FIRENZE, NUOVO PIANO DI IMPIEGO MIGRANTI IN LAVORI SOCIALMENTE UTILI

profughi puliranno sponde Arno Firenze piano migranti lavori socialmente utili

Il progetto, presentato e approvato in giunta, durerà un anno e coinvolgerà volontariato, strutture di accoglienza e Comune. Assessore Funaro: “obiettivo impiegare tutti migranti in città.”

Migranti impegnati in attività di volontariato e lavori socialmente utili in base a convenzioni stipulate tra associazioni e gestori delle strutture di accoglienza, sotto la direzione del Comune, che coordinerà le varie attività affinché i profughi abbiano compiti diversi. È quanto prevede il progetto sperimentale della durata di un anno che prenderà il via a breve grazie all’approvazione oggi in giunta della delibera presentata dall’assessore all’accoglienza Sara Funaro.

L’atto dà il via libera alla pubblicazione dell’avviso pubblico rivolto a enti e associazioni del terzo settore, che avverrà lunedì prossimo, 12 giugno, sulla Rete civica del Comune, www.comune.fi.it. “Il nostro obiettivo è che il 100% dei migranti che accogliamo in città siano impegnati in attività di volontariato e lavori di pubblico interesse utili sia a loro stessi che alla collettività – ha commentato Funaro – È importante che i migranti accolti non siano inattivi perché questo potrebbe avere effetti negativi sul tessuto sociale, pertanto per ovviare a questa situazione riteniamo opportuno incentivare maggiormente percorsi finalizzati a superare la loro condizione di passività attraverso attività varie”.

The post FIRENZE, NUOVO PIANO DI IMPIEGO MIGRANTI IN LAVORI SOCIALMENTE UTILI appeared first on Controradio.

Convenzione Unicoop Firenze per i Musei Civici Fiorentini

Per tutto il 2017 ai soci Unicoop Firenze, dietro presentazione della tessera socio, sarà applicata la gratuità d’accesso con formula 2 X 1 per i seguenti  Musei Civici Fiorentini:

  • Museo di Palazzo Vecchio
  • Museo Stefano Bardini
  • Cappella Brancacci in Santa Maria del Carmine
  • Museo Novecento
  • Fondazione Salvatore Romano
  • Museo del Ciclismo Gino Bartali.

Tale formula sarà applicata sia alle tariffe d’ingresso sia a quelle di servizi di visite/attività.