CIBO A DOMICILIO? A FIRENZE E’ UN SALASSO

CIBO A DOMICILIO? A FIRENZE E’ UN SALASSO

Firenze la più cara in Italia,  Bari la più economica. Just Eat monitora 14 città,hamburger a Torino costa -20% di Roma

In particolare, Una pizza margherita a domicilio ha una spesa media di 5 euro a livello nazionale e a Firenze costa il 45% in più che a Napoli e il 22% in più rispetto a Milano. Mentre a Torino si spende il 20% in meno per un hamburger rispetto alla capitale. A monitorare gli scontrini del food delivery in 14 città italiane è Just EatEconomic Index. La prima edizione del report analizza le differenze di prezzo di tra i piatti più ordinati a domicilio e ritenuti uguali (stessa quantità/porzioni e ingredienti generali) da Nord a Sud nelle diverse città, selezionati tra le cucine preferite: pizza margherita (italiano), cheeseburger (americana) euramakicalifornia (giapponese). Le città che hanno speso di più in food delivery negli ultimi sei mesi, sottolinea il report di Just Eat, sono Milano in cucina giapponese, e Roma in pizza e hamburger nello stesso periodo. “Sempre più persone si affidano al food delivery – conclude Daniele Contini, Country Manager di Just Eat in Italia – per mangiare all’insegna della varietà, della qualità e in modo conveniente, un trend che continua a crescere sia come abitudine di consumo, sia come nuova voce nel bilancio familiare”. In generale, ordinando cibo a domicilio piatti della cucina giapponese e hamburger risultano i più cari, con una media di spesa per una porzione di uramaki California di 7 euro e di 6.75 euro per un cheeseburger da mangiare a casa. La pizza invece è sempre la più accessibile, con una media nazionale di 5 euro per una margherita a domicilio.

L'articolo CIBO A DOMICILIO? A FIRENZE E’ UN SALASSO proviene da www.controradio.it.

Ancora scippi a Firenze

Ancora scippi a Firenze

Una donna scippata borsa a Firenze mentre era in macchina e un anziano scippato della catenina in poche ore a Firenze. Ieri le forze dell’ordine hanno fermato un uomo che viaggiava con una mannaia nello zaino

Tiene il finestrino dell’auto aperto e la borsa sul sedile del passeggero, un uomo in scooter
nota tutto, si ferma e la scippa. E’ successo a Firenze ieri sera, al semaforo tra via Marconi e viale dei Mille.
L’automobilista si era fermata col ‘rosso’ in attesa di ripartire ma il malvivente ha colto l’occasione per rubare facilmente la borsa che conteneva poche decine di euro, un
telefono e i documenti personali. Ora la polizia sta visionando le immagini delle telecamere nella zona per rintracciare lo scippatore.

Altro scippo ieri sera. Vittima uomo di 75 anni a Firenze che camminando per  strada è stato scippato della catenina d’oro. E’ successo a un, ieri sera, in piazza don Pietro Puliti. Mentre percorreva la stessa piazza è stato avvicinato da due malviventi coi volti coperti da casco ed entrambi a bordo di uno scooter. Uno gli ha strappato dal collo la catenina in oro, quindi sono fuggiti. La vittima comunque non ha avuto lesioni. Indagini in corso da parte dei carabinieri della Compagnia Oltrarno.

Da segnalare anche un altro  curioso fatto di cronaca. Va in bici e nello zaino porta
anche una mannaia, insieme a un coltellino e a un taglierino:così i carabinieri del 112 hanno denunciato un algerino di 27 anni controllato mentre pedalava nel centro di Firenze ieri
sera, in via Strozzi. E’ accusato di false dichiarazioni sull’identità e di porto abusivo di armi ed oggetti atti ad offendere. In Italia è senza fissa dimora e ha qualche precedente.
L’uomo alla vista dei militari ha aumentato la sua pedalata con l’intento di fuggire, ma li ha insospettiti. I carabinieri infatti si sono messi all’inseguimento, bloccandolo poco dopo.Durante l’identificazione ha fornito false generalità ed è stato infatti denunciato anche per questo.

L'articolo Ancora scippi a Firenze proviene da www.controradio.it.

MUSICA: CRANBERRIES ANNULLANO TOUR. NIENTE CONCERTI AL VISARNO

The Carnberries I Cranberries annullano il tour europeo: tutti i concerti della band previsti dal 30 maggio al 30 agosto sono cancellati. Lo annuncia Live Nation, spiegando che “i medici hanno ordinato a Dolores O’Riordan di non riprendere il tour come programmato, affinché possa completare le terapie che sta seguendo e raggiungere una piena guarigione”.

“E’ con enorme dispiacere – hanno commentato the Cranberries – che cancelliamo questi concerti. Dolores sta facendo grandi progressi, tuttavia non vogliamo mettere a rischio la sua ripresa. Eravamo entusiasti di essere tornati in tour a condividere la nostra musica con i nostri fan, e non vediamo l’ora di tornare sul palco quanto prima”.
La band era attesa anche in Italia: il 12 giugno al Teatro degli Arcimboldi a Milano, il 23 giugno all’Anfiteatro Camerini di Piazzola sul Brenta, il 24 giugno a Firenze Rocks, il 26 giugno all’Auditorium Parco della Musica di Roma e il 27 giugno all’Arena della Regina di Cattolica.
Live Nation fa sapere che i concerti da headliner dei The Cranberries non verranno riprogrammati: i biglietti potranno essere rimborsati dei punti vendita di acquisto entro il 14 luglio per il concerto di Roma e entro il 20 luglio per i concerti di Piazzola sul Brenta e Cattolica. Chi ha acquistato i biglietti online su TicketOne.it riceverà una mail dal servizio clienti con le modalità per chiedere il rimborso.
L’annuncio non riguarda le date programmate in Nord America a partire dall’11 settembre.

 

The post MUSICA: CRANBERRIES ANNULLANO TOUR. NIENTE CONCERTI AL VISARNO appeared first on Controradio.