Pietrasanta: Mallegni si dimette da sindaco per candidarsi politiche

Pietrasanta: Mallegni si dimette da sindaco per candidarsi politiche

“Ho grande voglia di portare la mia esperienza di sindaco in Parlamento e un contributo da legislatore al mio territorio”. Lega: dimissioni Maligni deleterie per centrodestra unito.

Massimo Mallegni rassegnerà le sue dimissioni da sindaco di Pietrasanta. Lo farà stasera o al più tardi domani mattina, giorno ultimo per consegnare le sue dimissioni e potersi candidare alle prossime elezioni politiche. Lo ha annunciato lo stesso primo cittadino ai dipendenti in occasione della presentazione del resoconto di metà mandato che si è tenuta questa mattina al Teatro Comunale.
Mallegni era stato eletto, per la terza volta dopo le esperienze del 2000-2005 e 2005-2010, nel giugno 2015 con un ampio consenso con una lista civica sostenuta da Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d’Italia. Mallegni è attualmente vice coordinatore vicario di Forza Italia in Toscana e vice presidente dell’Aicree. La sua prima uscita ufficiale da sindaco dimissionario sarà la tre giorni di Fiuggi organizzata da Antonio Tajani a cui è atteso il Presidente Berlusconi per la chiusura.
“Si tratta di uno dei momenti più brutti della mia vita – ha detto Mallegni – per l’amore che ho nei confronti della città, la mia città, per gli amici ed i cittadini per cui nutro grande rispetto. É stata una delle decisioni più difficili ma ho grande voglia di portare la mia esperienza di sindaco in Parlamento e un contributo da legislatore al mio territorio, alla Versilia e alla Toscana. Il Presidente Berlusconi mi ha chiesto di candidarmi al Parlamento e di occuparmi, in vista delle elezioni, di temi nazionali e civismo ricucendo lo strappo tra la politica e la diffidenza dei cittadini nei suoi confronti. Vogliamo convincere chi non va a votare del nostro progetto per il Paese ripartendo dal basso, dalla gente, dai comuni”.
Mallegni ha anche spiegato che “potrei rimanere a fare il sindaco ed aspettare una chiamata dopo le politiche che ci vedranno sicuramente protagonisti, conservando il compenso e la possibilità di continuare ad amministrare la città, ma non lo faccio perché sono una persona seria e voglio assumermi la responsabilità di questa decisione. Ho voglia di provarci e di mettere a frutto l’esperienza di sindaco, di chi è stato in trincea per tanti anni, nell’interesse delle comunità”.
In merito alle dimissioni si è espressa il consigliere regionale della Lega nord Elisa Montemagni. “Adesso che anche in Toscana la Lega Nord è forza trainante di un progetto nazionale che vede il centrodestra unito espugnare le storiche roccaforti della sinistra, non possiamo permetterci di perdere le amministrazioni comunali che sono il perno per la conquista della Toscana alle prossime elezioni regionali. Personalismi come quello di Mallegni sono quindi deleteri e rischiano di danneggiare questo progetto che parte dal basso e che ci viene chiesto a gran voce dai cittadini”.
“Sono profondamente amareggiata per questa decisione che arriva come un fulmine a ciel sereno – sottolinea in una nota -. Ricordo di essere stata la prima a sostenere la sua candidatura quando, d’accordo con tutti i militanti della Lega Nord di Pietrasanta, gli chiedemmo con forza di candidarsi a sindaco e di tornare a governare una città che in mano alla sinistra aveva perso l’attrattività e la buona amministrazione che l’ha sempre
caratterizzata”.
“Mi sarei aspettata quanto meno una telefonata di cortesia istituzionale anche per rendere partecipe la Lega di questa sua decisione, che crediamo dovesse essere condivisa da tutti quei partiti che lo hanno sostenuto e fatto votare da un numero consistente di elettori” conclude.

L'articolo Pietrasanta: Mallegni si dimette da sindaco per candidarsi politiche proviene da www.controradio.it.

COMUNALI TOSCANA, LEGA ‘AMMONISCE’ FI-FDI: “OK COALIZIONI MA NO AMBIGUITA’”

Lega Nord Comunali Toscana

“Con Lega forte in Toscana è finita l’epoca degli accordi al ribasso con il Pd: patti chiari amicizia lunga” così la Lega mette in guardia gli alleati di centrodestra: “a Rignano,Forte dei Marmi e Quarrata hanno tradito nostro patto.”

L’unità della coalizione ha permesso successi insperati ma ci è spiaciuto vedere alcuni esponenti di punta di Fi festeggiare per la vittoria della sinistra a Forte dei Marmi o a Rignano sull’Arno. Dispiace che a Quarrata Fdi non sia riuscita a presentare la propria lista e che i suoi esponenti di punta abbiano corso contro Giancarlo Noci, nostro candidato. In questi comuni il patto regionale tra le forze di centrodestra è stato tradito”. Lo affermano il segretario toscano della Lega nord Manuel Vescovi e il responsabile enti locali del Carroccio regionale Andrea Barabotti.

“Alle ultime elezioni regionali – ricordano in una nota – la Lega nord ha doppiato Fi e quintuplicato Fdi. Occorre rimarcarlo oggi perché vediamo tanti esponenti di primo piano del centrodestra dividersi tra conferenze stampa, social network e quant’altro per accaparrarsi il merito dei risultati ottenuti in Toscana”. “Per il futuro ‘patti chiari amicizia lunga’ – conclude la Lega nord -. Vogliamo poter lavorare serenamente per la nostra gente ma continueremo a farlo insieme a Forza Italia e a Fratelli d’Italia soltanto se si chiariranno le problematiche emerse in questo ultimo turno amministrativo. Basta ambiguità, si mettano da parte gli interessi di bottega e si allontani dal centrodestra chi guarda con nostalgia agli accordi al ribasso di Verdini e Co”.

The post COMUNALI TOSCANA, LEGA ‘AMMONISCE’ FI-FDI: “OK COALIZIONI MA NO AMBIGUITA'” appeared first on Controradio.

COMUNALI TOSCANA, LEGA ‘AMMONISCE’ FI-FDI: “OK COALIZIONI MA NO AMBIGUITA’”

Lega Nord Comunali Toscana

“Con Lega forte in Toscana è finita l’epoca degli accordi al ribasso con il Pd: patti chiari amicizia lunga” così la Lega mette in guardia gli alleati di centrodestra: “a Rignano,Forte dei Marmi e Quarrata hanno tradito nostro patto.”

L’unità della coalizione ha permesso successi insperati ma ci è spiaciuto vedere alcuni esponenti di punta di Fi festeggiare per la vittoria della sinistra a Forte dei Marmi o a Rignano sull’Arno. Dispiace che a Quarrata Fdi non sia riuscita a presentare la propria lista e che i suoi esponenti di punta abbiano corso contro Giancarlo Noci, nostro candidato. In questi comuni il patto regionale tra le forze di centrodestra è stato tradito”. Lo affermano il segretario toscano della Lega nord Manuel Vescovi e il responsabile enti locali del Carroccio regionale Andrea Barabotti.

“Alle ultime elezioni regionali – ricordano in una nota – la Lega nord ha doppiato Fi e quintuplicato Fdi. Occorre rimarcarlo oggi perché vediamo tanti esponenti di primo piano del centrodestra dividersi tra conferenze stampa, social network e quant’altro per accaparrarsi il merito dei risultati ottenuti in Toscana”. “Per il futuro ‘patti chiari amicizia lunga’ – conclude la Lega nord -. Vogliamo poter lavorare serenamente per la nostra gente ma continueremo a farlo insieme a Forza Italia e a Fratelli d’Italia soltanto se si chiariranno le problematiche emerse in questo ultimo turno amministrativo. Basta ambiguità, si mettano da parte gli interessi di bottega e si allontani dal centrodestra chi guarda con nostalgia agli accordi al ribasso di Verdini e Co”.

The post COMUNALI TOSCANA, LEGA ‘AMMONISCE’ FI-FDI: “OK COALIZIONI MA NO AMBIGUITA'” appeared first on Controradio.

MOZIONE SFIDUCIA CENTRODESTRA A ROSSI, PD: “RIDICOLO PRESENTARLA”

Rossi Mozione sfiducia

La mozione di sfiducia annunciata dai capigruppo toscani di Fratelli d’Italia, Lega Nord e Forza Italia: “teatrino Rossi-Marras è indecoroso.” Pd: “mozione ridicola, esamineremo nostra attività governo ma andiamo avanti.”

“Il teatrino fra il governatore della Toscana Enrico Rossi e il capogruppo del Pd Leonardo Marras è indecoroso, così abbiamo pensato di toglierli dall’imbarazzo: presenteremo noi del centrodestra una mozione di sfiducia nei confronti di Enrico Rossi. Se veramente c’è l’intenzione di restituire la parola agli elettori con noi sfondano una porta aperta: siamo pronti al voto in qualsiasi momento”. E’ quanto affermano i capigruppo in Consiglio regionale della Toscana di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli, di Forza Italia Stefano Mugnai e della Lega Nord Manuel Vescovi.

“Comprendiamo che sia in corso uno psicodramma nel centrosinistra per il pessimo risultato alle amministrative – aggiungono in una nota -, ma non è accettabile che coloro i quali si sono presentati agli elettori insieme e con un unico programma si disimpegnino oggi solo in polemiche interne ai giochi della politica”. Per gli esponenti del centrodestra, “la giunta Rossi ha di fatto rinunciato a governare la Regione, come dimostrano lo scarso numero e l’inconsistenza dei provvedimenti sottoposti al Consiglio regionale”. “La verità è che il centrosinistra pensa solo a litigare su Renzi disinteressandosi completamente dei bisogni dei cittadini – concludono – non stanno governando la Toscana, per questo chiediamo di porre fine a questa triste agonia”.

“La mozione di sfiducia a Rossi? Sciocco evocarla, ridicolo presentarla. Il centrodestra può evitare di perdere tempo in iniziative di propaganda”. Lo afferma il consigliere regionale e vicesegretario del Pd toscano Antonio Mazzeo in merito alla mozione di sfiducia. “Una verifica dell’attività di governo a metà legislatura è doverosa. E la faremo – aggiunge in una nota -. Per migliorarci. Ma il nostro obiettivo, come ripetiamo da mesi, è arrivare alla scadenza naturale del mandato rispettando il programma premiato dagli elettori nel 2015 perché davvero riformista e capace di dare prospettive e sviluppo alla Toscana”. “L’hanno capito tutti, lo capiranno anche Donzelli, Mugnai e Vescovi con buona pace del loro ennesimo tentativo di buttarla in caciara”, conclude.

The post MOZIONE SFIDUCIA CENTRODESTRA A ROSSI, PD: “RIDICOLO PRESENTARLA” appeared first on Controradio.

COMUNALI, IL CENTRODESTRA AVANZA: “TOSCANA NON PIU’ COSI’ ROSSA”

Comunali Toscana non più così rossa

“Il vento è cambiato” ha affermato Mugnai (Fi) sulle comunali in Toscana:  “abbiamo ampie possibilità vittoria ballottaggi, saliti da 3 a 9 comuni.” Fdi: “spingiamo vittoria centrodestra in Toscana.”

Del primo risultato delle comunali in Toscana “siamo più che soddisfatti, venivamo da tre piccoli comuni amministrati prima del voto e dopo il primo turno siamo saliti a 9, con ampie possibilità di successo a Lucca e Pistoia. Mi sembra che il vento sia cambiato” e “abbiamo buone possibilità di fare un filotto storico in Toscana”. Lo ha detto il coordinatore toscano di Fi e capogruppo azzurro in Consiglio regionale Stefano Mugnai commentando l’esito del voto in Toscana per il partito e il centrodestra.

“Adesso l’attenzione si concentra sui ballottaggi – ha aggiunto -, ai quali noi andiamo con entusiasmo e quelli del invece Pd ci vanno depressi, e abbiamo il dovere di trasformare un risultato già magnifico in un risultato che va oltre le più rosee aspettative”. “Soprattutto a Lucca il margine è veramente ridotto e a Pistoia un po’ più marcato – ha detto ancora -. Il Pd può tranquillamente perdere tutti e tre i ballottaggi e il centrodestra unito può vincere a Lucca e Pistoia”. Secondo Mugnai “i candidati del Pd o comunque del centrosinistra avranno delle difficoltà in più rispetto a noi. Bertinelli a Pistoia e Tambellini a Lucca sono già in saturazione e un voto in più non lo prendono. In questa stagione politica chi va a ballottaggio contro candidati Pd ha buone probabilità di vincere, in Toscana come altrove”.

“La Toscana non è più così rossa: Fratelli d’Italia ottiene un consenso eccezionale, avanza in tutta la Regione e spinge il centrodestra alle vittorie. Dopo le vittorie di Grosseto e Arezzo il centrodestra segna oggi altre affermazioni nei comuni capoluogo  siamo convinti che i ballottaggi diranno in maniera ancora più forte che la Toscana ha voglia di cambiare”. Lo afferma il coordinatore dell’esecutivo nazionale Fdi e capogruppo in Consiglio regionale Giovanni Donzelli.

“Complimenti ai nostri dirigenti Diego Petrucci, eletto sindaco ad Abetone-Cutigliano, e ad Alessandro Tomasi che va al ballottaggio a Pistoia – aggiunge in una nota -: risultati importanti che sottolineano una volta di più il valore delle nostre battaglie e dei nostri dirigenti sul territorio”. Fdi, dice ancora, “piazza risultati ottimi in tutta la Toscana, da Lucca a Pistoia, città in cui diventa la seconda forza più grande dietro al Pd, sfiorando il 10% di lista oltre al quale bisogna sottolineare il 5% dei voti della civica vicina al sindaco Tomasi, e porta Diego Petrucci, coordinatore nazionale del movimento ‘Terra Nostra – Liste civiche per Giorgia Meloni’ ad una storica elezione nella montagna Pistoiese”.

Per Donzelli “Fratelli d’Italia fa registrare numeri importanti in tantissimi piccoli comuni di tutta la Regione, a dimostrazione che i suoi dirigenti, dalle città alla piccola realtà, hanno saputo parlare a tutti i cittadini”.

The post COMUNALI, IL CENTRODESTRA AVANZA: “TOSCANA NON PIU’ COSI’ ROSSA” appeared first on Controradio.