Rubano suv poi schianto in Aurelia, 2 arrestati e 1 in fuga

Rubano suv poi schianto in Aurelia, 2 arrestati e 1 in fuga

Inseguimento dei carabinieri da Grosseto a Capalbio.

Notte movimentata, quella scorsa, per i carabinieri di Orbetello (Grosseto) che  hanno arrestato due romeni 31enni, domiciliati a Roma, già noti alla giustizia per reati contro il patrimonio. I due, alle 5 del mattino, in pieno centro di Grosseto, insieme ad un complice, avevano rubato un Suv di grossa cilindrata parcheggiato sotto la casa del proprietario, un pensionato. Dopo il colpo, sono scappati: i due a bordo di una Audi A4 e un terzo a bordo dell’auto rubata, verso Roma. I carabinieri del radiomobile, impegnati nel controllo del territorio, hanno intercettato le due autovetture e sono stati subito insospettiti dalla strana “scorta” al Suv da parte degli occupanti della berlina.
I carabinieri hanno subito acceso i lampeggianti per controllare i due veicoli ma i malviventi, vista la “gazzella” dell’Arma, hanno premuto il piede sull’acceleratore scappando sull’Aurelia. C’è stato un inseguimento che, partito da Ansedonia, è terminato nel comune di Capalbio quando il conducente del Suv, ormai tallonato da più pattuglie, perdendo il controllo del veicolo è andato a schiantarsi sul guardrail.
É stato costretto a fuggire a piedi nella campagna. I militari, che nel frattempo avevano ricevuto la segnalazione del furto a Grosseto, sono riusciti comunque a bloccare i due malviventi a bordo della berlina, arrestandoli immediatamente. Sono in corso le ricerche e ulteriori indagini da parte del Nucleo Operativo della compagnia di Orbetello per risalire al terzo malvivente.
Intanto i due arrestati dovranno rispondere domattina a un processo per direttissima per furto aggravato in concorso al tribunale di Grosseto.

L'articolo Rubano suv poi schianto in Aurelia, 2 arrestati e 1 in fuga proviene da www.controradio.it.

Alluvione Livorno: nuova allerta, Nogarin chiude le scuole

Alluvione Livorno: nuova allerta, Nogarin chiude le scuole

Chiuse le scuole di ogni ordine e grado per la giornata di domani a Livorno e nel Comune di Collesalvetti.

Nuova allerta meteo prevista su Livorno dalla mezzanotte di oggi alle 13 di sabato, e il Comune decide di chiudere le scuole di ogni ordine e grado. Ad annunciarlo sulla sua bacheca Facebook è il sindaco Filippo Nogarin.

“La Regione – scrive il sindaco – ha diramato una nuova allerta meteo arancione per la città di Livorno a partire dalla mezzanotte di oggi e fino alle 13 di sabato. Vista l’attuale fragilità del nostro territorio, abbiamo deciso di chiudere le scuole di ogni ordine e grado per la giornata di domani. Tra poco vi comunicherò le altre misure che abbiamo deciso di prendere per limitare al massimo eventuali disagi”.
Chiudono tutte le scuole anche nel Comune di Collesalvetti (Livorno). Analogo provvedimento a quello preso dal Comune di Livorno in vista della nuova allerta meteo prevista a partire dalla mezzanotte di oggi. Ad annunciarlo il sindaco colligiano Lorenzo
Bacci.
“Siamo in sede di Centro Coordinamento Soccorsi – scrive il sindaco di Colle nel post – Abbiamo appena saputo di una nuova allerta meteo arancione valida dalla mezzanotte alle 13 di sabato, 16 Settembre 2017. Nella giornata di domani saranno precauzionalmente chiuse tutte le scuole di ogni ordine e grado”.
Chiusura scuole anche nei comuni della zona sud della provincia di Grosseto per l’allerta meteo “arancione” diramata dalla Regione Toscana. Non andranno a scuola gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado di Pitigliano, Sorano, Manciano, Capalbio e Orbetello dopo l’emissione di ordinanze da parte dei sindaci.

L'articolo Alluvione Livorno: nuova allerta, Nogarin chiude le scuole proviene da www.controradio.it.

‘Il ritorno di Giovanni Fattori’: evento dedicato alla sua arte

‘Il ritorno di Giovanni Fattori’: evento dedicato alla sua arte

Un evento dedicato all’arte di Giovanni Fattori si terrà nella Maremma Toscana, il prossimo 2 settembre, alle 21 e 30, alla fattoria La Scapigliata, nel Campo Regio di Orbetello.

Il paesaggio della Maremma e della Toscana, reso eterno su tela da Giovanni Fattori, viene restituito alla terra da cui ha origine, in modo moderno e coerente.

L’evento dal titolo “Il paesaggio restituito: un imprevedibile ritorno di Giovanni Fattori in Maremma”, è promosso dall’azienda agricola La Scapigliata, in collaborazione con il Museo Fattori del Comune di Livorno.

Nel “Campo dei sogni” – così lo hanno voluto chiamare Guido e Aurelia, proprietari della Scapigliata, il luogo scelto per questo evento – la sera del 2 settembre i quadri di Fattori prenderanno forma nella terra di Maremma, attraverso suggestive proiezioni paesaggistiche di grandi dimensioni, su un fronte di 450 metri circa.

Una selezione di foto d’epoca, dipinti e acqueforti e disegni tra i suoi più famosi, si susseguiranno nella suggestiva proiezione in notturna per raccontare l’attività fattoriana ispirata dai luoghi maremmani. Tra questi, i celebri Mandrie Maremmane e Campagna romana, conservati nel Muso Fattori di Livorno  e Marcatura dei puledri in Maremma e Marcatura dei torelli conservati in collezioni private.

L’evento è un omaggio ad uno dei più importanti pittori italiani dell’800, celebre esponente dei Macchiaioli e profondo conoscitore della Maremma, che frequentò assiduamente nell’arco della vita per ritrarla in alcune delle opere più celebri.
Le proiezioni porteranno la firma del multivision designer Paolo Buroni, esperto di fama internazionale in proiezioni architettoniche e paesaggistiche.

L’assessore alla cultura Francesco Belais: “Poter ammirare alcune delle più belle opere di Giovanni Fattori in un contesto tanto suggestivo e, al tempo stesso, di onorare la figura di questo grande artista è per noi motivo di enorme soddisfazione. Il nostro Museo Fattori, a lui intitolato, ospita un’importante collezione dei suoi dipinti, così come di altri importanti autori macchiaioli e postmacchiaioli nonché tre opere di Amedeo Modigliani, ed è visitato ogni anno da migliaia di persone.

E continua: “Credo tuttavia che iniziative come questa, alla quale abbiamo aderito molto volentieri, hanno il merito di portare l’arte tra la gente al di fuori dei contesti istituzionali e, di conseguenza, avvicinare o semplicemente stimolare la curiosità in quante più persone. Livorno è sicuramente, tra le toscane,  la città che tra l’Otto e il Novecento ha dato il contributo storico artistico più significativo ed è nostro intento valorizzare sempre di più il suo grande patrimonio artistico, anche attraverso questo tipo di eventi”.

Studiosi del Museo Fattori di Livorno accompagneranno questa suggestiva riproduzione delle opere fornendo un supporto storico e critico alla lettura dell’arte di Fattori.

Elenco delle opere di Giovanni Fattori oggetto della video-proiezione:

OPERE PITTORICHE: Autoritratto – Ritratto di Amalia Nollemberg – Raccolta del fieno in Maremma – Il riposo (Il carro rosso) – Marcatura dei puledri in Maremma – Marcatura dei torelli – Il salto delle pecore – Mandrie maremmane – Butteri e mandrie in maremma – Campagna romana – Bovi

DISEGNI PREPARATORI: Otto disegni per Mercatura dei Puledri in Maremma, tre disegni per Marcatura dei torelli, due disegni per Il salto delle pecore, due disegni per Mandrie maremmane, un disegno per Butteri e mandrie in Maremma, un disegno per Campagna romana

Per informazioni: LA SCAPIGLIATA SOCIETA’ AGRICOLA SRL 86, Strada Bagnacci – 58015 Orbetello (GR) – Tel. 0564 885519

L'articolo ‘Il ritorno di Giovanni Fattori’: evento dedicato alla sua arte proviene da www.controradio.it.

Uova contaminate: 200 sequestrate a Orbetello

Uova contaminate: 200 sequestrate a Orbetello

Le uova, provenienti da un fornitore del Lazio, sarebbero risultate contaminate con il Fipronil.

Circa 200 uova sono state sequestrate in un negozio di Orbetello (Grosseto) dal servizio di sicurezza alimentare del dipartimento della prevenzione della Asl.  La segnalazione è arrivata dal laboratorio zooprofilattico di Roma, l’istituto indicato dal ministero della salute di predisporre campionamenti in tutta Italia di uova e di carne di gallina ovaiola.

 

Il fluocianobenpirazolo è un insetticida ad ampio spettro che disturba l’attività del sistema nervoso centrale dell’insetto. Viene usato prevalentemente come antipulci, ed è un veleno a lenta attività d’azione: una volta inserito in un’esca, l’insetto viene avvelenato e non muore istantaneamente ma ha il tempo di ritornare alla colonia o nella tana. E’ categoricamente vietato nei trattamenti anti-pulci di animali destinati al consumo umano, perché pericoloso per fegato, reni e tiroide.

I rischi sono strettamente legati alla quantità di sostanza ingerita, ma non sono da escludere complicazioni soprattutto per i bambini.

L'articolo Uova contaminate: 200 sequestrate a Orbetello proviene da www.controradio.it.