Povertà: legna del fiume per meno abbienti Lunigiana

Povertà: legna del fiume per meno abbienti Lunigiana

La legna del fiume Magra, nell’alveo tra Tresana e Licciana, donata alle famiglie meno abbienti in previsione dell’inverno.

La legna del fiume Magra, per chi non può acquistarla: il sindaco di Tresana (Lunigiana, provincia di Massa Carrara), Matteo Mastrini, ha ottenuto l’ok dal Genio civile per mettere a disposizione delle famiglie meno abbienti la legna secca che si trova all’interno dell’alveo del fiume Magra, come dispositivo anti- povertà.
I moduli per farne richiesta saranno disponibili da sabato in Comune. “Ogni giorno parlo con persone in difficoltà – spiega il sindaco Mastrini – che non riescono a pagare le bollette e fare la spesa. Sta arrivando l’inverno e per qualcuno ci sarà anche il problema di scaldarsi: penso che la grande quantità di legna prelevata dal Magra possa essere donata a chi ha bisogno”.
Occorreva però l’autorizzazione del Genio Civile, scrive il primo cittadino sulla propria pagina facebook, e l’avvio di una pratica inesistente fino ad oggi nella provincia di Massa
Carrara. “C’è stato bisogno di una autorizzazione specifica ed oggi è fatta, la legna si potrà prelevare nel solo tratto di alveo compreso tra Tresana e Licciana e donata ai cittadini. La
priorità sarà data alle famiglie meno abbienti”.

L'articolo Povertà: legna del fiume per meno abbienti Lunigiana proviene da www.controradio.it.