Turista morto: c’è un video dell’incidente

Turista morto: c’è un video dell’incidente

Le immagini provengono dalle telecamere interne alla chiesa, fanno vedere in modo chiaro la scena in cui il turista viene colpito dal frammento e saranno utili per le ricostruzioni tecniche dell’incidente.

Un video mostra la morte del turista spagnolo avvenuta ieri dentro la basilica di Santa
Croce, a Firenze. Il documento e’ stato acquisito all’inchiestadella procura di Firenze, che ha aperto un fascicolo per omicidio colposo. Le immagini provengono dalle telecamere
interne alla chiesa, fanno vedere in modo chiaro la scena in cui il turista viene colpito dal frammento e saranno utili per le ricostruzioni tecniche dell’incidente.
   In questa fase le indagini, condotte dai vigili urbani di Firenze, stanno accertando l’organizzazione dell’Opera di Santa Croce, i ruoli, le responsabilita’, le mansioni e i piani di controllo e manutenzione della struttura. Primi documenti sono gia’ stati acquisiti stamani presso gli uffici dell’Opera ma le verifiche vanno avanti.
   Nei vari sopralluoghi che si sono susseguiti da ieri in Santa Croce, anche la polizia scientifica ha effettuato rilievi.
Rimarra’ sotto sequestro tutto il tempo necessario l’area della chiesa dove e’ avvenuto l’incidente e dove c’e’ stato il distacco della pietra.
Oggi intanto si sono svolti gli esami medico legali sul cadavere del turista spagnolo, Daniel Testor Schnell, di 52 anni, rimasto ucciso ieri. L’accertamento fa parte
dell’inchiesta per omicidio colposo aperta dalla magistratura.
Gli inquirenti si riservano di disporre l’autopsia all’esito dell’esame esterno sul cadavere. Ma secondo quanto si apprende, al momento, non ne emergerebbe la necessita’. Tra gli obiettivi della procura c’e’ quello di restituire al piu’ presto la salma del 52enne alla famiglia.
   La pietra avrebbe colpito il turista spagnolo tra spalla e testa, causando traumi mortali fra cui la recisione di vasi sanguigni tra i piu’ importanti.

L'articolo Turista morto: c’è un video dell’incidente proviene da www.controradio.it.