COMUNALI, ROSSI: “SCONFITTA CENTROSINISTRA SU SPALLE DI RENZI”

Rossi

“Il voto è locale, la responsabilità sconfitta nazionale” ha commentato il governatore Rossi in un botta e risposta col Pd: “non abbiamo costruito in tempo alternativa a sinistra.” Marras (Pd): “Rossi ha ancora voglia lavorare con noi?” Rossi: “sfiduciatemi o accettate le diversità politiche.”

“Una sconfitta grave e diffusa. Il voto è stato locale, ma la responsabilità del risultato è nazionale: è tutta sulle spalle del partito renziano”. Lo afferma il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi in un post su facebook. “Su noi di Articolo UNO, invece,  – aggiunge Rossi – grava forse l’errore di non essere usciti prima, di non avere costruito in tempo un’alternativa a sinistra per tutti coloro, davvero tanti, che, proprio perché di sinistra, non possono riconoscersi più nel partito renziano”.

“Il nostro presidente Rossi, eletto nel Pd e oggi itinerante dirigente politico di un altro partito, ha ancora voglia di lavorare insieme a noi e rimettere in carreggiata la macchina della Toscana? Altrimenti è bene
dirselo subito e prendere altre strade”. Lo scrive il capogruppo Pd in Consiglio regionale Leonardo Marras in un post su Facebook a commento dei risultati delle comunali in Toscana. “Io penso – osserva il capogruppo – che ci sia un problema serio dovuto all’impatto sui territori delle politiche regionali senza spiegare bene cosa potrà succedere e quanto si potranno avvantaggiare i cittadini e le imprese dalle trasformazioni in atto.

Siamo in grande difficoltà, va detto, soprattutto nelle realtà più lontane dal centro: tutte queste città, non solo Grosseto, sono periferia di Firenze”. Per Marras “questo dibattito deve affrontarlo il Pd in Toscana ma non da solo. È giusto che si riapra il confronto con le forze sociali ed economiche e si prosegua nelle riforme e nella programmazione”. “C’è il tema di un rapporto più stretto con il governo nazionale e la necessità di chiudere le scelte sulle infrastrutture e sui singoli programmi: tutte questioni arcinote e invecchiate”, conclude.

E la risposta non tarda ad arrivare: “nessuno potrà farmi tacere, impedire che io esprima liberamente le mie opinioni politiche. Se il Pd in Toscana vuole farmi tacere con minacce indirette, sappia che accetto la sfida a viso aperto. Sfido il Pd a presentare una mozione di sfiducia in Consiglio Regionale nei miei confronti. Darò subito le dimissioni e la Toscana andrà al voto”. “Così i renziani regionali dopo aver perso già mezza Regione Toscana finiranno per completare l’opera – ha aggiunto Rossi in una nota -. Diversamente si accettino le diversità politiche e per la Toscana si lavori, come io faccio, sul programma che anche di recente è stato riapprovato dal Consiglio regionale”, conclude.

The post COMUNALI, ROSSI: “SCONFITTA CENTROSINISTRA SU SPALLE DI RENZI” appeared first on Controradio.

COMUNALI, ROSSI: “SCONFITTA CENTROSINISTRA SU SPALLE DI RENZI”

Rossi

“Il voto è locale, la responsabilità sconfitta nazionale” ha commentato il governatore Rossi in un botta e risposta col Pd: “non abbiamo costruito in tempo alternativa a sinistra.” Marras (Pd): “Rossi ha ancora voglia lavorare con noi?” Rossi: “sfiduciatemi o accettate le diversità politiche.”

“Una sconfitta grave e diffusa. Il voto è stato locale, ma la responsabilità del risultato è nazionale: è tutta sulle spalle del partito renziano”. Lo afferma il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi in un post su facebook. “Su noi di Articolo UNO, invece,  – aggiunge Rossi – grava forse l’errore di non essere usciti prima, di non avere costruito in tempo un’alternativa a sinistra per tutti coloro, davvero tanti, che, proprio perché di sinistra, non possono riconoscersi più nel partito renziano”.

“Il nostro presidente Rossi, eletto nel Pd e oggi itinerante dirigente politico di un altro partito, ha ancora voglia di lavorare insieme a noi e rimettere in carreggiata la macchina della Toscana? Altrimenti è bene
dirselo subito e prendere altre strade”. Lo scrive il capogruppo Pd in Consiglio regionale Leonardo Marras in un post su Facebook a commento dei risultati delle comunali in Toscana. “Io penso – osserva il capogruppo – che ci sia un problema serio dovuto all’impatto sui territori delle politiche regionali senza spiegare bene cosa potrà succedere e quanto si potranno avvantaggiare i cittadini e le imprese dalle trasformazioni in atto.

Siamo in grande difficoltà, va detto, soprattutto nelle realtà più lontane dal centro: tutte queste città, non solo Grosseto, sono periferia di Firenze”. Per Marras “questo dibattito deve affrontarlo il Pd in Toscana ma non da solo. È giusto che si riapra il confronto con le forze sociali ed economiche e si prosegua nelle riforme e nella programmazione”. “C’è il tema di un rapporto più stretto con il governo nazionale e la necessità di chiudere le scelte sulle infrastrutture e sui singoli programmi: tutte questioni arcinote e invecchiate”, conclude.

E la risposta non tarda ad arrivare: “nessuno potrà farmi tacere, impedire che io esprima liberamente le mie opinioni politiche. Se il Pd in Toscana vuole farmi tacere con minacce indirette, sappia che accetto la sfida a viso aperto. Sfido il Pd a presentare una mozione di sfiducia in Consiglio Regionale nei miei confronti. Darò subito le dimissioni e la Toscana andrà al voto”. “Così i renziani regionali dopo aver perso già mezza Regione Toscana finiranno per completare l’opera – ha aggiunto Rossi in una nota -. Diversamente si accettino le diversità politiche e per la Toscana si lavori, come io faccio, sul programma che anche di recente è stato riapprovato dal Consiglio regionale”, conclude.

The post COMUNALI, ROSSI: “SCONFITTA CENTROSINISTRA SU SPALLE DI RENZI” appeared first on Controradio.

PISTOIA: DOPO DECENNI PASSA AL CENTRODESTRA

72dfc5a3f71235de0a5b5f0bbb8f67A Pistoia vince il candidato sindaco del centrodestra. Alessandro Tomasi batte cosi’ il sindaco uscente, Samuele Bertinelli (Pd).

Si sciolgono ora l”incertezza, la fatica, la tensione. Ho appena telefonato ad Alessandro Tomasi, facendogli i complimenti e gli auguri di buon lavoro. Ogni passaggio elettorale è, e deve essere considerato, una festa della democrazia”. Così il sindaco uscente di Pistoia, Samuele Bertinelli, attraverso il suo profilo Facebook. “Assumo su di me, pienamente, la responsabilità di questa sconfitta – prosegue – I partiti, i movimenti, le liste civiche della coalizione di centro sinistra possono e debbono svolgere, dai prossimi giorni, una discussione serrata ed in profondità, ma serena, senza inutili lacerazioni, orientata a delineare un nuovo cammino per le forze di progresso di questo nostro territorio. Di questo ha bisogno la città. Di questo hanno bisogno quanti credono che un mondo migliore, più civile e più giusto, inizi dai propri comportamenti di ogni giorno e dalla qualità delle relazioni che si sperimentano nella propria città”.

“Ho combattuto una battaglia lineare – afferma ancora Bertinelli -, con passione civile, dedizione e impegno, esclusivamente nel nome del futuro e degli interessi generali, sempre pensando a Pistoia ed alle cittadine e ai cittadini pistoiesi. Ho sempre fermamente creduto che si fa quel che si deve, e accada quel che può. Ho perso la competizione elettorale, ma non ho perso me stesso”.

“A tutti coloro che hanno sostenuto la mia candidatura e il progetto politico del centro sinistra va il mio più sincero e sentito ringraziamento – conclude l’ex sindaco – Voglio dirvi: avete fatto tutto ciò che era umanamente possibile, non dovete rimproverarvi nulla. Soprattutto: continuate in ciò che è giusto. Vi abbraccio tutti, una per una, uno per uno, con fraternità e riconoscenza. Un bacino affettuoso va a tutti i piccoli che ho incontrato in questi anni: è davvero grazie a loro se sono riuscito nel tempo a rigenerare e accrescere le mie energie morali. Si apre ora una nuova fase della vita della città. Per me si apre un”altra vita”.

“È stata una campagna elettorale dai toni molto accesi, io li voglio subito abbassare e voglio essere il sindaco di tutti”. Così Alessandro Tomasi nuovo sindaco di Pistoia, città che per la prima volta nel dopoguerra passa al centro-destra. “Sento la responsabilità di questa importante vittoria – ha aggiunto Tomasi, che per 10 anni è stato all’opposizione in consiglio comunale della città toscana – Dedico la vittoria a tutti quelli che mi hanno preceduto in queste battaglie, gli uomini e le donne che hanno sacrificato tanto. Dedico la vittoria anche a mio nonno che è venuto a mancare due giorni fa e che mi ha sostenuto tanto nella campagna elettorale, dandomi forza”.

“E’ stata una campagna elettorale dura, dove non sono mancati anche attacchi alla persona – ha ribadito -, tutti comunque vogliano il bene della nostra città, ci facciamo crescere i nostri figli, quindi penso che adesso bisogna stringere la mano a tutti, anche degli avversari e pensare tutti insieme al bene di Pistoia”.

“Pistoia ha una storia peculiare. Non mi sembra che il problema sia stata la sinistra a Pistoia, sai?”. Cosi’, il segretario nazionale del Pd, Matteo Renzi replica su Fb a un commento di un utente, secondo il quale la sconfitta dei dem a Pistoia sarebbe da addebitare al bisogno di ricucire a sinistra.

“Grazie ad un candidato di Fratelli d’Italia e all”opera di Giorgia Meloni siamo riusciti per la prima volta nel dopoguerra a strappare Pistoia al centrosinistra”. E’quanto afferma il coordinatore dell’esecutivo di Fratelli d”Italia e capogruppo in Consiglio regionale della Toscana Giovanni Donzelli commentando il risultato delle elezioni amministrative. “Siamo davvero felici di un’affermazione storica: l’arroganza del potere del Partito democratico vacilla e cade ancora una volta nella rossa Toscana. Un risultato straordinario che premia la serietà e le capacità di Alessandro Tomasi e di un gruppo di giovani tenaci e di grande valore, che hanno saputo parlare ai cittadini con chiarezza, soppiantando con i contenuti logiche ideologiche fuori dal tempo. Alessandro Tomasi dimostrerà la qualità della classe dirigente che sappiamo esprimere, stiamo dimostrando di essere pronti nella prossima tornata anche a strappare la Regione al centrosinistra”.

The post PISTOIA: DOPO DECENNI PASSA AL CENTRODESTRA appeared first on Controradio.

BALLOTTAGGI TOSCANA, PD PERDE PISTOIA E CARRARA

969e5f719f532357cc8322580695bf4e.jpg_997313609Una Toscana meno ”rossa” esce dai ballottaggi: il Pd tiene a Lucca, ma perde Pistoia a vantaggio del centr0destra e Carrara (Massa Carrara), dove vince M5s.

In quest’ultima città il sindaco sarà Francesco De Pasquale di M5s che ha ottenuto oltre il 65%, lasciando a poco più del 35,5% il candidato Pd Andrea Zanetti: è la prima volta che la ”patria” di cavatori e anarchici, da sempre guidata dalla sinistra o dal centrosinistra, cambia governo. Già in testa al primo turno, De Pasquale ha trovato terreno fertile anche nella divisione interna al Pd che aveva portato a commissariamenti, ricorsi in tribunale e a due candidati di centrosinistra in corsa al primo turno.

Per il M5s è il secondo successo colto in Toscana dopo la clamorosa ”conquista” di Livorno due anni fa. Prima volta anche per Pistoia dove il sindaco uscente del Pd Samuele Bertinelli, che pure era partito in vantaggio al primo turno, si è fermato al 45,7%, superato da Alessandro Tomasi del centrodestra con il 54,3%: anche in questo caso dalla proclamazione della Repubblica è la prima volta che Pistoia ha un sindaco non di sinistra.

Sfida sul filo di lana a Lucca, forse la città considerata più ”contendibile” vista la sua storia recente di alternanza di governo, vinta dal sindaco uscente Alessandro Tambellini (Pd) con il 50,5% sullo sfidante di centrodestra Remo Santini al 49,5%. In Toscana sono attualmente sei su 10 i capoluoghi di provincia amministrati dal centrosinistra (Firenze, Prato, Siena, Massa, Pisa e Lucca), uno da M5s (Livorno) e tre dal centrodestra (Grosseto, Arezzo e Pistoia).

The post BALLOTTAGGI TOSCANA, PD PERDE PISTOIA E CARRARA appeared first on Controradio.

COMUNALI, IL CENTRODESTRA AVANZA: “TOSCANA NON PIU’ COSI’ ROSSA”

Comunali Toscana non più così rossa

“Il vento è cambiato” ha affermato Mugnai (Fi) sulle comunali in Toscana:  “abbiamo ampie possibilità vittoria ballottaggi, saliti da 3 a 9 comuni.” Fdi: “spingiamo vittoria centrodestra in Toscana.”

Del primo risultato delle comunali in Toscana “siamo più che soddisfatti, venivamo da tre piccoli comuni amministrati prima del voto e dopo il primo turno siamo saliti a 9, con ampie possibilità di successo a Lucca e Pistoia. Mi sembra che il vento sia cambiato” e “abbiamo buone possibilità di fare un filotto storico in Toscana”. Lo ha detto il coordinatore toscano di Fi e capogruppo azzurro in Consiglio regionale Stefano Mugnai commentando l’esito del voto in Toscana per il partito e il centrodestra.

“Adesso l’attenzione si concentra sui ballottaggi – ha aggiunto -, ai quali noi andiamo con entusiasmo e quelli del invece Pd ci vanno depressi, e abbiamo il dovere di trasformare un risultato già magnifico in un risultato che va oltre le più rosee aspettative”. “Soprattutto a Lucca il margine è veramente ridotto e a Pistoia un po’ più marcato – ha detto ancora -. Il Pd può tranquillamente perdere tutti e tre i ballottaggi e il centrodestra unito può vincere a Lucca e Pistoia”. Secondo Mugnai “i candidati del Pd o comunque del centrosinistra avranno delle difficoltà in più rispetto a noi. Bertinelli a Pistoia e Tambellini a Lucca sono già in saturazione e un voto in più non lo prendono. In questa stagione politica chi va a ballottaggio contro candidati Pd ha buone probabilità di vincere, in Toscana come altrove”.

“La Toscana non è più così rossa: Fratelli d’Italia ottiene un consenso eccezionale, avanza in tutta la Regione e spinge il centrodestra alle vittorie. Dopo le vittorie di Grosseto e Arezzo il centrodestra segna oggi altre affermazioni nei comuni capoluogo  siamo convinti che i ballottaggi diranno in maniera ancora più forte che la Toscana ha voglia di cambiare”. Lo afferma il coordinatore dell’esecutivo nazionale Fdi e capogruppo in Consiglio regionale Giovanni Donzelli.

“Complimenti ai nostri dirigenti Diego Petrucci, eletto sindaco ad Abetone-Cutigliano, e ad Alessandro Tomasi che va al ballottaggio a Pistoia – aggiunge in una nota -: risultati importanti che sottolineano una volta di più il valore delle nostre battaglie e dei nostri dirigenti sul territorio”. Fdi, dice ancora, “piazza risultati ottimi in tutta la Toscana, da Lucca a Pistoia, città in cui diventa la seconda forza più grande dietro al Pd, sfiorando il 10% di lista oltre al quale bisogna sottolineare il 5% dei voti della civica vicina al sindaco Tomasi, e porta Diego Petrucci, coordinatore nazionale del movimento ‘Terra Nostra – Liste civiche per Giorgia Meloni’ ad una storica elezione nella montagna Pistoiese”.

Per Donzelli “Fratelli d’Italia fa registrare numeri importanti in tantissimi piccoli comuni di tutta la Regione, a dimostrazione che i suoi dirigenti, dalle città alla piccola realtà, hanno saputo parlare a tutti i cittadini”.

The post COMUNALI, IL CENTRODESTRA AVANZA: “TOSCANA NON PIU’ COSI’ ROSSA” appeared first on Controradio.