PISTOIA, IN FIAMME COMPOSTORE SAN MARCELLO PITEGLIO

 compostaggio, impianto di Tana Termini, San Marcello Piteglio, Pistoia Hanno lavorato per tutta la notte e la giornata di ieri i vigili del fuoco per sopire il principio di autocombustione del materiale contenuto in una delle 12 celle del compostore di Tana Termini, nel comune di San Marcello Piteglio, sulla montagna pistoiese.

L’episodio è il secondo a distanza di appena un mese, e adesso Legambiente Pistoia, che ha già presentato un esposto in procura, chiede l’immediata e completa bonifica dell’area, nei dintorni della quale sono presenti anche attività ricettive. La Regione, intanto, ha revocato l’autorizzazione all’esercizio dell’impianto. “Noi chiediamo la bonifica da parte del Comune o della Regione di tutta l’area”  ha spiegato stamani in
conferenza stampa Antonio Sessa , presidente di Legambiente Pistoia  perché all’interno dell’area ci sono circa 5.000 tonnellate di organico. Con il caldo e la siccità di questa stagione è molto facile che ci sia autocombustione. Due celle sono già bruciate, adesso non possiamo aspettare che brucino anche le altre”. Legambiente chiede anche che i fondi che arriveranno a seguito dell’unificazione dei due comuni di San Marcello e Piteglio, circa un milione e 400mila euro, siano utilizzati per bonificare l’area. “Le attività commerciali intorno all’impianto; prosegue Sessa ; non vivono più, inoltre
l’impianto è stato costruito sull’argine di un fiume, e sono stati spesi per la sua realizzazione circa sei milioni di euro, adesso sarebbe opportuno che chi ha acconsentito a costruire un impianto di questo tipo cominciasse a pagare di tasca propria.
Abbiamo presentato un esposto in Procura e la cosa immediata che chiediamo è che l’area sia immediatamente bonificata anche per preservare la salute dei cittadini”.

The post PISTOIA, IN FIAMME COMPOSTORE SAN MARCELLO PITEGLIO appeared first on Controradio.