Sanzionati per occupazione indebita negozi del centro

Sanzionati per occupazione indebita negozi del centro

Firenze, tredici negozi del centro storico, controllati dalla Polizia Municipale, sono stati sanzionati per un totale di oltre 7.000 euro per occupazione indebita di suolo pubblico.

Gli agenti della Polizia Municipale hanno controllato tredici attività commerciali sull’asse piazza San Marco-via Cavour-via Martelli, in tutte hanno riscontrato almeno una irregolarità ed i negozi sono stati sanzionati.

Venerdì mattina gli agenti della Polizia Amministrativa della Municipale sono infatti entrati in undici attività commerciali in sede fissa ed in due esercizi di somministrazione ma nessun gestore è risultato essere in regola con la normativa.

C’è chi esponeva le merci od il menù del giorno occupando abusivamente il marciapiede, chi invece aveva affisso i prodotti direttamente sulla facciata dell’edificio ed ancora chi aveva installato mezzi pubblicitari senza averne richiesto l’autorizzazione.

Multato anche il nuovo gestore di un esercizio commerciale per non aver comunicato il cambio di gestione dell’esercizio al Comune.

Complessivamente le sanzioni superano i 7.100 euro.firenzepolizia

“Il decoro della città passa anche dal rispetto delle regole da parte delle attività commerciali – sottolinea l’assessore alla sicurezza urbana e Polizia Municipale Federico Gianassi –. Invito quindi gli operatori a non occupare abusivamente gli spazi su strade e piazze. E ringrazio gli agenti di Polizia Municipale per il loro lavoro quotidiano a tutela della legalità”

L'articolo Sanzionati per occupazione indebita negozi del centro proviene da www.controradio.it.

Sanzionati per occupazione indebita negozi del centro

Sanzionati per occupazione indebita negozi del centro

Firenze, tredici negozi del centro storico, controllati dalla Polizia Municipale, sono stati sanzionati per un totale di oltre 7.000 euro per occupazione indebita di suolo pubblico.

Gli agenti della Polizia Municipale hanno controllato tredici attività commerciali sull’asse piazza San Marco-via Cavour-via Martelli, in tutte hanno riscontrato almeno una irregolarità ed i negozi sono stati sanzionati.

Venerdì mattina gli agenti della Polizia Amministrativa della Municipale sono infatti entrati in undici attività commerciali in sede fissa ed in due esercizi di somministrazione ma nessun gestore è risultato essere in regola con la normativa.

C’è chi esponeva le merci od il menù del giorno occupando abusivamente il marciapiede, chi invece aveva affisso i prodotti direttamente sulla facciata dell’edificio ed ancora chi aveva installato mezzi pubblicitari senza averne richiesto l’autorizzazione.

Multato anche il nuovo gestore di un esercizio commerciale per non aver comunicato il cambio di gestione dell’esercizio al Comune.

Complessivamente le sanzioni superano i 7.100 euro.firenzepolizia

“Il decoro della città passa anche dal rispetto delle regole da parte delle attività commerciali – sottolinea l’assessore alla sicurezza urbana e Polizia Municipale Federico Gianassi –. Invito quindi gli operatori a non occupare abusivamente gli spazi su strade e piazze. E ringrazio gli agenti di Polizia Municipale per il loro lavoro quotidiano a tutela della legalità”

L'articolo Sanzionati per occupazione indebita negozi del centro proviene da www.controradio.it.

Hashish a minorenni, pusher aggrediscono vigile urbano in piazza Indipendenza

Hashish a minorenni, pusher aggrediscono vigile urbano in piazza Indipendenza

Intervento degli agenti della polizia municipale di Firenze in piazza Indipendenza. Tutto è cominciato quando due uomini hanno avvicinato un gruppo di minorenni offrendo loro con insistenza hashish. I ragazzi hanno chiesto aiuto agli agenti della polizia municipale che, dopo aver superato la resistenza violenta degli spacciatori li hanno arrestati.

E’ accaduto sabato pomeriggio in piazza Indipendenza dove due uomini hanno offerto droga ad un gruppetto di tredicenni fiorentini. I minorenni, dopo aver rifiutato, si sono rivolti a due agenti presenti all’interno della stessa piazza.

Nel frattempo tra i due  è scoppiata una lite e uno ha spaccato una bottiglia di vetro in testa all’altro, ferendolo. Immediato l’intervento di due agenti del reparto territoriale della Municipale aiutati anche da due colleghi del reparto Antidegrado sopraggiunti in ausilio.
Gli agenti hanno deciso quindi di portare i due  presso gli uffici del Reparto Antidegrado per procedere con il fermo ma questi, per opporsi, hanno posto forte resistenza tanto che un agente della municipale è stato colpito da un cazzotto in pieno volto.

All’interno del veicolo hanno iniziato a tirare calci e pugni alla portiera nel tentativo di fuggire e non è stato facile per gli agenti della municipale calmare i due che poi sono stati identificati, denunciati all’autorità giudiziaria e tratti in arresto. Si tratta di due trentenni di nazionalità somala con regolare permesso di soggiorno e già noti alle forze dell’ordine. Uno aveva a carico un procedimento di allontanamento da Firenze; in tasca di uno dei due è stato trovato hashish, che gli agenti hanno posto sotto sequestro.

L’uomo che ha colpito l’agente della municipale sarà processato direttamente  dal giudice del tribunale di Firenze per resistenza a pubblico ufficiale, mentre il secondo arrestato è stato portato nel carcere di Sollicciano su disposizione del magistrato di turno, con l’accusa di spaccio aggravato perché rivolto nei confronti di minorenni.

“Ringrazio gli agenti impegnati quotidianamente nei numerosi servizi mirati alla tutela della piazza, che da alcune settimane sono molto sostenuti – ha detto l’assessore alla sicurezza Federico Gianassi – e che ancora una volta hanno contribuito al ripristino della legalità. Esprimo inoltre vicinanza all’agente colpito mentre stava svolgendo come ogni giorno il proprio lavoro”.

L'articolo Hashish a minorenni, pusher aggrediscono vigile urbano in piazza Indipendenza proviene da www.controradio.it.

Rissa in centro Firenze: chiesto presidio sicurezza piazza San Lorenzo

Rissa in centro Firenze: chiesto presidio sicurezza piazza San Lorenzo

Gianassi: richiesto presidio fisso serale per almeno un mese.

Un contingente di forze dell’ordine speciale, fisso, per monitorare la situazione in Piazza San Lorenzo a Firenze, dopo la rissa a sprangate tra passanti e turisti avvenuta ieri: a chiederlo al ministero degli interni è il Cosp, il comitato per l’ordine pubblico al quale prendono parte tra gli altri Prefettura e Comune, riunito stamani. Ad annunciare la richiesta è stato l’assessore comunale alla sicurezza Federico Gianassi.

“Verrà presto inoltrata al ministero – ha detto – ciò che chiediamo è un presidio fisso, almeno in alcuni momenti della giornata, in particolar modo quello serale, per almeno un mese. Quanto è successo ieri – ha concluso Gianassi – è gravissimo”.

A chiedere un presidio è stata, in una nota, anche la Cisl: “a nome dei propri iscritti
che lavorano nel mercato di San Lorenzo, chiede alle autorità preposte di intervenire con un presidio fisso delle forze dell’ordine, al fine di tutelare gli operatori su area pubblica che lavorano onestamente, i commercianti, i residenti e i turisti”.

Dal Cosp di oggi, si apprende poi, è anche emerso che, nell’ottica della riqualificazione dell’area e della piazza vi saranno prossimamente controlli interforze sul commercio abusivo e verifiche di legalità tra i banchi degli ambulanti.

Ha presentato formale denuncia ai carabinieri, che adesso indagano per il reato di lesioni
personali, il 23enne bengalese rimasto ferito in una rissa avvenuta il pomeriggio del 7 novembre nei pressi del mercato di San Lorenzo, a Firenze. Il giovane, che ha riportato lievi contusioni giudicate guaribili in cinque giorni, è un ambulante del mercato.

Secondo il suo racconto, sarebbe stato aggredito da un gruppo di pakistani, con uno dei quali nei giorni precedenti aveva avuto un diverbio dopo che senza volerlo lo aveva urtato mentre era impegnato a spostare il suo banco. In difesa del bengalese sono intervenuti altri connazionali, e i due gruppi di sono fronteggiati anche con delle spranghe di ferro.

Sempre in base al racconto del 23enne, il pakistano lo aveva aggredito anche alcune ore prima della rissa, nella vicina piazza dell’Unita’ d’Italia.

“Nell’indifferenza dell’amministrazione comunale di sinistra, bande di stranieri si stanno impossessando del controllo del territorio in centro a Firenze. La maxi rissa tra 30 persone avvenuta l’altra sera in San Lorenzo, a colpi di mazze di ferro, bastoni e bottiglie, rappresenta un’escalation senza precedenti nel capoluogo toscano. È urgente fare un presidio fisso interforze. Nel frattempo ci chiediamo come intenda reagire il sindaco Pd, Dario Nardella”. Lo afferma il vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, e coordinatore fiorentino di Forza Italia, Marco Stella.

“Quello della sicurezza – sottolinea in una nota – è un problema di prim’ordine in tutta Italia, e Firenze non fa eccezione; ma mentre in altre città si corre ai ripari con misure repressive di controllo, a Firenze il Comune sta a guardare’.

Per Stella, “non è accettabile che due gang rivali di bengalesi e pakistani si affrontino a colpi di spranga in strada, in pieno centro, terrorizzando cittadini e commercianti, e rischiando di ferire i passanti. Serve una svolta, che solo un presidio fisso delle forze dell’ordine in centro potrà garantire”, conclude.

L'articolo Rissa in centro Firenze: chiesto presidio sicurezza piazza San Lorenzo proviene da www.controradio.it.

Arrivano oltre 200 telecamere di sorveglianza

Arrivano oltre 200 telecamere di sorveglianza

Firenze, la giunta comunale ha approvato due delibere relative all’implementazione del numero delle telecamere installate in città, con 5 milioni di budget per il sistema di videosorveglianza.

La prima delibera, che consentirà l’incremento delle telecamere di sicurezza in città, a firma dell’assessore alla sicurezza urbana e Polizia Municipale Federico Gianassi, stanzia 4 milioni di euro di fondi statali grazie al “Patto per Firenze”; la seconda, a doppia firma dell’assessore Gianassi e dell’assessore ai lavori pubblici Stefano Giorgetti, invece prevede ulteriori risorse, sempre statali, pari a 700mila euro in arrivo dal “Piano delle periferie”.

Attualmente il sistema di videosorveglianza è costituito da circa 350 collegate con una rete in fibra ottica a un sistema centrale di supervisione, gestione ed archiviazione.

Le immagini sono rinviate dal sistema in tempo reale alle sale operative di Polizia Municipale, Questura, Carabinieri oltre che alle sale gestione semaforiche della Direzione Mobilità e della Silfi e alle sale operative del 118, della Protezione civile e dei Vigili del Fuoco.

Con le delibere approvate si prevede l’implementazione attraverso l’installazione di ulteriori  200 telecamere ma anche con la realizzazione di nuove dorsali di rete in fibra ottica, di nuovi apparati locali di distribuzione della rete, di nuovi video server per l’acquisizione e registrazione delle immagini presso il sistema centrale di supervisione e gestione.

Le nuove telecamere saranno installate in tutti i quartieri della città, nelle zone maggiormente sensibili, tenendo conto sia delle priorità concordate con la prefettura in sede di Cosp sia delle segnalazioni in arrivo dai presidenti di Quartiere.

 

L'articolo Arrivano oltre 200 telecamere di sorveglianza proviene da www.controradio.it.