Grosseto, droga e anabolizzanti: arrestato poliziotto

Grosseto, droga e anabolizzanti: arrestato poliziotto

Agli arresti domiciliari, in esecuzione di una misura di custodia cautelare, un poliziotto in servizio alla questura di Grosseto. Diversi i reati ipotizzati, tra cui detenzione a fine di spaccio e cessione di stupefacenti e commercio di farmaci anabolizzanti.

Arrestato poliziotto a Grosseto per diversi reati. Spiega una comunicato della procura del capoluogo che ha coordinato l’inchiesta: i reati “sono detenzione a fine di spaccio e cessione di stupefacenti, commercio di farmaci anabolizzanti attraverso canali diversi dalle farmacie, detenzione abusiva di armi, ricettazione, falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici, rivelazione e utilizzazione del segreto di ufficio”.

La misura di custodia cautelare è stato eseguita stamani dai carabinieri del nucleo investigativo, che hanno svolto le indagini, insieme con la squadra mobile di Grosseto.

Il poliziotto arrestato è l’assistente capo della polizia di Stato, Stefano Giglio, 47 anni, fiorentino, in servizio all’ufficio volanti di Grosseto.

Le indagini, spiega sempre la procura nella nota, avrebbero consentito di ricostruire come, nel corso del 2016, il poliziotto “avrebbe ricevuto da più persone, tra cui anche extracomunitari e ceduto sostanze stupefacenti e in qualche caso anabolizzanti”.

Accertata inoltre la detenzione illecita di munizionamento nonché l’indebita rivelazione a terzi di notizie coperte da segreto di cui l’assistente capo era a conoscenza in ragione del proprio ufficio.

In una circostanza sarebbe poi anche emerso che “l’indagato aveva prodotto atti falsi incolpando un cittadino extracomunitario di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, pur sapendolo innocente”.

L'articolo Grosseto, droga e anabolizzanti: arrestato poliziotto proviene da www.controradio.it.

Grosseto: gara rifiuti, sei indagati e perquisizioni

Grosseto: gara rifiuti, sei indagati e perquisizioni

Corruzione, abuso d’ufficio, turbativa d’asta e truffa aggravata. Queste le ipotesi di reato contestate dalla procura di Grosseto in un’inchiesta sull’affidamento della gara per la costruzione e gestione dell’impianto ”Pump & Treat”. Sei indagati e 24 provvedimenti di perquisizione.

Sei indagati, spiega la procura in una nota, e 24 i provvedimenti di perquisizione disposti nei confronti di società o soggetti privati in provincia di Grosseto, Vicenza, Rimini, Siena, Livorno, Pisa e Firenze.

Le ipotesi di reato sono state contestate dalla procura di Grosseto in un’inchiesta sull’affidamento di una gara per la costruzione e gestione dell’impianto “Pump & Treat”, nel sito dell”ex discarica delle Strillaie, nel capoluogo maremmano.

Tra i siti perquisiti ci sono la discarica Le Strillaie e quella di Cannicci, dove operano “imprese riferibili ai soggetti indagati”. L’indagine, svolta dalla polizia stradale e dalla municipale di Grosseto, riguarda provvedimenti adottati nel 2013 dall’allora dirigente del servizio ambiente del Comune grossetano con i quali sarebbe stata prorogata per altri 20 anni la gestione dell”ex discarica a favore delle imprese vincitrici della gara di appalto, riunite un un’associazione temporanea.

Riguardo all’ipotesi di truffa il danno per il Comune di Grosseto “sarebbe da quantificare – spiega la nota firmata dal procuratore Raffaella Capasso – in un importo non inferiore a 15 milioni di euro”.

Nel corso delle indagini acquisita documentazione negli enti interessati e anche all’Agenzia delle entrate e vagliati tutti i progetti relativi alla costruzione dell”impianto “siglati da un professionista che risulta direttore di altro sito di discarica presente in provincia”.

L'articolo Grosseto: gara rifiuti, sei indagati e perquisizioni proviene da www.controradio.it.

Maltempo Toscana: codice giallo per piogge e temporali

Maltempo Toscana: codice giallo per piogge e temporali

Fino a domani, interessate Firenze, Arezzo, Grosseto, Livorno, Pisa e Siena.

La sala operativa della Protezione civile regionale della Toscana ha emesso un codice giallo per maltempo dalle 13.30 di oggi alle 8 di domani a causa del transito di un sistema perturbato che interessa le province di Firenze, Arezzo, Grosseto, Livorno, Pisa e Siena.
Il sistema è preceduto da un flusso umido e instabile e pertanto i fenomeni saranno possibili già dalle prossime ore sulle zone costiere.
Un graduale peggioramento comincerà nel corso del pomeriggio a partire dalla costa ed in particolare tra la sera e la notte con precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio e
temporali più probabili, questi ultimi, in prossimità della fascia costiera e in serata sui settori meridionali.
Le precipitazioni persisteranno anche nella mattinata di domani, martedì, ma a carattere più sparso; tenderanno a cessare nel pomeriggio (residue sulle province di Firenze e Arezzo); in serata saranno nuovamente possibili sulla costa e sull’arcipelago.
Sulle zone meridionali (Grossetano e basso Senese) i temporali potranno risultare localmente persistenti fra la sera di oggi, lunedì e nella notte, con cumulati occasionalmente superiori alla media.

L'articolo Maltempo Toscana: codice giallo per piogge e temporali proviene da www.controradio.it.

Grosseto, Festa del Cinema di Mare

Grosseto, Festa del Cinema di Mare

 

La barriera corallina messicana protagonista della seconda Festa del Cinema di Mare. Appuntamento giovedì 7 settembre presso il cinema Castello di Castiglione della Pescaia (Gr).

La rassegna della Festa del Cinema di Mare parte con la proiezione di “Alamar” di Pedro González-Rubio, alla presenza di Pier Luigi Piro (presidente di “I Pescatori – Orbetello) e di Adolfo Ciampoli (armatore di pescherecci).

Dopo il concerto inaugurale delle 21.00 in piazza Solti, con l’Orchestra Città di Grosseto diretta da Paolo Biancalana con Davide Vallini al sax solista, appuntamento alle 22.30 presso il cinema Castello (via Calvino 1) per la proiezione di “Alamar” di PedroGonzález-Rubio (Messico, 2009, 73’), pellicola pluripremiata che segue il viaggio del piccolo Natan, un bambino cinque anni, verso le sue origini nel Banco Chinchorro: una splendida barriera corallina dove il nonno vive esercitando la pesca secondo metodi antichissimi.

A seguire Pier Luigi Piro (presidente di “I Pescatori – Orbetello) e Adolfo Ciampoli (armatore di pescherecci) saranno in sala per discutere col pubblico di tradizioni di mare e rispetto per l’ambiente.

In apertura, alle 22.15, saranno presentati due tra i cortometraggi finalisti del premio Mauro Mancini, riconoscimento dedicato al cinema che racconta la navigazione: : “Ho freddo” di Laura di Pietro e Paolo Damiani (Italia, 2015, 8’) e “Moby Dick” di Nicola Sorcinelli (Italia, 2017, 13’).

“La Festa del Cinema di Mare? Un modo nuovo di fare cultura. Il nostro territorio ne beneficerà”, afferma Susanna Lorenzini, assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Castiglione della Pescaia. “Sono soddisfatta di quanto stiamo per offrire ai castiglionesi e ai turisti che hanno scelto settembre per le loro vacanze, inoltre la Festa è una manifestazione che pone in risalto uno dei settori più importanti per la nostra economia: il mare, da cui da sempre traiamo benessere e occupazione”.

Continua l’assessore: “come amministrazione lavoriamo per valorizzare l’economia del mare e crediamo nel farlo anche con l’aiuto della cultura, che abbinata alla nostra storia, alle tradizioni del luogo e all’offerta degli operatori turistici ci sta dando sempre nuove occasioni per far conoscere le bellezze di questi luoghi”.

Conclude Lorenzini: “con la Festa del Cinema di Mare abbiamo dato il via a un percorso innovativo nel campo della cultura. Su questa scia nei prossimi anni introdurremo certamente nuove iniziative, ma già per questa che parte adesso posso dire che siano stati raggiunti risultati egregi”.

“Alamar” racconta la storia di un vecchio pescatore di nome Matraca. Un giorno suo figlio Jorge lo raggiunge con Natan, il nipotino che vive in Italia con la mamma. Prima che il piccolo inizi ad andare a scuola, Jorge vuole fargli conoscere le sue origini e il luogo in cui vivono i suoi antenati. Giunti a Banco Chinchorro, Natan e Jorge accompagnano ogni giorno il nonno a pescare, scoprendo una profonda connessione con la natura, imparando a perlustrare l’affascinante mondo che si cela sotto la superficie marina. Quel che Natan imparerà in mare in questo viaggio ancestrale rimarrà con lui per sempre.

 

La Festa del Cinema di Mare è realizzata con la collaborazione di Quelli della Compagnia, Club Velico Castiglione della Pescaia, Festival dei Popoli, Clorofilla Film Festival, RRD Roberto Ricci Designs, associazione culturale Kansassìti e Acot.

 

Info: www.spazioalfieri.it | info@spazioalfieri.it | T. 0564 933685 e 0555 320840

 

L'articolo Grosseto, Festa del Cinema di Mare proviene da www.controradio.it.

Siccità e delfini, l’allarme di Federcoopesca

Siccità e delfini, l’allarme di Federcoopesca

Grosseto, la siccità e i delfini hanno causato danni. L’allarme di Federcoopesca: “Meno pesce e danni alle reti, a rischio numerose attività”. Il presidente Guerrieri: “Siano previste misure di sostegno da Regione e Ministero”.

Commenta il presidente di Federcoopesca, Massimo Guerrieri: “Come se non bastasse la siccità che ha ridotto l’apporto dei fiumi al mare causando una carenza di pesce, abbiamo registrato un incremento degli attacchi dei cetacei, ormai sempre più presenti nelle nostre coste, alle reti dei pescatori con danni ingenti agli attrezzi da pesca. Una rete da pesca costa circa 10 mila euro e può durare fino a 6 anni. Se al pescatore viene distrutta la rete dopo un solo anno, è evidente che questo condiziona irrimediabilmente la stagione, il futuro stesso del lavoratore e dell’azienda.”

Continua Guerrieri: “La siccità determina perdite in agricoltura e determina cambiamenti climatici e fisici nella qualità delle acque. La fauna ittica si adatta a questi cambiamenti e il pescatore si deve adattare a sua volta a questo meccanismo. E’ inoltre necessaria una modifica del Regolamento comunitario della pesca FEAMP perché la Regione Toscana e il Ministero dell’agricoltura attivino la misura prevista per i danni prodotti dai cetacei che possa prevedere il rimborso per l’acquisto di nuove attrezzature con previa documentazione dei danni subiti”.

Il presidente di Federcoopesca conclude: “Ad oggi, l’unica misura ammissibile è l’installazione di dissuasori acustici che però non sono assolutamente sufficienti ma anzi indicano al delfino dove si trovano le reti con effetti paradossali e controproducenti.”

L'articolo Siccità e delfini, l’allarme di Federcoopesca proviene da www.controradio.it.