Toscana: corteo mille autotrasportatori per sciopero

Toscana: corteo mille autotrasportatori per sciopero

Per il terzo giorno di sciopero, domani, è previsto un presidio su Ponte alle Grazie a Firenze alle 11.30, per il “No delivery day”.

Più di mille autotrasportatori in corteo a Calenzano (Firenze), nel secondo giorno di sciopero degli autotrasportatori toscani per il rinnovo del contratto nazionale: Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti-Uil rivendicano un’adesione elevata e con punte del 90%, tale da generare, per i sindacati, ripercussioni su consegne e spedizioni.
“Questa manifestazione segna la storia locale nel settore – affermano – da qui è partito un messaggio chiaro alle controparti: serve un rinnovo del Contratto nazionale che non tolga diritti”.
Per il terzo giorno di sciopero, domani, è previsto un presidio su Ponte alle Grazie a Firenze alle 11.30, per il “No delivery day”, un appello ai consumatori a non richiedere consegne per 24 ore. Sono in programma iniziative di protesta anche nel pisano e al porto di Livorno.
Fra le proposte delle associazioni datoriali contestate dai confederali, l’eliminazione della quattordicesima, la riduzione delle giornate di riposo, il blocco degli scatti di anzianità.

L'articolo Toscana: corteo mille autotrasportatori per sciopero proviene da www.controradio.it.

Gattini cadono in vasca, salvati da guardie Enpa

Gattini cadono in vasca, salvati da guardie Enpa

Caduti nella vasca dell’ex lanificio Erion di Calenzano (Firenze), allarme dato da un passante.

Salvati dalle guardie zoofile dell’Enpa due gattini che erano caduti in una vasca di decantazione all’interno del  piazzale dell’Ex lanificio Erion di Calenzano (Firenze). L’intervento è avvenuto grazie alla segnalazione di un passante, che aveva udito i lamenti dei cuccioli arrivare dall’area dello stabilimento.
I gattini erano caduti all’interno di una vasca alta circa 2 metri, piena di acqua putrida e di vegetazione. Le guardie zoofile, entrate nello stabilimento dopo aver chiesto l’intervento del personale addetto alla sorveglianza, hanno trovato uno dei due gattini mentre si aggrappava a un ciuffo di canne cercando di rimanere a galla. Un altro cucciolo, impaurito alla vista dei soccorritori, si è nascosto tra la vegetazione cresciuta nella vasca.
Per salvarlo è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco, che dopo essere entrati nella vasca, e aver cercato invano di catturare il gattino, hanno predisposto un passaggio per facilitargli l’uscita, e poi si sono allontanati per non impaurirlo.

L'articolo Gattini cadono in vasca, salvati da guardie Enpa proviene da www.controradio.it.

Riparte da Firenze tour spettacolo del Teatro dell’Orsa

Riparte da Firenze tour spettacolo del Teatro dell’Orsa

Tuor dello spettacolo del Teatro dell’Orsa, ‘Questo è il mio nome ‘, con attori richiedenti asilo e rifugiati. In scena venerdì 22 settembre alle ore 21.30 al Teatro Manzoni di Calenzano in provincia di Firenze (Via Pietro Mascagni, 18).

‘Questo è il mio nome’ sarà in scena al Festival Avamposti di Calenzano. Nelle
settimane a seguire repliche a Brescia, Trento, Repubblica di San Marino,
Ferrara e Bologna.

Commenta Monica Morini del Teatro dell’Orsa: “Una finestra aperta su storie invisibili, un orecchio rovesciato su un canto che attraversa i mari e i deserti, uno spazio e un tempo per lasciare un segno. Da Costa d’Avorio, Mali, Nigeria, Gambia, sul palco si srotolano le orme di Odissei in viaggio. Storie incise nella polvere e nella carne, scintille di memoria, passi protesi in avanti e occhi che guardano indietro”.

‘Questo è il mio nome’ è lo spettacolo esito di un denso percorso artistico e umano
compiuto assieme a un gruppo di richiedenti asilo e rifugiati.

Sarà in scena venerdì 22 settembre alle ore 21.30 al Teatro Manzoni di Calenzano in provincia di Firenze (Via Pietro Mascagni, 18), nell’ambito del Festival Avamposti curato da Il Teatro delle Donne.

Nelle settimane a seguire lo spettacolo sarà presentato a Brescia, Trento, Repubblica di San Marino, Ferrara e Bologna.

“Giovani migranti dell’Africa sono portatori di saperi, storie e cultura di un mondo che
inesorabilmente si avvicina verso l’Europa” aggiunge Bernardino Bonzani “rivelano sguardi e prospettive che non possiamo conoscere se non incontrandoli, mettendoci in ascolto. Energia, slancio vitale, speranze di futuro che meritano di essere ri- conosciute, senza smorzarsi sopite nelle attese di un respingimento, di un diniego. Arrivati con niente portano tutto se stessi, ci arricchiscono di nuove parole, suoni, idee, cuore, braccia e gambe. Ci aiutano a ricordare la dignità di ogni persona».

‘Questo è il mio nome’, che si avvale della collaborazione alla drammaturgia di
Annamaria Gozzi, vede in scena gli attori rifugiati del progetto Sprar di Reggio
Emilia Ogochukwu Aninye, Djibril Cheickna Dembélé, Ousmane Coulibaly, Ezekiel Ebhodaghe e Lamin Singhateh.

Informazioni sul Festival: https://www.teatrodelledonne.com/avamposti-017.
Info sulla Compagnia: http://www.teatrodellorsa.com/.

L'articolo Riparte da Firenze tour spettacolo del Teatro dell’Orsa proviene da www.controradio.it.

Cani senza cibo e acqua, proprietario denunciato

Cani senza cibo e acqua, proprietario denunciato

Due cani American Staffordshire Terrier tenuti in pessime condizioni sono stati trovati dai carabinieri forestali in località Travalle nel Comune di Calenzano (Firenze).

Il proprietario è stato denunciato. Nei pressi della ex cava di Macia un cittadino teneva i due cani ed una trentina di piccioni in condizioni incompatibili con la loro natura ed in ambiente fortemente degradato, tra rifiuti e strutture fatiscenti.

In particolare uno dei cani era in un trasportino da auto, di dimensioni tali da limitare fortemente la possibilità di movimento e non aveva a disposizione né cibo, né acqua. Anche il secondo cane era detenuto in una struttura precaria, fatiscente, realizzata in legno e rete, tra feci e senza cibo ed acqua.

Gli uccelli erano suddivisi in due gabbie di cui una di ridotte dimensioni in condizioni anguste e senza la possibilità di apertura completa delle ali essendo in numero eccessivo. Anche in questo caso né acqua né cibo.

L'articolo Cani senza cibo e acqua, proprietario denunciato proviene da www.controradio.it.