Firenze: piano per la riqualificazione delle periferie

Firenze: piano per la riqualificazione delle periferie

Cosimo Guccione (PD): “Interventi nelle aree verdi e per l’illuminazione molto richiesti dai cittadini”.

Il Comune di Firenze è rientrato tra le 46 città che hanno ottenuto il diritto al finanziamento nell’ambito del bando del Piano di riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane e che, per la nostra città, riguarderà in particolare Piagge, Brozzi e Quaracchi. Il consigliere PD Cosimo Guccione ha presentato, in Consiglio comunale, un question time al quale ha risposto l’assessora Alessia Bettini.

“Il piano è stato finanziato per un totale di 2 milioni. Oltre un milione – spiega il consigliere Guccione – servirà per la riqualificazione ed il recupero dei giardini delle Piagge e di Brozzi. Saranno riqualificate le aree per lo sport libero, le aree ludiche e l’arredo con un’attenzione anche per le persone diversamente abili. Verranno anche create delle zone wi-fi e la risistemazione del patrimonio arboreo e dell’illuminazione. Circa 380 mila euro verranno investiti nella riqualificazione e nel potenziamento dell’illuminazione pubblica e stradale delle zone limitrofe del quartiere. Altri 300 mila euro saranno investiti nella ristrutturazione di appartamenti Erp. Saranno 16 gli appartamenti che saranno poi assegnati a cittadini in condizione di fragilità. Altri 270 mila euro saranno utilizzati per monitorare criticità sociali e per programmare interventi per contenere fenomeni di disagio sociale”.

“Le realizzazioni si svolgeranno nell’ambito del 2018. Sono soddisfatto di questi progetti – conclude il consigliere PD Cosimo Guccione – anche perché l’area degli interventi necessitava di interventi. Sono inoltre contento che la maggior parte degli interventi interesseranno le aree verdi e di convivialità. Gli interventi di illuminazione, inoltre, sono stati molto richiesti dai cittadini”.

L'articolo Firenze: piano per la riqualificazione delle periferie proviene da www.controradio.it.

Street art, ecco i 53 spazi ‘autorizzati’ di Firenze

Street art, ecco i 53 spazi ‘autorizzati’ di Firenze

Dai piloni del viadotto all’Indiano ai muri dei sottopassi delle Cure, del Gignoro e di piazza Alberti. Ma anche percorsi nel parco delle Cascine, bandoni di alcuni negozi in via dei Neri e arredo urbano in piazza Nannotti.

Sono solo alcuni degli spazi destinati alla Street art contenuti negli elenchi adottati oggi dalla giunta di Palazzo Vecchio su proposta dell’assessore alle Politiche giovanili Andrea Vannucci, che ha recepito le indicazioni dei cinque Quartieri. Un totale di 53 spazi, di cui 35 destinati alla realizzazione di progetti di interesse dell’Amministrazione (o di altri soggetti che ne facciano richiesta) e 18 alla libera espressione artistica dei writers.

“E’ stato un percorso lungo e complesso ma il risultato raggiunto segna una svolta nell’approccio all’arte di strada in questa città – ha detto l’assessore Vannucci – Gli spazi liberi sono utilizzabili già da subito e contiamo di far partire a breve anche gli avvisi per gli spazi d’arte. Ringrazio gli uffici e i quartieri per il lavoro fatto”.

Due gli elenchi approvati recependo le indicazioni arrivate dai cinque Quartieri: spazi liberi e spazi d’arte. Nel primo caso, gli spazi potranno essere utilizzati liberamente dai writers, nel secondo sarà possibile esercitare attività di street art solo partecipando a specifici bandi che saranno pubblicati dall’Amministrazione e dopo la valutazione dei progetti da parte di un’apposita commissione giudicatrice. L’individuazione degli spazi fa seguito al regolamento per la Street art adottato nell’ottobre scorso dal Consiglio comunale su proposta del consigliere con delega alle Politiche giovanili Cosimo Guccione.

Gli elenchi oggetto di approvazione sono modificabili e integrabili in qualsiasi momento dall’Amministrazione. Viene infatti istituito un gruppo di lavoro Street art con l’obiettivo, tra l’altro, di verificare la possibilità di individuare ulteriori spazi da destinare alla realizzazione dei graffiti artistici.

“Dopo alcuni esempi portati avanti negli ultimi anni, con l’approvazione da parte della Giunta dell’elenco degli spazi dove sarà possibile fare street art, Firenze si apre definitivamente a questa forma culturale molto apprezzata dai giovani”. Il consigliere delegato alle politiche giovanili Cosimo Guccione saluta con soddisfazione l’individuazione di 53 luoghi, disseminati in tutti i quartieri, destinati ai graffiti artistici.

“Dopo un lungo lavoro sono stati definiti questi spazi – aggiunge Cosimo Guccione – dando così attuazione al regolamento da me proposto ed approvato in Consiglio comunale lo scorso ottobre. Rimaniamo aperti a ricevere nuove proposte da parte dei writers ed ascoltare anche le associazioni che promuovono questa forma d’arte per promuoverla ancora di più. Finalmente Firenze, in questo modo – conclude il consigliere delegato alle politiche giovanili Cosimo Guccione – potrà avere luoghi dove gli artisti della street art potranno esprimersi liberamente”.

L'articolo Street art, ecco i 53 spazi ‘autorizzati’ di Firenze proviene da www.controradio.it.