Un grandissimo padre di famiglia: Cosimo I de’ Medici

Festa del babbo
Museo di Palazzo Vecchio, Firenze

Cosimo I de’ Medici è molto celebre per le sue imprese e per le la sua costituzione di un unico e solido Stato di Toscana: un acuto e volitivo uomo politico, divenuto signore di Firenze a soli 17 anni ma capace di assicurarsi in pochi anni un governo saldo e potente, protetto dal favore dell’Impero e della Santa Chiesa. Cosimo è però anche marito e padre, avendo sposato nel 1539 Eleonora di Toledo e avendo avuto da lei una nutrita schiera di bambini: Maria, Francesco, Isabella, Giovanni, Lucrezia, Pedricco, Garzia, Antonio, Ferdinando, Anna, Pietro.

Principessine e principini che vivono con i genitori e con tutta la corte nel Palazzo Ducale – oggi Palazzo Vecchio – e che qui trascorrono le loro giornate fra balie e precettori. L’edificio che siamo quindi abituati a guardare e ammirare come palazzo del potere è infatti anche casa, con le sue stanze private e i suoi spazi domestici, nei quali trascorre anche il tempo della famiglia e degli affetti: ed ecco che anche il duca, rigoroso e severo sul fronte pubblico, si abbandona alla semplicità dei rapporti privati  “come un grandissimo padre di famiglia…talmente che è fatto proverbio nella città che il duca si disduca e s’induca quando vuole”. In occasione della Festa del Babbo i Musei Civici Fiorentini  e l’Associazione MUS.E propongono ai bambini e ai loro babbi un percorso alla scoperta di questa straordinaria casa e delle tracce familiari ancora presenti.

Quando: Domenica 19 marzo h10.30 e h12.00
Dove: Museo di Palazzo Vecchio
Per chi: per famiglie con bambini dai 6 ai 10 anni
Costi: bambini €2 (residenti città metropolitana) e €4 (non residenti città metropolitana) – adulti €12 (residenti città metropolitana) e €14 (non residenti città metropolitana) 

Prenotazione obbligatoria.

Per informazioni e prenotazioni:
Tel.055-2768224 055-2768558
Mail info@muse.comune.fi.it

Italiani ed e-health: dati e trend nell’infografica di DocPlanner.it

Politica, shopping, lavoro, pubblicità, salute. Tutto quello di cui si parla e che riguarda la vita di ogni singolo cittadino – fiorentini compresi – passa ormai (anche) dai canali digitali.

L’infografica realizzata da DocPlanner.it, noto portale specializzato nella ricerca di profili medici a Firenze e in altre città d’Italia, si sofferma proprio sull’integrazione tra tecnologia e salute e sull’apporto che la prima – quando ben usata – è in grado di assicurare alla seconda.

Nella maggior parte dei casi, infatti, l’online rappresenta un primo e importante step nel processo che porta all’individuazione e alla cura di un disturbo di salute: merito dell’ampia offerta di app, siti, blog e forum che facilitano gli utenti nel reperimento delle informazioni di cui hanno bisogno.

Secondo quanto illustrato nell’infografica Tecnologia e Salute: Dati e Trend di DocPlanner.it, in particolare, l’85% degli italiani ha utilizzato Internet almeno una volta per cercare informazioni sulla salute. Dai disturbi fisici ai consigli sugli stili di vita da adottare, dalle possibilicure alla ricerca di medici, ospedali, farmaci e integratori alimentari, sembra proprio che il rapporto tra Italiani ed e-health sia piuttosto stretto: il 28% ha partecipato a discussioni online, il 17% ha chiesto pareri medici online, il 16% si è rivolto ai social network e l’11% ha prenotato visite attraverso portali specializzati.

In quest’ottica, le regioni più virtuose sono quelle del Nord, Toscana inclusa. Vi ritrovate nello studio condotto da DocPlanner.it? Qual è il vostro rapporto con l’e-health?


Infografica a cura di docplanner.it

A tu per tu con i Medici. Attività teatralizzate a Palazzo Vecchio

I Musei Civici e l’Associazione MUS.E presentano al pubblico il ciclo di appuntamenti A tu per tu con i Medici. Attività teatralizzate a Palazzo Vecchio. Le iniziative, i cui protagonisti sono personaggi storici della famiglia granducale, offrono una serie di “spaccati” di vita quotidiana che permettono ai partecipanti di approfondire tematiche, abitudini, caratteristiche dell’età moderna e di porle in relazione con il nostro presente. Il linguaggio teatrale è in questo senso una formula vincente, poiché consente di conferire immediatezza, vivacità e “umanità” alle testimonianze che la storia ci ha consegnato.

Si parte domenica 14 febbraio con la vestizione della Duchessa Eleonora, che permette di approfondire i temi dell’igiene, dell’abbigliamento e della moda nel Cinquecento, per proseguire con un “a tu per tu” prima con Anna Maria Luisa de’ Medici, più nota come Elettrice Palatina (21 febbraio) e poi con il Duca Cosimo I de’ Medici (28 febbraio). Gli appuntamenti di marzo sono invece dedicati alle dinamiche di uno sposalizio di alto lignaggio (13 marzo) e ai temi di salute e malattia (20 marzo).

 

Vestizione della Duchessa Eleonora di Toledo – domenica 14 febbraio h16.30

Al popolare proverbio “L’abito non fa il monaco” la duchessa Eleonora di Toledo o il duca Cosimo I de’ Medici avrebbero benissimo potuto rispondere “E’ vero, ma è bene che il monaco si vesta come tale”. In una società in cui le leggi normavano anche il modo di vestire, l’abito indicava a tutti il rango sociale, la professione e il genere. In questo senso, osservare e leggere un vestito cinquecentesco si rivela di estremo interesse: tessuti, colori, tagli e ornamenti permettono di tracciare una vera e propria “carta d’identità” di chi lo indossa. La pièce propone il risveglio della Duchessa Eleonora; donna Lisabetta le sta passando un lino fine su tutto il viso, poi le porge una nuova camicia bianca profumata e gli abiti che la Duchessa indosserà. I preparativi mattutini saranno l’occasione per comprendere quanto differente da oggi fosse nel Cinquecento la concezione del corpo, dell’abbigliamento e dell’igiene personale.

 

A dialogo con l’Elettrice Palatina – domenica 21 febbraio h16.30

Il grande merito di Anna Maria Luisa de’ Medici, più nota come Elettrice Palatina e di cui il 18 febbraio ricorre l’anniversario della morte, ha fondamento nella stesura di un atto giuridico conosciuto con il nome di Patto di Famiglia, grazie a cui l’ultima erede della casata vincola allo Stato – il Granducato di Toscana – tutto il complesso dei beni che facevano parte delle collezioni medicee «… per ornamento dello Stato, per utilità del Pubblico e per attirare la curiosità dei forestieri…»: si deve dunque a Lei la permanenza in Firenze di un patrimonio culturale senza eguali.

L’incontro con il personaggio, seguito da un dibattito con il pubblico, sarà l’occasione per meglio comprendere i tratti della figura e per immergersi nel contesto della Firenze del XVIII secolo, avviando un inedito e coinvolgente dialogo con la storia.

 

Invito alla Reggia di Cosimo I de’ Medici – domenica 28 febbraio h16.30

Dopo un breve percorso in Palazzo, che consente di comprendere le principali caratteristiche della residenza ducale, il pubblico avrà l’onore di essere ricevuto in udienza dal Duca Cosimo I de’ Medici. Il dialogo con il personaggio permetterà un confronto diretto tra la società della Firenze cinquecentesca e l’oggi, inducendo a riflettere su codici e abitudini del presente e restituendo alla decorazione della Reggia medicea un preciso contesto storico e politico.

 

Le nozze della principessa Lucrezia – domenica 13 marzo h16.30

Nella Sala di Clemente VII Giorgio Vasari affresca il matrimonio fra Caterina de’ Medici ed Enrico II di Valois, re di Francia. Negli stessi anni in cui l’artista è al lavoro si celebra il matrimonio fra la quattordicenne Lucrezia, quinta figlia di Eleonora di Toledo e di Cosimo I de’ Medici, con Alfonso d’Este. La pièce propone questa piccola storia di nozze, esemplare della vita di una principessa nell’età del Rinascimento.

 

Il medico e la Granduchessa: salute e malattia nel Rinascimento – domenica 20 marzo h16.30

L’immaginario collettivo tende a identificare la figura del medico del Rinascimento con quella di un ciarlatano, ricordando il personaggio tratteggiato da Molière nelle sue commedie: grazie alla visita dell’eccellente medico Girolamo Mercuriale alla Granduchessa Cristina di Lorena e al successivo dialogo fra medico e pubblico, sarà invece possibile comprendere come i medici dell’età moderna fossero in grado di elaborare diagnosi di una perspicacia sorprendente e conoscessero le virtù di centinaia di erbe e di piante che ancora oggi vengono utilizzate per le loro proprietà curative.

 

Per chi: per tutti, a partire dai 10 anni

Durata: 1h15’

Quando: domenica 14, 21, 28 febbraio e 13,10 marzo h16.30

Costi:

€12,00 – €10 (ridotto 18/25) – €2,00 (ridotto 10/17) – residenti in città metropolitana.

€14,00 – €12 (ridotto 18/25) – €4,00 (ridotto 10/17) – non residenti in città metropolitana.

Riduzione 2×1 soci Unicoop

 

La prenotazione è obbligatoria.

Per informazioni e prenotazioni:

055-2768224 055-2768558

info@muse.comune.fi.it

www.musefirenze.it