‘Specchi’, riflessioni sulla traduzione a S. Gimignano

‘Specchi’, riflessioni sulla traduzione a S. Gimignano

L’iniziativa è in programma sabato 21 e domenica 22 ottobre ed è inserita nel cartellone di eventi della Regione Toscana “Ma Dove? In Biblioteca”. Due giorni per confrontarsi su sfide e implicazioni della traduzione con docenti, scrittori e traduttori

Specchi che riflettono un’immagine o un testo, una storia o un’atmosfera. La traduzione mette inevitabilmente in gioco questa capacità: non è solo “condurre oltre” – dal latino “trans” e “ducere” – ma anche restituire in un clima di autenticità che rifletta – è il caso di dire in una duplice accezione – la lingua di provenienza e quella di approdo. Per questo, si parla della traduzione, delle sue sfide e delle sue implicazioni proprio a San Gimignano nelle giornate di sabato 21 e domenica 22 ottobre.

Nella città delle Torri tante lingue provenienti da ogni parte del mondo si intrecciano, sotto il comune denominatore dell’Arte, della Cultura e della Storia. Coorganizzato dal Comune di San Gimignano e con il Patrocinio dell’Università per Stranieri di Siena – Ateneo Internazionale, “Specchi – Riflessioni Contemporanee sulla Traduzione” è alla sua prima edizione e punta a chiamare e a coinvolgere attivamente docenti, scrittori, traduttori e operatori del settore per valorizzare quest’attività preziosa nell’ambito letterario e in tanti altri contesti, complice la globalizzazione dei saperi e delle conoscenze. Una nuova partenza per un appuntamento che intende crescere nel tempo.

“Siamo contenti e orgogliosi di tenere a battesimo la prima edizione di quest’iniziativa che a San Gimignano trova una giusta dimensione – commenta l’assessore alla Cultura e al Turismo Carolina Taddei – e che propone una serie di incontri e appuntamenti di spessore, adatti sia ad un pubblico di addetti ai lavori che di neofiti o di semplici appassionati”.

Il programma I lavori si apriranno sabato 21 ottobre alle 10:00 presso la Biblioteca Comunale “Ugo Nomi Venerosi Pesciolini” con una tavola rotonda con i docenti dell’Unistrasi Anna Di Toro, Akeel Almarai, Giulia Marcucci. Si riprende nel pomeriggio con la seconda sessione alle 14.30: interverranno Andrea Di Gregorio, traduttore, tra gli altri, di Petros Markaris, il “Camilleri” greco, e Daniela Di Sora, traduttrice ed editrice della Voland, che ha fatto conoscere al pubblico italiano Amelie Nothombe. Infine, sarà presentata anche la rivista letteraria bilingue italiano-inglese TheFLR – The Florentine Literary Review. La prima giornata si concluderà con un concerto della band Perfect Cluster al Teatro dei Leggieri alle ore 22.

Si proseguirà domenica mattina 22 ottobre alle 10.30 con alcuni approfondimenti e discussioni. “Specchi – Riflessioni Contemporanee sulla Traduzione” intende valorizzare anche giovani tesisti che interverranno nel corso della manifestazione, lasciando loro spazio di espressione e di confronto con gli studenti ospiti della manifestazione. L’iniziativa in programma, interamente ad ingresso gratuito, è inserita nel cartellone di eventi della Regione Toscana “Ma Dove? In Biblioteca”, campagna di promozione delle biblioteche.

L'articolo ‘Specchi’, riflessioni sulla traduzione a S. Gimignano proviene da www.controradio.it.

SRT 429: inaugurata bretella stradale fra San Gimignano e Barberino

SRT 429: inaugurata bretella stradale fra San Gimignano e Barberino

Inaugurato il 4 agosto il nuovo collegamento stradale fra vecchia e nuova SRT 429 tra le località Zambra e Cusona, in corrispondenza del confine tra i Comuni di San Gimignano e Barberino Val d’Elsa. Al taglio del nastro il presidente Enrico Rossi e l’assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli.

“Per fare quest’opera la Regione ha messo 9 milioni – ha detto il presidente Rossi – finanziandola quindi per la gran parte, mentre altri 500 mila euro sono arrivati da RFI. Un intervento importante, che collega due comuni e la zona industriale con la nuova 429 e permette di superare il passaggio a livello. Il tutto in uno scenario bellissimo”.

E continua: “Siamo nella parte bella della Toscana che qui, se vogliamo, lo ancora di più. E da un punto di vista architettonico anche il ponte è bello. E’ un periodo che inauguriamo molti bei ponti in Toscana, l’ultimo prima di questo a Stadano. Credo che aver superato l’idea che i ponti si debbano fare con piloni di cemento sia un segno di ritorno alla civiltà, una cosa che dovevamo a una regione unica. Pensate all’impatto, in un luogo come questo, di un ponte in cemento. Per questo faccio i miei complimenti ai tecnici della Provincia di Siena per il lavoro svolto.

“Anche nella parte empolese della SRT 429 – ha concluso Rossi – i lavori stanno andando avanti; da quando l’abbiamo ripresa in carico c’è stata una svolta e mi auguro che anche dal governo arrivino i fondi per il completamento dell’opera”.

Il costo complessivo dell’opera, realizzata dalla Provincia di Siena, ammonta a 9 milioni e 92 mila euro, interamente finanziato dalla Regione. Si tratta di una bretella di collegamento in viadotto tra la vecchia SRT 429 in località Zambra (comune di Barberino Valdelsa) e la nuova variante già realizzata dalla Provincia di Siena sul tratto Poggibonsi-Certaldo, in località Cusona (Comune di S. Gimignano). La bretella risolve le difficoltà di accesso alla zona industriale e permette l’eliminazione del passaggio a livello ferroviario.

Il contratto con l’impresa è stato firmato dalla Provincia di Siena nel mese di marzo 2014. Il progetto esecutivo è stato completato nel novembre 2014 e i lavori sono iniziati a fine 2014.

Ceccarelli ha commentato: “Un’opera davvero importante che unisce due zone industriali nel cuore produttivo della Toscana. Il superamento del passaggio a livello inoltre permette di dar maggior regolarità al traffico ferroviario, ai treni che da Siena vanno verso Empoli”.

Aggiunge l’assessore: “Un’opera realizzata entro i tempi della programmazione, e questo è un altro elemento da sottolineare: in un momento così difficile per gli investimenti e le opere pubbliche la Toscana sta dimostrando, con questi 9 milioni di euro, di credere nell’efficientamento, nell’ammodernamento e nella qualificazione delle proprie infrastrutture”.

Nell’ambito dell’appalto principale, grazie anche ad un contributo di mezzo milione di euro di RFI, è stata anche realizzata, tramite accordo tra Provincia di Siena, RFI e Comune di Barberino Valdelsa, la viabilità di emergenza a servizio del complesso Molino di Zambra per soppressione passaggio a livello. Alcune lavorazioni secondarie (sistemazioni idrauliche, impianto di emergenza progettato al fine di gestite in maniera automatica l’emergenza idraulica, sistema di informazione all’utenza), saranno completate entro settembre.

Sempre l’assessore Ceccarelli ha poi fatto rapidamente il punto circa lo stato di realizzazione della 429-bis Empoli-Castelfiorentino, tratto sottoposto a gestione commissariale.

“Per quanto riguarda il lotto IV – ha detto – è in corso di redazione il progetto esecutivo. Per il lotto V, la cui gara sarà indetta dalla Città Metropolitana di Firenze, è previsto l’avvio dei lavori nel 2018. Infine, il lotto VI è stato completato nei tempi contrattuali e l’apertura al traffico è avvenuta lo scorso 11 luglio”.

L'articolo SRT 429: inaugurata bretella stradale fra San Gimignano e Barberino proviene da www.controradio.it.