Livorno, Lamma : “in una notte la pioggia di 5 mesi”

Livorno, Lamma : “in una notte la pioggia di 5 mesi”

Lo ha detto Bernardo Gozzini, amministratore unico del consorzio Lamma, Laboratorio di monitoraggio e modellistica ambientale per lo sviluppo sostenibile, partecipato da Regione Toscana e Cnr.

“E’ stato un evento eccezionale, sicuramente un fenomeno secolare. A memoria nella zona di Livorno e di Pisa non ne ho ricordo. Calcoli che in una notte è caduta la pioggia che nel Livornese cade di solito in 5 mesi” dice l’ad del lamma.

Riguardo a quanti millimetri d’acqua siano caduti la notte scorsa, Gozzini specifica che al pluviometro di Valle Benedetta a Livorno lo scroscio piu’ violento è stato di 38 mm in un quarto d’ora (non 200 come indicato in precedenza dalla Regione). Il picco lo ha totalizzato Quercianella: 42 mm in 15 minuti, intorno alle 3. In totale sul territorio livornese, da ieri sono caduti 260 millimetri di cui 230 in 3 ore, dalle una
alle quattro della scorsa notte, e in un’ora, dalle tre alla quattro, sono stati oltre 100. Tanta anche l’acqua registrata dal pluviometro di Bocca d’Arno a Pisa: da ieri mattina 250 mm, solo che la pioggia si è intensificata in un arco di tempo più lungo: 230 mm tra le 19.30 di ieri alle 2 della notte scorsa, punta massima 24 mm in un’ora.

“Precedenti analoghi di piogge così intense e in così poco tempo? – aggiunge Gozzini -. A memoria non ne ricordo su queste zone, in Toscana si può risalire al 2011 in Lunigiana, 400 mm in sei ore. O al 2012, quando ci fu l’alluvione dell’Albegna nel Grossetano”.
Riguardo all’allerta meteo diramata ieri, Gozzini precisa: “Avevamo fatto un’allerta gialla dalle 21 alle mezzanotte, arancione dalla mezzanotte in poi. Il che significava: previsti temporali poi le piogge si faranno più intense. Ricordo che la
delibera prevede l’arancione quando il rischio riguarda l’esondazione di corsi minori, come accaduto a Livorno: la rossa è quando il rischio riguarda corsi maggiori come Arno o Serchio.

Noi poi ieri sera abbiamo attivato anche il monitoraggio straordinario, come prevede l’allerta gialla, valutando la situazione critica che si stava sviluppando nella zona: questo significa che a partire dalle 21 abbiamo inviato al sistema della protezione civile regionale bollettini ogni due ore sui livelli delle precipitazioni e su che cosa sarebbe successo nelle ore successive”. Sulla precisione delle previsioni Gozzini
infine osserva: “Difficile farle sulla quantità. Certo ci sono certi ‘ingredienti’, come l’umidità in atmosfera o il gradiente termico, che ci consentono di prevedere maggiore o minore potenza, localizzando una zona, non l’area esatta. Consideriamo
poi che veniamo fuori da un’estate lunga e calda e che calda è l’acqua del mare: questo aumenta la potenza delle perturbazioni. Settembre per questo è uno dei mesi a rischio”.

L'articolo Livorno, Lamma : “in una notte la pioggia di 5 mesi” proviene da www.controradio.it.

Siccità, Regione e Lamma: niente allarmismi, a settembre precipitazioni nella norma

Siccità, Regione e Lamma: niente allarmismi, a settembre precipitazioni nella norma

E’ questa l’opinione di Bernardo Gozzini, amministratore unico del consorzio Lamma, il Laboratorio di Monitoraggio e Modellistica Ambientale per lo sviluppo sostenibile, partecipato dalla Regione Toscana e dal Cnr, in merito alle previsioni circa la possibilità che in Toscana cadano piogge significative.

“Secondo le nostre previsioni agli inizi di settembre dovrebbe ricominciare a piovere in maniera significativa. Ciò non consentirà di recuperare gli oltre 200 millimetri perduti nei primi sei mesi dell’anno, ma dovremmo tornare alla normalità almeno per ciò che riguarda le
precipitazioni, con un cumulato atteso nel corso del mese che dovrebbe variare tra i 75 e i 115 millimetri”.
Richiesto di un parere da parte della presidenza della Regione, il Lamma ha stilato una nota tecnica esplicativa. Queste, si spiega in una nota, le previsioni per il mese di agosto: dopo il passaggio di un sistema perturbato atteso per il 10-11 agosto (che potrà favorire locali temporali, anche intensi), nei giorni successivi si ristabilirà probabilmente un campo di alta pressione sul Mediterraneo, mentre il flusso perturbato interesserà marginalmente il nord Italia. Non sono quindi attese piogge significative, salvo occasionali fenomeni di instabilità pomeridiana sulle zone interne e in particolare sui rilievi appenninici. Le temperature, ben al di sopra della norma fino al 9 agosto, si riporteranno in media a partire dal 10 e rimarranno tali almeno fino al 14-15 del mese. A seguire possibile nuovo lieve aumento con valori di poco superiori alla media di riferimento. Per il mese di settembre si prevedono piogge nella media, così come le temperature. Si ricorda che la media delle precipitazioni cumulate nel mese di settembre (1981-2010) va da un minimo di 75 mm di Siena a un massimo di 115 mm riferito a Lucca. Si ribadisce, conclude la nota della Regione Toscana, che le previsioni stagionali elaborate dal Consorzio Lamma sono da considerarsi un servizio sperimentale.

“Non è il caso di fare alcun allarmismo” sulle precipitazioni per il mese di settembre: è
quanto precisa la Regione Toscana, con una successiva nota inviata dopo una conferenza stampa di Publiacqua sul possibile razionamento di acqua. Per la Regione, che è intervenuta dopo aver sentito il parere del Consorzio Lamma, che si occupa delle previsioni del tempo, le piogge nel mese di settembre saranno con ogni probabilità nella norma.

L'articolo Siccità, Regione e Lamma: niente allarmismi, a settembre precipitazioni nella norma proviene da www.controradio.it.

Bellavista la mattina di Controradio

In questo  numero:

  • CARLO SORRENTINO
    Le notizie della settimana commentate dal docente Unifi.
  • ALESSANDRO MAZZEI
    Il Direttore generale dell’Autorità Idrica Toscana sulla situazione siccità nella nostra Regione.
  • CLEMENTE PELLEGRINI
    Il Presidente dei giovani di Confagricoltura della Toscana sugli effetti della siccità su olio e vino.
  • BERNARDO GOZZINI
    L’Amministratore delegato del Consorzio Lamma commenta le dichiarazioni del Ministro dell’Ambiente in merito alla siccità come fenomeno strutturale del clima in Italia oggi.
  • CICCIO AULETTA
    Il Consigliere di opposizione a Pisa racconta il voto sulla revoca della cittadinanza a Benito Mussolini.
  • SARA FUNARO                                                                                     L’assessore al welfare del Comune di Firenze interviene sul crollodelle domande di contributi di affitto.

 

L'articolo Bellavista la mattina di Controradio proviene da www.controradio.it.

Bellavista la mattina di Controradio

In questo  numero:

  • CARLO SORRENTINO
    Le notizie della settimana commentate dal docente Unifi.
  • ALESSANDRO MAZZEI
    Il Direttore generale dell’Autorità Idrica Toscana sulla situazione siccità nella nostra Regione.
  • CLEMENTE PELLEGRINI
    Il Presidente dei giovani di Confagricoltura della Toscana sugli effetti della siccità su olio e vino.
  • BERNARDO GOZZINI
    L’Amministratore delegato del Consorzio Lamma commenta le dichiarazioni del Ministro dell’Ambiente in merito alla siccità come fenomeno strutturale del clima in Italia oggi.
  • CICCIO AULETTA
    Il Consigliere di opposizione a Pisa racconta il voto sulla revoca della cittadinanza a Benito Mussolini.
  • SARA FUNARO                                                                                     L’assessore al welfare del Comune di Firenze interviene sul crollodelle domande di contributi di affitto.

 

L'articolo Bellavista la mattina di Controradio proviene da www.controradio.it.