LETTERA DEI GIORNALISTI STAMPA TOSCANA A CANDIDATI SINDACO

giornalisti

“Attuare la legge e istituire uffici stampa per garantire informazione corretta.” E’ la richiesta di Ast e  Gus a candidati in corsa per le comunali.

Impegnarsi a far sì che, una volta eletti, nei propri Comuni si possa attuare quanto prevede la Legge 150/2000, che istituisce e regolamenta, nella pubblica amministrazione, la figura dell’ufficio stampa, distinguendone profili, professionalità e funzioni in rapporto sia al portavoce politico che all’ufficio relazioni con il Pubblico, e regolamentando i rapporti con l’organo di vertice dell’amministrazione.

E’ quanto chiedono in una lettera inviata ai candidati sindaco alle prossime amministrative i presidenti dell’Associazione stampa Toscana (Ast) Sandro Bennucci e dei Giornalisti uffici stampa (Gus) della Toscana Dario Rosi. La legge 150/2000, si spiega, “è ancora oggi disattesa in molti Comuni toscani. Dal censimento realizzato da Ast e Anci tra 2015 e 2016, risulta che solo la metà dei Comuni toscani ha un ufficio stampa, inquadrato spesso in modo fiduciario nello staff del sindaco; rapporto questo che, per sua natura, non garantisce quella libertà e indipendenza di azione auspicata
dalla Legge e richiesta dall’Ordine dei giornalisti.

Ma la cosa più allarmante è che l’altra metà dei Comuni, che non ha ufficio stampa, svolge ugualmente attività di informazione assimilabile a quella giornalistica, demandando però tali funzioni al portavoce o alla segreteria, figure che per formazione e inquadramento non possono garantire nè sono autorizzate a fare, quanto previsto dalla legge 150/2000.

In un’epoca caratterizzata dall’aumento esponenziale dell’informazione digitale che rende difficile per il cittadino distinguere tra informazioni ufficiali e non, dal calo di fiducia nei confronti della politica e delle istituzioni, la presenza nell’ente locale dell’ufficio stampa – si spiega ancora -, oltre a rispondere ai dettami di legge, può fare la differenza nel riuscire a dare un’informazione corretta, e contribuisce a dare visibilità e trasparenza all’azione amministrativa, rafforzandone quindi anche l’autorevolezza”.

The post LETTERA DEI GIORNALISTI STAMPA TOSCANA A CANDIDATI SINDACO appeared first on Controradio.

CREAZZO: “LEGGE NON VIETA DIFFUSIONE NOMI ARRESTATI”

giornalismo giornalisti diffamazione

Corso di formazione per giornalisti organizzato da Associazione Stampa Toscana. Il procuratore Creazzo: “non è vietata la diffusione nomi arrestati.” Presenti sostituti Galeotti e Von Borries: “tutelare le vittime dei reati”

Quali notizie si possono pubblicare e quali no? Secondo il procuratore della Repubblica di Firenze Giuseppe Creazzo, niente che riguardi la vita privata, gli orientamenti sessuali o religiosi, le condizioni di salute degli indagati, a meno che non siano pertinenti o rilevanti nelle indagini. E mai dovrebbe essere rivelata l’identità di bambini, adolescenti, donne, anziani, disabili vittime di violenze. “Ma – ha aggiunto – non c’è legge che vieti di diffondere i nomi degli arrestati. Non si può nascondere un fatto rilevante come la privazione della libertà”.

Il procuratore ha partecipato al corso di formazione per giornalisti organizzato dall’Associazione Stampa Toscana. Accanto a lui, nel seminario presieduto da Sandro Bennucci, presidente Ast, hanno parlato dei rapporti fra giustizia e informazione i sostituti procuratori Ornella Galeotti e Christine von Borries, incalzate anche dalle domande della giornalista Franca Selvatici. Ornella Galeotti ha raccontato che alla Corte europea di giustizia, nel momento in cui i giudici escono in aula e pronunciano un verdetto, consegnano al capo segreteria un comunicato stampa predisposto dal presidente che spiega per sommi capi i motivi della decisione. Il capo segreteria lo invia seduta stante a una mailing list di giornalisti accreditati e poi su Twitter e su Facebook.

La pm, che si occupa di “fasce deboli”, ha posto inoltre l’accento sulle vittime dei reati, le “vittime vulnerabili”, alle quali lo Stato a lungo non ha garantito neppure un avvocato. L’Europa ci impone di chinarsi sul loro dolore. Fino a oggi a lamentarsi della giustizia sono stati gli accusati. “Ora – ha detto la pm – abbiamo un altro soggetto da proteggere e da rispettare”. Christine von Borries ha spiegato che spesso, indagando sulla criminalità economica e sui casi di bancarotta, si scoprono riserve al nero utilizzate per pagare le tangenti e ha sottolineato come talvolta le inchieste giornalistiche possano arrivare là dove gli inquirenti non riescono, per i timori dei testimoni di esporsi.

The post CREAZZO: “LEGGE NON VIETA DIFFUSIONE NOMI ARRESTATI” appeared first on Controradio.

CREAZZO: “LEGGE NON VIETA DIFFUSIONE NOMI ARRESTATI”

giornalismo giornalisti diffamazione

Corso di formazione per giornalisti organizzato da Associazione Stampa Toscana. Il procuratore Creazzo: “non è vietata la diffusione nomi arrestati.” Presenti sostituti Galeotti e Von Borries: “tutelare le vittime dei reati”

Quali notizie si possono pubblicare e quali no? Secondo il procuratore della Repubblica di Firenze Giuseppe Creazzo, niente che riguardi la vita privata, gli orientamenti sessuali o religiosi, le condizioni di salute degli indagati, a meno che non siano pertinenti o rilevanti nelle indagini. E mai dovrebbe essere rivelata l’identità di bambini, adolescenti, donne, anziani, disabili vittime di violenze. “Ma – ha aggiunto – non c’è legge che vieti di diffondere i nomi degli arrestati. Non si può nascondere un fatto rilevante come la privazione della libertà”.

Il procuratore ha partecipato al corso di formazione per giornalisti organizzato dall’Associazione Stampa Toscana. Accanto a lui, nel seminario presieduto da Sandro Bennucci, presidente Ast, hanno parlato dei rapporti fra giustizia e informazione i sostituti procuratori Ornella Galeotti e Christine von Borries, incalzate anche dalle domande della giornalista Franca Selvatici. Ornella Galeotti ha raccontato che alla Corte europea di giustizia, nel momento in cui i giudici escono in aula e pronunciano un verdetto, consegnano al capo segreteria un comunicato stampa predisposto dal presidente che spiega per sommi capi i motivi della decisione. Il capo segreteria lo invia seduta stante a una mailing list di giornalisti accreditati e poi su Twitter e su Facebook.

La pm, che si occupa di “fasce deboli”, ha posto inoltre l’accento sulle vittime dei reati, le “vittime vulnerabili”, alle quali lo Stato a lungo non ha garantito neppure un avvocato. L’Europa ci impone di chinarsi sul loro dolore. Fino a oggi a lamentarsi della giustizia sono stati gli accusati. “Ora – ha detto la pm – abbiamo un altro soggetto da proteggere e da rispettare”. Christine von Borries ha spiegato che spesso, indagando sulla criminalità economica e sui casi di bancarotta, si scoprono riserve al nero utilizzate per pagare le tangenti e ha sottolineato come talvolta le inchieste giornalistiche possano arrivare là dove gli inquirenti non riescono, per i timori dei testimoni di esporsi.

The post CREAZZO: “LEGGE NON VIETA DIFFUSIONE NOMI ARRESTATI” appeared first on Controradio.