A Firenze “Artigianato è rock”, parola di Lorenzo Baglioni

A Firenze “Artigianato è rock”, parola di Lorenzo Baglioni

🔈Firenze, un video del cantante/comico fiorentino per promuovere l’artigianato, un settore vivace che premia la creatività ed il talento.

L’artigianato artistico fiorentino si scopre rock, alla moda e viaggia veloce sul web. Parola di Lorenzo Baglioni che ci canta su, con parole e musiche che ben raccontano la differenza tra la percezione e la realtà di un settore che è invece vivo e vivace, sorretto dalla passione di tante persone che vogliono imparare nel solco di una grande tradizione.

Il video rientra nelle azioni del progetto Officina Creativa, realizzato da Artex in collaborazione con il Comune di Firenze, con Confartigianato Imprese Firenze e CNA Firenze.

Con la solita ironia, Baglioni vuole parlare ai ragazzi di un mondo che premia la creatività e il talento con un linguaggio nuovo, diretto, per coinvolgere anche chi non conosce le tante opportunità che l’artigianato artistico può offrire.

L’artigianato artistico è un settore che, nonostante una concorrenza spietata, resiste. Basti pensare che oggi, nel solo Comune di Firenze son attive ben 595 imprese impegnate nel settore dell’artigianato artistico di eccellenza.

La lavorazione dei metalli pregiati e delle pietre preziose è l’attività prevalente, quasi il 50% del totale delle imprese. Il 39% invece si occupa di restauro.

L’artigianato artistico segue la scia delle buone performance delle altre 29.393 imprese artigiane fiorentine, che, come segnalato dalla Camera di Commercio di Firenze, hanno fatto registrare un saldo positivo sull’ultimo trimestre (più 120 attività aperte nei vari settori), per un totale di oltre 71mila lavoratori.

I dati sono stati resi noti stamani in occasione della presentazione in anteprima del video, alla presenza di Lorenzo Baglioni, dell’assessore allo Sviluppo economico del Comune di Firenze Cecilia Del Re e della neo vicepresidente di Artex Sara Biagiotti.

“Siamo convinti – dichiara la neo presidente di Artex, Giovanni Lamioni – che l’artigianato artistico ricopra un ruolo fondamentale per il presente e il futuro del nostro territorio, a Firenze e in tutta la Toscana. La scommessa vera è riuscire ad aiutare i nostri straordinari artigiani, spesso piccoli imprenditori, a poter competere in una società globalizzata. Artex guida e sostiene questo necessario processo di internazionalizzazione delle aziende. Il nostro – continua – è un settore che coniuga tradizione e innovazione e se nessuno può insegnarci nulla sulla tradizione, tanto è ancora il cammino da fare sulla strada dell’innovazione. Il nostro impegno sarà quello di aiutare gli artigiani fiorentini a vincere questa sfida in un’ottica di massima condivisione e collaborazione fra le istituzioni e i soci che ci rappresentano, come Confartigianato e Cna, garanzia di affidabilità per aiutarci a ricoprire al meglio il ruolo che abbiamo”

“La comunicazione è importante anche nel mondo dell’artigianato – ha detto l’assessore allo Sviluppo economico Cecilia Del Re – Per questo, apprezzo l’iniziativa di Artex che attraverso un testimonial come Lorenzo Baglioni dà all’artigianato una veste ‘rock’ trasmettendo un bel messaggio, anche alla luce dei dati positivi dell’ultimo trimestre che vedono un aumento delle imprese giovanili. Ringrazio il presidente uscente Alessandro Sorani – ha proseguito l’assessore Del Re – perché questo video porta anche la firma della sua presidenza, che ha dato un’impronta giovane al mondo dell’artigianato fiorentino e al Conventino. Auguro buon lavoro al nuovo presidente Giovanni Lamioni”.

Gimmy Tranquillo ha intervistato l’assessore allo Sviluppo economico Cecilia Del Re e Sara Biagiotti, vicepresidente di Artex:

L'articolo A Firenze “Artigianato è rock”, parola di Lorenzo Baglioni proviene da www.controradio.it.

ARTIGIANATO, DEL RE: “BOTTEGHE FIORENTINE OLTRARNO DA TUTELARE”

Artigianato mostra artigianato

“L’Oltrarno, con le sue botteghe artigiane e il tessuto commerciale, è un ecosistema da tutelare” ha detto assessore Sviluppo economico Del Re: “ben venga il turismo ma con cautela.”

“Ben venga il turismo, ma con cautela: l’Oltrarno è un ecosistema da tutelare, dove ancora i residenti ci sono come in Sant’Ambrogio, la residenza è ancora attiva e tiene molto all’identità del quartiere”. Lo ha affermato Cecilia Del Re, assessore allo Sviluppo economico del Comune di Firenze, intervenuta alla presentazione di uno studio di Cna Firenze sulle botteghe artigiane dell’Oltrarno.

“Con le associazioni di categoria e le botteghe programmeremo nuove azioni anche sulla base di questi studi, per sostenere il tessuto commerciale e artigiano di questo quartiere così speciale della città”, ha detto Del Re, secondo cui Palazzo Vecchio si è già mosso con alcune azioni come il nuovo regolamento Unesco che blocca per tre anni l’apertura di nuovi esercizi pubblici di somministrazione, le agevolazioni Imu per le botteghe storiche, e il lancio di percorsi fra le botteghe artigiane sviluppati insieme ad Artex.

Il Quartiere d’Oltrarno, un dedalo di botteghe e laboratori sparse per i vicoli popolari di San Frediano, San Niccolò e Santo Spirito, rappresenta uno degli angoli più suggestivi e poliedrici di Firenze. Un patrimonio di saperi antichi che si tramandano attraverso laboratori di oreficeria, dove vengono lavorate anche le pietre preziose con abilità e maestria e si disegnano e creano gioielli di rara bellezza, botteghe famose per il cesello dell’argento, fatto rigorosamente a mano,o laboratori di rilegatura  fiorentina, scarpe su misura, restauro di quadri, fusione a cera persa, intaglio del legno, laccatura e pittura dei mobili, arte della ceramica ecc. Una ricchezza che attira turisti da tutto il mondo e che rischia di perdere la propria identità.

The post ARTIGIANATO, DEL RE: “BOTTEGHE FIORENTINE OLTRARNO DA TUTELARE” appeared first on Controradio.