).

L’associazione ha eletto come primo presidente Giorgio Dell’Artino e il primo appello dell’associazione è rivolto al Comune di Firenze in merito al nuovo regolamento imposto dall’aeroporto di Firenze Amerigo Vespucci.

“Alcuni giorni fa – spiega il portavoce Franco Giani – attraverso una comunicazione ufficiale dell’aeroporto, abbiamo appreso con sconcerto che ci è stato dimezzato il tempo di sosta gratuita da 30 a 15 minuti. Di fatto ci vogliono impedire di lavorare perché è impensabile che in soli 15 minuti siamo in grado di recuperare il cliente e uscire dal parcheggio. Ed è altrettanto assurdo pensare che, come trasporto pubblico, dovremmo farci carico del costo del parcheggio che andrebbe a influire fino al 10% della tariffa.

In alternativa – si chiede sempre Giani – dovremmo forse andare a parcheggiare fuori dall’aeroporto? Che credibilità potremmo mai avere per i nostri clienti in questo modo? Chiediamo subito un intervento deciso da parte dell’amministrazione comunale, agli assessori Stefano Giorgetti e Cecilia Del Re, perché sia tutelato il nostro lavoro al pari di quanto già avvenuto in precedenza avviene con la categoria dei taxi, che oggi gode di uno spazio ad hoc con tanto di pensilina. E’ importante che si capisca – conclude Giani – che non esiste un servizio pubblico di Seria A e uno di Serie B e quando avvenuto è soltanto l’ultimo di una serie di episodi a cui abbiamo deciso di dire basta.”

Sono già 50 le aziende toscane che hanno aderito ma, spiega Franco Giani “l’obiettivo è quello di diventare in breve tempo un’associazione di rappresentanza interregionale che possa farsi carico dei problemi della categoria e essere di supporto alle organizzazioni sindacali nelle opportune sedi dove portare le questioni che realmente ci interessano.”

 

 

The post AZIONE NCC: ” TUTELATE NOSTRO LAVORO AL PARI DELLA CATEGORIA DEI TAXI” appeared first on Controradio.