Benzina contro pidocchi: sempre critiche condizioni 12enne

Benzina contro pidocchi: sempre critiche condizioni 12enne

Stazionaria, invece, la donna, 38 anni, ricoverata al Centro grandi ustionati di Pisa: anche lei è ancora in prognosi riservata ma secondo i sanitari non in pericolo di vita.

E’ stata sottoposta stamani a un secondo intervento chirurgico dai medici dell’ospedale Meyer di Firenze la bambina dodicenne ricoverata da giovedì scorso per le gravi ustioni causate dal tentativo della mamma di toglierle i
pidocchi con della benzina. L’intervento è perfettamente riuscito, spiegano dal Meyer, ma le condizioni della bambina, sempre in prognosi riservata, sono ancora critiche. Stazionaria, invece, la donna, 38 anni, ricoverata al Centro
grandi ustionati di Pisa: anche lei è ancora in prognosi riservata ma secondo i sanitari non in pericolo di vita.
Sul fronte delle indagini, il pm Beatrice Giunti che ha aperto un fascicolo (la madre della dodicenne è indagata per lesioni colpose), ieri la polizia scientifica ha effettuato un sopralluogo nell’abitazione dove vivono madre e figlia, in un
quartiere residenziale di Firenze. Secondo quanto appreso non sarebbe stato trovato niente di collegabile al liquido infiammabile usato dalla donna come rimedio per i pidocchi e quindi, al momento, è difficile anche avere una conferma sull’esatta dinamica dell’accaduto. L’ipotesi più probabile è quella fatta fina dal primo giorno. Dopo aver versato la benzina, o un altro liquido, in testa alla figlia, la donna potrebbe aver acceso una sigaretta: le fiamme le avrebbero avvolte immediatamente.

L'articolo Benzina contro pidocchi: sempre critiche condizioni 12enne proviene da www.controradio.it.

FIRENZE, PICCHIA E MINACCIA EX COMPAGNA: ARRESTATO 45ENNE

Firenze moglie picchiava e abusava moglie

Arrestato nel Fiorentino un 45enne che per anni avrebbe minacciato e picchiato la ex compagna arrivando anche a cospargerla di alcol. Ora è accusato di stalking, maltrattamenti e lesioni.

Per anni avrebbe picchiato abitualmente la propria compagna, anche prendendola a cinghiate davanti alla figlia piccola, e nei mesi scorsi dopo la fine della loro relazione avrebbe iniziato a perseguitarla, arrivando ad aggredirla provocandole ferite alla testa. Per questo un uomo di 45 anni, residente in provincia di Firenze, è stato arrestato dai carabinieri. Le manette sono scattate a seguito di una misura di custodia cautelare in carcere disposta dal gip su richiesta della pm Beatrice Giunti. I reati contestati sono quelli di maltrattamenti in famiglia, stalking e lesioni personali.

Secondo quanto ricostruito, fin dall’inizio della loro relazione, nel 2012, l’uomo avrebbe avuto atteggiamenti violenti verso la compagna: la donna sarebbe stata offesa continuamente, picchiata anche con delle cinture e minacciata con un coltello. Le violenze sarebbero avvenute anche in presenza della figlioletta. Quando la donna ha deciso di ribellarsi e di lasciarlo, l’uomo ha cominciato a perseguitarla con appostamenti e pedinamenti e minacciandola con telefonate e sms.

Lo scorso maggio per minacciarla avrebbe gettato il liquido infiammabile sia su di lei che sulla sua auto. Pochi giorni dopo questo fatto, l’avrebbe aggredita ferendola alla testa. Le si sarebbe parato davanti armato di un coltello, dicendole che se avesse voluto ucciderla lo avrebbe fatto anni prima, e di volergliela fare pagare. Poi l’avrebbe tirata sé afferrandola per i capelli, e dopo averle stretto le mani al collo avrebbe iniziato a colpirle la testa con pugni e gomitate. A seguito dell’episodio la donna ha riportato ferite giudicate guaribili in trenta giorni.Un crescendo di violenze che ha spinto gli inquirenti a chiedere al gip, ottenendola, la misura della custodia cautelare in carcere. Il 45enne è stato rintracciato e arrestato dai carabinieri nella serata di ieri.

 

The post FIRENZE, PICCHIA E MINACCIA EX COMPAGNA: ARRESTATO 45ENNE appeared first on Controradio.