Internet Festival 2017 torna a Pisa

Internet Festival 2017 torna a Pisa

🔈Internet Festival giunge alla sua settima edizione. Dal 5 all’8 ottobre a Pisa con ingresso libero, un intero evento dedicato alla digitalizzazione della società e alle nuove frontiere, con tanti temi e ospiti per esplorare il futuro del web.

Internet Festival 2017, nelle sue 4 giornate di appuntamenti si pone l’obiettivo di fare il punto sulla digitalizzazione della società contemporanea attraverso il racconto della Rete e dei suoi protagonisti, con decine di appuntamenti su tutto il territorio e con numerosi ospiti, tra esperti del settore e personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo.

La parola chiave di Internet Festival 2017 sarà #sentiment e si proporrà di indagare modelli culturali e di comportamento delle community digitali, coinvolgendo i partecipanti in maniera sempre più diretta.

Installazioni interattive, workshop formativi e showcase accompagneranno il pubblico nel future del web. Oltre 50 attività per gli studenti, con i T-Tour dedicati all’uso consapevole dei social network, laboratori di uso e riuso dei dispositivi hi-tech e anche un Restart Party, per imparare a riparare dispositivi elettronici.

All’interno dell’Internet Festival, venerdì 6 ottobre dalle 11.30 alle 13.30, è previsto un incontro con il vice ministro degli Affari esteri e della cooperazione internazionale Mario Giro, dal titolo ” Le opportunità professionali per i giovani nella Cooperazione”.

Gimmy Tranquillo ha intervistato il Direttore dell’Internet Festival Claudio Giua:

Tantissimi i temi trattati: dalla cybersecurity alle fake news, psicometria predittiva, dall’impresa al turismo 4.0, dal copyright fino al web marketing e ologramma.

Per le fake news sarà dedicata una sezione specifica, Bufale, post verità e democrazia con gli interventi, tra gli altri, di alcuni tra i più noti “cacciatori di bufale” in rete come Paolo Attivissimo e Graham Brookie, i sociologi Davide Bennato e Alessandro Dal Lago, esperti di comunicazione e processi culturali come Annamaria Testa, Dino Amenduni, Massimiliano Panarari. Nell’ambito della sezione Odi@amo attesi i contributi di Luciano Spinelli, Stella Pulpo, Eleonora Olivieri, Maurizio Tesconi, Anna Akbari, Matt Stokes e Rosy Battaglia. L’esplorazione delle emozioni sarà declinata anche sotto forma di “Follia della Rete”, attraverso l’attualizzazione di Ariosto e la digitalizzazione del patrimonio letterario legato all’Orlando Furioso a cura di Lina Bolzoni, ma anche attraverso una sessione dedicata alla Digital Happyness, il lato buono del web.

Al centro dell’attenzione anche la cybersecurity, sia dal punto di vista del controllo di Stato, dell’Intelligence e delle operazioni di antiterrorismo, che dal punto di vista della sicurezza informatica, dei sistemi di autodifesa delle aziende, degli hacker indipendenti. Gli incontri avranno tra i protagonisti alcuni tra i maggiori esperti a livello internazionale, come: Alessandro Piva (Ingegneria delle Telecomunicazioni), Lucie Krahulcova (esperta di cybersecurity), Andrea Rigoni (“padre” del progetto di identità digitale della fondazione Poste Italiane), e gli hacker etici Claudio Guarnieri e Vincenzo Iozzo con un importante contributo di Emergency, che presenterà la campagna contro la guerra WARS/WAS: Potremo mai sostituire WAR con WAS?, protagonista anche di un’installazione ad alto impatto sotto la Loggia dei Banchi di Pisa.

Tra i temi troviamo anche l‘impresa 4.0 e i Big Data, ma anche il copyright e la tutela della creatività con incontri sotto l’insegna Leggi, diritti e pirati, a cura di Fernanda Faini e Dianora Poletti.

The day after Carosello: focus sulle nuove frontiere della pubblicità. Dalla programmatic advertising per arrivare alle pubblicità moleste e occulte da combattere attraverso un patto tra tutti gli operatori della filiera, un confronto che si annuncia serrato con protagonisti, tra gli altri, Massimo Russo, Giovanna Maggioni, Fabrizio Carotti.

In agenda anche approfondimenti per le nuove frontiere del turismo: un primo focus sull’accessibilità turistica per i disabili, un secondo sulle frontiere dello storytelling nella promozione dei territori.

RIFF: Ricerca, Innovazione, Filosofia e Futuro, format innovativo in cui i responsabili di aziende, atenei e centri studi di eccellenza si confronteranno sul tema della crescita del nostro paese, intervallati da musica e comicità. Tra i relatori coinvolti: Google Engineering con Prabhakar Raghavan, Roberto Cingolani, direttore ITT di Genova nonché il responsabile di “Expo dopo Expo”, Miguel Benasayag autore del libro “Cervello aumentato, uomo diminuito”, il chirurgo Ugo Boggi, il sociologo politico Joan Subirats.

Anche la Regione Toscana sarà all’Internet Festival 2017 con case history legate alle politiche giovanili, a partire da Giovani Sì e agenda digitale.

Teatro, musica, cinema e letteratura all’insegna dell’innovazione saranno protagonisti del programma culturale. Ricca anche la sezione Book(e)book, dedicata ai libri legati al tema #sentiment e innovazione, che porterà al festival, tra gli altri, Luciano Spinelli con Insieme (domenica 8), Tommaso Novi, con Mi sono scavato la casa, libro autobiografico in uscita insieme a un webgame, Roberto Emanuelli con E allora baciami (venerdì 6), Bruno Mastroianni con La Disputa Felice. Dissentire SENZA LITIGARE sui social network, sui media e in pubblico, Il Lercio con Lo sporco che fa notizia, Stella Pulpo con Fai uno squillo quando arrivi (sabato 7), Massimo Sideri e Umberto Ambrosoli con Diritto all’oblio, dovere della memoria. L’etica della società interconnessa, Remo Bodei con Geometria delle passioni (domenica 8).

Ilenia Zodiaco e Matteo Fumagalli ci guideranno invece alla scoperta di Booktube, il canale di YouTube animato da chi ama leggere e condividere le proprie letture.

Infine, incontri dedicati al game design e installazioni che raccontano il legame tra gaming e sentimenti: GameBox sarà l’area dedicata al mondo dei giochi.

 

Per programma completo e maggiori info: http://www.internetfestival.it

L'articolo Internet Festival 2017 torna a Pisa proviene da www.controradio.it.