Rossi: “Investimenti, formazione ed infrastrutture pilastri dello sviluppo”

FIRENZE – "Fin dal 2011 abbiamo messo in campo politiche che hanno consentito alla Toscana di affrontare i problemi sociali ed occupazionali con maggiore serenità rispetto ad altre regioni italiane. Abbiamo prodotto variazioni positive nel mondo produttivo e manifatturiero e questo è un dato di fatto. Adesso però non ci dobbiamo sedere, anzi dobbiamo guardare verso altri obiettivi, sostenendo le imprese che investono. Le imprese forti possono trascinare anche quelle meno forti. La Regione aiuta chi investe e crea occupazione, non chi vuole risanare i bilanci".
Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, ha ricordato che "investimenti, formazione ed infrastrutture" sono i pilastri delle politiche di sviluppo regionale intervenendo all'assemblea pubblica della Confindustria fiorentina che si è svolta oggi, venerdì 23 giugno, nel salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze. Un altro elemento definito "importante per lo sviluppo", secondo Rossi, è "il saper utilizzare i fondi europei".

"Sono convinto che bisogna qualificare la formazione. Bisogna fare i programmi scolastici ascoltando le esigenze delle imprese e formando giovani pronti ad entrare nel mondo del lavoro sulla base delle competenze acquisite", ha aggiunto il presidente. "Investimenti a favore del mondo produttivo e formazione sono alla base di un sistema capace di crescere". E poi: "Ma accanto a queste voci, devono essere sviluppate le infrastrutture. A Firenze il sotto attraversamento è partito. Verrà realizzata una stazione ferroviaria nuova collegata a quella vecchia. Adesso aspettiamo che si concluda l'iter per la valutazione di impatto ambientale dell'aeroporto. Nel frattempo abbiamo fatto partire la piantumazione del Parco della Piana fiorentina. Aspettiamo con serenità".

Rossi, che ha rivendicato la capacità di "utilizzare al meglio i finanziamenti europei specie per quel che riguarda la formazione e la creazione di nuova occupazione", ha quindi messo l'accento anche su progetti che non riguardano l'area fiorentina. "Sulla Tirrenica aspettiamo risposte dal Governo, che però siano definitive, dato che in sette anni ho già visto passare sul mio tavolo quattro proposte diverse", ha detto il presidente. "La cura del ferro sta andando avanti e si sta facendo il raddoppio della linea da Pistoia a Lucca. Per quanto riguarda i porti, invece, quello di Piombino è stato realizzato con i soldi della Regione, mentre quello di Livorno era pronto per partire ma ha deciso di intervenire il Ministero delle Infrastrutture e adesso siamo in fase di project rewiew".

Le politiche della Regione Toscana hanno in ogni caso ricevuto il plauso del presidente nazionale di Confindustria, Vincenzo Boccia, che ha affermato: "Do atto al presidente Rossi e alla Regione di aver mostrato, da subito, una grande attenzione verso un tema strategico per riposizionare il nostro sistema produttivo". Secondo Boccia, infatti, la Regione sta creando condizioni concrete per il sostegno dell'evoluzione digitale delle imprese e per il rapporto di queste con il mondo universitario e dell'alta formazione.

Al convegno, moderato dal giornalista David Parenzo ed incentrato sulle problematiche dell'area fiorentina, ha preso parte, tra gli altri, anche il sindaco di Firenze, Dario Nardella. Con il presidente Rossi era presente l'assessore regionale alle Attività produttive, Stefano Ciuoffo, che ha le deleghe anche a Credito, Turismo e Commercio.

 

Apre Arcobaleno d’Estate, Ciuoffo: “Anche così valorizziamo la Toscana”

FIRENZE - Grande opening sulla terrazza del Museo dell'Opera del Duomo per Arcobaleno d'Estate, la tre giorni di iniziative frutto della collaborazione della Regione con il quotidiano la Nazione e le strutture di promozione turistica della Toscana.

 

A tagliare il nastro, insieme agli altri, l'assessore al turismo Stefano Ciuoffo "Inauguriamo Arcobaleno d'estate da una terrazza fiorentina che offre un punto di vista insolito.- ha detto - Un modo per valorizzare le eccellenze della Toscana che stimolino la voglia di visitare. Ringrazio tutti i soggetti coinvolti che stanno collaborando con noi per realizzare questi tre giorni di iniziative.

 

La Toscana vince se fa sistema e in questo caso la sinergia che si è creata sta dando dei risultati assolutamente soddisfacenti".

Piazza Garibaldi, Bugli sabato 10 a Livorno per il rilancio del quartiere

FIRENZE - Domani mattina, sabato 10 giugno, l'assessore regionale Vittorio Bugli sarà a Livorno per il progetto Sicurezza in Garibaldi realizzato dalla Confesercenti e finanziato dalla Regione Toscana e per partecipare, nell'ambito di questo progetto di rigenerazione urbana, all'evento Pop Up il cui fine è far decollare dei "temporary shop" con la speranza che tali fondi possano rimanere aperti come attività commerciali vere e proprie.

L'assessore Bugli, che tra l'altro ha le deleghe a partecipazione e sicurezza, sarà alle ore 11 in piazza Garibaldi, in una delle zone più vecchie della città. Il progetto livornese, teso alla valorizzazione di quello che era l'antico Borgo Reale, oggi conosciuto come quartiere Garibaldi, rientra in un più ampio programma regionale. Cinque, infatti, sono i progetti sperimentali che la Regione finanzia in altrettante realtà cittadine toscane. Uno di questi, appunto, è quello che interessa il rione Garibaldi, dove sarà potenziato anche il progetto di video sorveglianza urbana.

 

 

 

 

 

 

Commercio, Ciuoffo lunedì 22 maggio a Lastra a Signa (FI) a convegno su contraffazione

FIRENZE - Un fenomeno che interessa tutti i settori, dalla moda all'alimentare, dalla farmaceutica all'editoria: le produzioni "Made in…" sono le più contraffatte, con danni sia per le aziende che per i consumatori. E' questo il tema al centro del convegno dal titolo "Made in | Contraffazione", in programma lunedì prossimo, 22 maggio, presso Villa Caruso Bellosguardo a Lastra a Signa (FI) a partire dalle ore 9.

L'incontro, promosso dal Comune di Lastra a Signa e da Confindustria Firenze, affronta questa pratica puntando l'attenzione alla prevenzione dei reati e alle opportunità a disposizione di imprese e consumatori per ridurre i rischi a essa connessi.

L'assessore regionale alle attività produttive Stefano Ciuoffo curerà le conclusioni.

Programma e iscrizione